alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano Emergenza Covid, ecco le nuove misure del governo. Palestre e piscine aperte hanno 7 giorni per adeguarsi, strade e piazze chiuse dalle 21 solo se deciso dai sindaci Finisce con la moto contro la parete all’ingresso della galleria del raccordo autostradale: morta 52enne di Avellino Consorzio dei Servizi Sociali A5, dopo l’elezione di Vito Pelosi parla Nancy Palladino: «Non c’era alcun accordo politico tra Pd e Iv, anzi se ci fosse stato io non ne ero a conoscenza» Coronavirus, sono 10.925 i nuovi contagi: mai così tanti dall’inizio della pandemia Coronavirus, il sindaco Spagnuolo tranquillizza i genitori degli alunni della Masi sottoposti a tampone: “i report parziali segnalano una negatività al covid-19” Coronavirus, dipendenti comunali sottoposti a test sierologico: tutti negativi Coronavirus, De Luca riapre asili e nidi in Campania

L’allarme di Moschella: “Non si trascuri il rischio idrogeologico in città”

Pubblicato in data: 3/11/2011 alle ore:14:34 • Categoria: Attualità, Politica

allagamento-ponte-delle-filande1“I recenti terribili fatti che registratisi in Liguria e in Toscana a causa delle piogge e delle alluvioni, deve accendere un campanello di allarme in tutti i nostri amministratori”. Così il giovane politico atripaldese Vincenzo Moschella. “Sia chiaro, non viviamo la stessa situazione di emergenza e rischio idrogeologico ma esistono situazioni che non devono essere trascurate anche nella cittadina del Sabato. Il primo riferimento è sicuramente a via Delle Filande (foto archivio), dove un ponte troppo basso e un letto del fiume completamente cementificato fanno tremare i residenti di via Pianodardine a ogni piccola pioggia. Discorso simile anche in via Appia: stessa preoccupazione per i residenti e per i commercianti, a causa delle foglie secche dei platani e di un sistema di raccolta delle acque bianche, assolutamente insufficiente per la popolazione residente nella strada. Sono anni che i residenti e i commercianti chiedono una pulizia dei tombini dalle foglie secche, per evitare ingorghi che sono la causa principali di allagamenti, pericolosissimi per gli automobilisti, per i pedoni e per le attività commerciali, spesso invase dalla forza dell’acqua.
vincenzo_moschellaUna situazione che segnalo con forza all’Amministrazione comunale, affinché si adoperi in tempi strettissimi, prima della stagione invernale e delle piogge, e ripulisca con cura le strade e i tombini, vigilando sulla corretta rimozione delle foglie da parte dei netturbini. Situazione simile anche in contrada San Gregorio, dove il pericolo maggiore oltre all’acqua è il fango: ci sono interi quartieri letteralmente tagliati fuori dal resto della città, in occasione di piogge torrenziali. Intere strade ingoiate dalla forza del fango e da dissesti idrogeologici, causati dall’assoluta noncuranza degli amministratori che si sono succeduti negli anni. Contrada Pettirossi, contrada Giacchi, via Novesoldi e la stessa contrada Alvanite vivono situazioni di emergenza per quanto riguarda la circolazione stradale. Abbiamo assistito negli anni a piccole catastrofi ambientali e solo la fortuna e la prontezza degli abitanti e dei residenti ha evitato che ci scappasse la vittima di turno. L’invito, dunque, è quello di realizzare almeno una mappa delle emergenze e dei punti critici, in modo da essere pronti all’arrivo delle nuove piogge. Sapere dove e quando intervenire è un vantaggio spesso fondamentale per salvaguardare la propria città e i propri cittadini. Si potrebbe lavorare anche sul “come intervenire”, magari preparando il nostro corpo di Protezione civile, in attesa di interventi strutturali troppo spesso procrastinasti a causa della classica penuria di fondi comunali e statali”.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *