alpadesa
  
Flash news:   Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano Emergenza Covid, ecco le nuove misure del governo. Palestre e piscine aperte hanno 7 giorni per adeguarsi, strade e piazze chiuse dalle 21 solo se deciso dai sindaci Finisce con la moto contro la parete all’ingresso della galleria del raccordo autostradale: morta 52enne di Avellino Consorzio dei Servizi Sociali A5, dopo l’elezione di Vito Pelosi parla Nancy Palladino: «Non c’era alcun accordo politico tra Pd e Iv, anzi se ci fosse stato io non ne ero a conoscenza» Coronavirus, sono 10.925 i nuovi contagi: mai così tanti dall’inizio della pandemia Coronavirus, il sindaco Spagnuolo tranquillizza i genitori degli alunni della Masi sottoposti a tampone: “i report parziali segnalano una negatività al covid-19”

Scontro Pd-Laurenzano, per La Sala (MèL): “Non si sa se ridere o piangere….”

Pubblicato in data: 2/11/2011 alle ore:13:01 • Categoria: Merito è Libertà, Politica

lello la salaIl coraggio e l’ipocrisia
Veramente, a questo punto, non si sa se ridere o piangere…
Farsa, avanspettacolo, pantomima, a meno che non si debba evocare di qui a poco…la tragedia… (che pure ogni tanto -spesso- si affaccia alla cronaca cittadina) le parole si dissolvono in un plumbeo nulla, in cui protagonisti e comparse (come il Nerone di Petrolini)… aspettano -e vengono zittiti- dall’applauso…, bravo, grazie.
Sarebbe pure divertente…lo spettacolo… se sedicenti ‘responsabili’ di ogni colore non si azzuffassero irresponsabilmente da più di sei mesi (ma Laurenzano, persona evidentemente informata dei fatti, ha detto ‘scannassero’ nell’ultima, surreale, seduta di Consiglio del 12 ottobre).
Tutto già visto, tutto già detto, con un largo e facilmente prevedibie anticipo sui fatti, tra puerili ripicche, reazioncelle isteriche, e colpi proibiti..siamo al punto che il sindaco…per caso riscrive da mesi la stessa lettera (l’ultima di ieri) e rilancia la stessa sfida (dimettevi se avete le…il coraggio) e il dottormedico Tomasetti…la stessa risposta, in una batteria di reciproci preultimatum-giocattolo (tanto pe’ cantà…pe’ fa’ quarche cosa…) che rinviano sine die la irresponsbilità pubblica di una ex maggioranza allo sbando e la irrequietezza privata di ambizioni smodate.
In una coazione di parole che sfumano nel loro contrario…(insomma Laurenzano è un piedìno…o no? O sarà piuttosto un piedìno super…partes…senza vincoli e senza regole…insomma un rissoso don Rodrigo di quartiere, un arrogante tirannello di paese, la controfigura di un anacronistico podestà da cacciare a…furor di popolo?) Atripalda vive una stagione di paralisi amministrativa e di emergenze presunte, mentre quelle vere (del disagio sociale, del dissesto idro-geologico, della disoccupazione, dei piccolli e grandi appalti, dei compari e dei comparielli, della svendita del patrimonio comunale, di Abellinum e Palazzo Caracciolo, del bilancio al predissesto) si dissolvono nell’indifferenza e negli egoismi -o peggio ancora in vuota propaganda- che cancellano ogni sussulto di decenza.
Che fare?
Si convochi il Consiglio Comunale: se non ne è capace o non ne ha la forza l’opposizione…lo faccia il Pd o lo facciano i Cives (da soli o con altri, ma con pari dignità, senza primogeniture, senza finte, senza trucchi e senza inganni), eventualmente si chiedano in Consiglio -se necessario- le firme per ‘dimissionare’ un sindaco ritenuto dai più (anche da chi in buona fede gli aveva creduto) un penosissimo bluff, consumato alle spalle di Atripalda e degli Atripaldesi, un arruffapopolo in cui non si sa se è più pericolosa l’incapacità gestionale e politica o l’umoralità bizzosa.
E’ chiaro che nulla sarà come prima…ma una verità coraggiosa può ridare dignità ed onore…più di tante mediocri ipocrisie.

Raffaele La Sala
consigliere comunale minoranza “Merito è Libertà”

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *