alpadesa
  
Flash news:   Cinque offerte per la gestione del Farmer Market di Atripalda: l’assessore Musto: “c’è forte interesse” Padre Gerardo Di Paolo è il nuovo Direttore della Biblioteca Statale di Montevergine Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 69 in Irpinia Coronavirus, Idea Atripalda scrive al sindaco per chiedere un punto drive test per effettuare i tamponi naso-faringei Si chiude la controversia giudiziaria tra il Comune di Atripalda e la Ingino Spa dopo che il Tar di Salerno dà ragione all’azienda agroalimentare Coronavirus, i nuovi casi in Italia sono 21.273. In Campania nuovo record Coronavirus, aumentano i contagi in Irpinia: 91 i nuovi casi. Ad Atripalda 3 i positivi Coronavirus, Conte firma il nuovo Dpcm: da lunedì 26 ottobre bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti domenica e festivi Coronavirus, cresce la paura ad Atripalda per i nuovi casi: parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “contagio alunni non c’è motivo di allarme” L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlo l’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano

Sidigas, cinque atleti infortunati. La società cerca rinforzi sul mercato

Pubblicato in data: 25/10/2011 alle ore:14:17 • Categoria: Pallavolo, Sport

sidigas pallavolo atripalda - loretoSono soprattutto le condizioni degli infortunati a tenere banco in casa Sidigas alla ripresa degli allenamenti dopo la sconfitta di Reggio Emilia. Come se non bastassero i risultati, a rendere pessimo l’umore in casa pallavolo è il sommarsi di piccoli e grandi acciacchi che stanno affliggendo la rosa. Una condizione d’emergenza che preoccupa in vista delle tre partite in sette giorni che Marolda e compagni saranno chiamati ad affrontare dal prossimo turno. Domenica arriva al Del Mauro il Città di Castello, martedì nel giorno di ognissanti la serie A2 torna in campo e i biancoverdi faranno visita al Club Italia, sabato 5 novembre in anticipo (20.30) di nuovo tra le mura amiche la Sidigas ospita il Genova. Un tour de force che sopraggiunge in un momento delicato. Sì, il campionato è lungo, la formula play out consente veloci recuperi dell’ultima ora con una serie di risultati ma è chiaro a tutti, in primis alla dirigenza, che il treno salvezza va tenuto a portata di mano per salirci nel momento opportuno. Tornando al capitolo infortunati, in cinque hanno dovuto saltare gli allenamenti alla ripresa. L’ultimo esame ecografico per il via libera a capitan Bruno non dà l’esito sperato; la lesione è rientrata al 90percento, occorrerà ancora qualche giorno di riposo prima di poter ricominciare a schiacciare; con la caparbietà e la voglia che lo contraddistinguono il numero uno potrebbe farcela in extremis per domenica. Fastidi ad un ginocchio per l’ungherese Nemeth costretto ad uscire dal campo nel primo set contro Reggio: non dovrebbe trattarsi di nulla di grave; tra accertamenti, esami e cure lo staff medico sarà comunque costretto a gestire il suo impiego in settimana. Stesso spartito per un indolenzimento muscolare accusato da Scialò alla schiena e da D’Avanzo alla gamba. Per il fisioterapista D’Ambrosio queste sono ore di super lavoro. L’unica nota “lieta” è rappresentata dai progressivi miglioramenti di De Paula che rispetta in pieno la tabella di marcia verso il rientro.  La primaria necessità ora è di allenarsi a ranghi completi, i preziosi ragazzi delle giovanili potrebbero non bastare. In anticipo rispetto ai piani la società si vede costretta a dover guardare nuovamente al mercato. L’obiettivo della dirigenza è vagliare con oculatezza le opportunità che dovessero presentarsi. La strategia corre su due binari: irrobustire la rosa con forze fresche capaci sin da subito di recitare un ruolo importante nel campionato di A2; investire su atleti che possano rientrare in un progetto prolungato nel tempo.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *