alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, i Carabinieri denunciano due persone del capoluogo Irpino per false segnalazioni su Facebook e procurato allarme Coronavirus, avviso alla cittadinanza di Atripalda del sindaco Spagnuolo: “Comunicate i vostri spostamenti in questi ultimi 15 giorni da e verso le zone focolaio del virus in Italia e all’estero” Elezione presidente Consiglio d’Istituto Comprensivo “De Amicis-Masi” Atripalda, lettera aperta della componente genitori guidata da Lia Gialanella: “non ci è parsa una buona partenza” Coronavirus: il figlio rientra in Irpinia da Codogno, famiglia in quarantena a Montefusco Ad Atripalda sabato pomeriggio arriva “Carnevale in Piazza” Taglio pioppi in via San Lorenzo, l’intervento della delegata al Verde Pubblico Anna De Venezia: “abbattimento dopo verifica tecnica e di un agronomo”. Foto Taglio pioppi in via San Lorenzo, scoppia la polemica sui social. L’attivista del M5S Antonello Di Guglielmo scrive su Facebook: “Ambiente punto di non ritorno” Lunedì crocevia per la tenuta del bilancio comunale di Atripalda: maxi debito in Consiglio con il piano di rateazione Avellino Calcio, Circelli: “pronto a rilevare le quote di Izzo e soci con nuovi imprenditori” Alvanite Quartiere Laboratorio, incaricata azienda di Ferrara di adeguare il progetto alla variata normativa energetica

Eccellenza, Città di Atripalda – Montecorvino Rovella Campagna: 0-1

Pubblicato in data: 29/10/2011 alle ore:22:58 • Categoria: Sport, CalcioStampa Articolo

maioranoTabellino

Città di Atripalda: Caruccio 5, Tancredi 6, Sicignano 6, Rupa 6, Stompanato 5.5, Tirri 5.5, Vecchione 5, Raffone 4.5, Simone 6 (31′ s.t. De Turris s.v.), Ambrosio 6 (22′ s.t. D’Acierno s.v.), Modesto 5 (25′ s.t. Cerullo 5.5).
A disp.: Imparato, Barletta, Medugno, Santucci.
Allenatore: Montanile 6.

Montecorvino Campagna: D’Antuono 6, Aversano 6, Fiorillo 6, Rodio 5.5, Marciano 6.5 (43′ s.t. Buoninfante s.v.), Ruocco 6.5, Dede 5, Guerrera 6 (39′ s.t. De Stefano s.v.), Tranfa 5.5, Silva 6.5, Napodano 4.5 (31′ s.t. Busillo s.v.).
A disp.: Bufano, Passaro, Maiorano, Magliano.
Allenatore: Maiorano 6.5.

Arbitro: Palermo di Bari 5.5.
Assistenti: Tuccillo di Torre del Greco e Bagnati di Ercolano.
Marcatori: 24′ s.t. Silva.
Ammoniti: Tirri, De Turris (CA), Rodio, Napodano, Tranfa, D’Antuono (MC).
Note: presenti sugli spalti 200 spettatori circa.

Cronaca
C’è voluto un guizzo di Silva su azione da fermo per consentire al Montecorvino Campagna di piegare la resistenza di un arcigno Città di Atripalda. Gli uomini di Montanile hanno resistito per trequarti di gara ma sono crollati proprio quando gli ospiti sembravano non avere più la forza per affondare. Si interrompe così l’imbattibilità casalinga dei biancoverdi che si sono fatti apprezzare sotto il profilo caratteriale. La formazione di Maiorano porta a casa tre punti d’oro nella rincorsa alla capolista Agropoli che resta sempre a -1. Il Città di Atripalda si presenta all’appuntamento in piena emergenza: oltre alle defezioni dei vari Saviano, Vacca e Galliano si aggiunge quella dell’ultim’ora di Mesisca davanti alla difesa. Al posto del mediano sannita c’è Rupa mentre per il resto confermati modulo e uomini del successo di Faiano (ad eccezione dello squalificato Galliano, sostituito dal baby Stompanato). Ospiti senza Letizia, messo ko da un attacco febbrile. Maiorano sceglie il 4-4-2 con la coppia Silva-Tranfa in avanti. Napodano gioca sulla linea dei centrocampisti pronto ad offendere sulla propria corsia di competenza. Nelle fasi iniziali le squadre si studiano. Il Montecorvino Campagna prova ad imporre il proprio gioco ma deve fare i conti con la foga dell’avversario che viaggia sulle ali dell’entusiasmo in virtù delle due vittorie di fila. Così la partita decolla soltanto al 17′ quando, dopo un pasticcio difensivo atripaldese, Silva mette Tranfa a tu per tu con Caruccio ma la sua battuta a rete termina clamorosamente a lato di un soffio. Incredibile l’errore del bomber ex Battipagliese al rientro dopo un turno di squalifica. Il Montecorvino Campagna conferma il momento favorevole un minuto dopo con Aversano che su azione da corner salta più in alto di tutti ma il suo colpo di testa finisce di poco alto sul montante. L’undici granata fa la partita e controlla agevolmente. I padroni di casa cercano di colmare il gap tecnico con l’intensità affidandosi a sporadiche folate che si esauriscono in tentativi confusionari. Poco dopo la mezz’ora arriva la terza palla palla gol per gli ospiti ancora con Tranfa che raccoglie il tiro sporco di Napodano ma il suo rigore in movimento a botta sicura viene provvidenzialmente murato dalla difesa. I sabatini di fanno vivi dalle parti di D’Antuono soltanto nel primo minuto di recupero con Raffone che in corsa appena entrato in area gira col destro ad incrociare con palla che termina di poco a lato. Sulla scia della buona occasione costruita, gli uomini di Montanile entrano in campo nella ripresa con un piglio diverso anche se mancano di incisività negli ultimi sedici metri. Il Montecorvino cala vistosamente non riuscendo più ad essere pericoloso come nel primo tempo. Ma proprio quando il Città di Atripalda matura la convinzione di riuscire a portare a casa un punto prezioso arriva l’inatteso vantaggio ospite. La punizione di Rodio sulla trequarti trova in mischia la testa di Silva bravo a rubare il tempo a Caruccio che ritarda l’uscita. L’acuto del centravanti argentino taglia le gambe all’avversario e decide il match che nella sua restante parte non ha più nulla da raccontare se non gli sterili tentativi dei padroni di casa di agguantare il pari.

Spogliatoi
Nessun dramma ma resta un po’ di rammarico tra i padroni di casa. Una sconfitta contro una corazzata come il Montecorvino Campagna può starci ma brucia per com’è maturata. L’umore atripaldese è esternato da mister Montanile che non ha nulla da rimproverare ai suoi: “Sono amareggiato perché abbiamo dimostrato di aver saputo tener testa ad una grande squadra. Dispiace per i ragazzi che hanno interpretato al meglio la gara e hanno tenuto bene il campo. Soprattutto nel secondo tempo abbiamo messo maggiore intensità creando qualche problema all’avversario. Ad un certo punto eravamo convinti di poter portare a casa il pareggio ma siamo stati puniti da un episodio. Credo che la differenza l’abbia fatta soprattutto l’esperienza degli avversari. Abbiamo giocato con una squadra molto giovane. Non sono abituato a parlare degli assenti ma ho dovuto fare a meno di quattro elementi fondamentali. Non facciamo drammi. La prestazione mi lascia soddisfatto“. Il tecnico biancoverde, che ha affrontato entrambe le squadre impegnate nel testa a testa, dice Montecorvino per la vittoria finale: “Non ho visto un buon Agropoli contro di noi. Sinceramente mi aspettavo qualcosa di più. Il Montecorvino a mio giudizio è più organizzato. Mi ha impressionato maggiormente sotto il profilo del gioco“. Per gli ospiti mister Maiorano (foto) esalta il cinismo del Montecorvino, arma letale da sfoderare quando non si è in giornata. Il trainer granata sottolinea l’importanza del risultato e ammette di aver ammirato non il Montecorvino migliore: “Sapevamo di giocare su un campo ostico contro un avversario galvanizzato dagli ultimi risultati. Non era facile fare bottino pieno perché sappiamo che gli avversari quando affrontano una squadra come la nostra hanno maggiori stimoli e danno il massimo. Una prova non brillante può starci. Non si può sempre vincere e giocare bene insieme. Ho visto un buon gioco soltanto a sprazzi. Purtroppo sono costretto continuamente a cambiare modulo a causa delle assenze. Per questo motivo la squadra non ha ancora un’identità precisa ma ho la fortuna di avere a disposizione calciatori in grado di adattarsi bene a tutte le situazioni. Siamo stati bravi a colpire quando sembrava che non avessimo più le forze per farlo ma ci abbiamo creduto fino in fondo. L’importante è aver conquistato tre punti fondamentali“. Il prossimo impegno vedrà il Montecorvino Campagna opporsi alla Sanseverinese in Coppa Italia. Sfida di prestigio che Maiorano non snobba, anzi: “La nostra squadra è stata allestita per lottare su tutti i fronti. Siamo in grado di poter dire la nostra sia per il vertice che per la vittoria della Coppa Italia. Abbiamo il dovere di provarci per ripagare gli sforzi della società“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *