alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.994 con i morti che salgono a 221. In Campania nuovo record Coronavirus, un nuovo caso ad Atripalda e 93 in Irpinia Cinque offerte per la gestione del Farmer Market di Atripalda: l’assessore Musto: “c’è forte interesse” Padre Gerardo Di Paolo è il nuovo Direttore della Biblioteca Statale di Montevergine Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 69 in Irpinia Coronavirus, Idea Atripalda scrive al sindaco per chiedere un punto drive test per effettuare i tamponi naso-faringei L’Avellino travolge la Casertana: 3-1 il finale Si chiude la controversia giudiziaria tra il Comune di Atripalda e la Ingino Spa dopo che il Tar di Salerno dà ragione all’azienda agroalimentare Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.273. In Campania nuovo record Coronavirus, aumentano i contagi in Irpinia: 91 i nuovi casi. Ad Atripalda 3 i positivi

Abellinum, mercoledì mattina riapertura del parco archeologico per lavori urgenti. I Carabinieri rimuoveranno i sigilli

Pubblicato in data: 24/10/2011 alle ore:16:20 • Categoria: Attualità

lucchetti-ad-abellinumMercoledì 26 ottobre alle ore 10, la Soprintendenza ai beni Archeologici di Avellino e Salerno, con la presenza dei Carabinieri del Nucleo Tutela Patrimonio Culturale, riaprirà gli scavi dell’antica Abellinum di Atripalda. Il provvedimento è necessario per dare seguito alla sentenza del Tar che ha restituito il parco archeologico alla Soprintendenza per sessanta giorni, tempo necessario per effettuare alcuni lavori di somma urgenza. Lo scorso 3 ottobre, infatti, i dirigenti della Soprintendenza Riccardo Capuano e Maria Fariello, operai e custodi con il direttore dei lavori Matteo Sessa, il sindaco Aldo Laurenzano, l’ex assessore Nancy Palladino, la segretaria generale del Comune Clara Curto, Carabinieri e Vigili Urbani attesero per oltre un’ora l’arrivo della famiglia Dello Iacono che, invece, disertarono l’incontro di riconsegna degli scavi, così come deciso dal Tribunale Amministrativo di Salerno. Adesso questo sequestro cautelativo che consentirà anche l’ultimazione della copertura degli scavi e dei reperti, attualmente incustoditi e abbandonati all’incuria. L’Amministrazione comunale di Atripalda sta seguendo attentamente l’intera vicenda: dopo un periodo di scontri anche duri con la Soprintendenza, il Sindaco Aldo Laurenzano e la dott.ssa Fariello hanno inaugurato un nuovo percorso di collaborazione al fine di restituire gli scavi alla collettività atripaldese e a quella dell’intera provincia. «Stiamo seguendo con estrema attenzione e anche un pizzico di impazienza la vicenda – ha confessato il Sindaco Aldo Laurenzanoda troppo tempo, il nostro patrimonio storico e archeologico è bistrattato. Ora basta. La notizia del provvedimento di apertura del prossimo 26 ottobre ci lascia ben sperare, ma non bisognerà perdere altro tempo e cominciare subito l’intervento di messa in sicurezza dei reperti archeologici, perché stiamo rischiando davvero grosso».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *