domenica 14 luglio 2024
Flash news:   Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti” 49enne residente ad Atripalda rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia minore Nuovi rinforzi per la sicurezza dell’Irpinia: 13 Carabinieri assegnati al Comando Provinciale di Avellino L’Us Avellino ingaggia il portiere Antony Iannarilli 45enne di Atripalda acquista un motocoltivatore su internet ma è una truffa  A Mongève Giuseppe Calabrese primo italiano a tagliare il traguardo

La Camera vota il Rendiconto con 308 sì ma Berlusconi non ha più la maggioranza

Pubblicato in data: 8/11/2011 alle ore:16:18 • Categoria: Politica

silvio-berlusconiSi al Rendiconto di Bilancio dalla Camera dei Deputati (foto). Con 308 voti favorevoli (309 votanti: 308 voti a favore, un astenuto e nessun voto contrario) arriva il via libera da Montecitorio al documento contabile dello Stato.
Ma la votazione sugella anche la fine della maggioranza targata Pdl-Lega per il presidente del Consiglio, Silvio Berlusconi, che da 316 (maggioranza assoluta) scende a 308.
Sul rendiconto l’opposizione è rimasta in Aula per garantire il numero legale, ma senza votare. Questa la decisione presa da Pd, Idv e Terzo Polo. In tutto 321 onorevoli che non hanno votato, astenendosi.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *