alpadesa
  
sabato 24 ottobre 2020
Flash news:   L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlol’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano Spaccio di marijuana: salta il confronto in Tribunale tra due imputati atripaldesi e testimoni per difetto di notifica Incidente sulla Variante ad Atripalda tra due auto e un camion: due feriti trasportati al Moscati. Foto Coronavirus, i contagi in Irpinia crescono di 91: si registra un altro caso ad Atripalda Coronavirus, il governatore De Luca: “indispensabile decidere subito il Lockdown” Le aule dell’ex liceo scientifico di via Appia da dicembre utilizzate per la didattica dell’Istituto Comprensivo di Atripalda L’Avellino corsara a Foggia vince 1-2 Sono 16.079 i nuovi contagi in Italia. Ad Atripalda i casi totali finora sono 16 Ordinanza coprifuoco Campania: operativa da venerdì 23 ottobre Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia

Rifiuti, il Tar del Lazio boccia l’emendamento Salvatore. Soddisfatto il presidente della Provincia Sibilia

Pubblicato in data: 6/11/2011 alle ore:12:30 • Categoria: Attualità, Politica

Il Tar del Lazio boccia l’emendamento Salvatore proposto dalla Regione Campania e osteggiato dal Presidente della Provincia di Avellino, senatore Cosimo Sibilia. L’emendamento avrebbe imposto alle Province di Avellino, Benevento e Caserta la modifica dei propri Piani provinciali relativi alla gestione del ciclo dei rifiuti per consentire l’apertura sui propri territori di nuovi siti di discarica a servizio delle aree metropolitane, cioè Napoli e Salerno. Bocciata, quindi, la linea del Governatore della Campania Stefano Caldoro che aveva sostenuto l’emendamento. Sospesa, quindi, dal Tribulale Amministrativo Regionale l’esecutività della delibera della Giunta regionale campana datata agosto 2011. Secondo la Magistratura amministrativa, come si legge dalla nota, la delibera regionale in questione non poteva assumere questa posizione in mancanza dei Piani d’ambito delle Province di Napoli e Salerno dai quali risultasse la impossibilità da parte delle stesse di far fronte alla situazione e di individuare sui propri territori siti di discarica idonei.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *