alpadesa
  
sabato 31 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, altri due contagi ad Atripalda e 163 in Irpinia Allarme al Distretto Sanitario di Atripalda: accertata la positività al Covid-19 di alcuni operatori sanitari e non nell’area materno infantile. Al via i tamponi e sanificati gli ambulatori Al via gli interventi di rifacimento del manto stradale di via Serino ad Atripalda. Foto Si appropriò indebitamente dell’auto della sua fidanzata di Atripalda: prosciolto dal processo Coronavirus, nuovo record in Italia: sono 31.084 i nuovi contagi Coronavirus, altri cinque contagi ad Atripalda e 137 nuovi casi in Irpinia Coronavirus, da lunedì in Campania chiudono anche le scuole dell’Infanzia L’AssoApi di Roma si aggiudica la gestione per un anno del Farmer Market di Atripalda. L’assessore Musto: “Il Comune incasserà oltre dieci mila euro” Minaccia una coppia di vicini a contrada Alvanite: 55enne di Atripalda assolto dal Giudice Ognissanti e Commemorazione dei defunti: misure anti-contagio al Cimitero di Atripalda

Aggredì e minacciò in Comune dipendenti e vigili, condannato ad 8 mesi di arresti domiciliari e permesso al lavoro

Pubblicato in data: 24/11/2011 alle ore:10:46 • Categoria: Cronaca

tribunale-av-ingressoÈ stato condannato ad otto mesi, da scontare agli arresti domiciliari, con il permesso di potersi recare al lavoro il netturbino 46enne di Atripalda accusato di violenza, minaccia a pubblico ufficiale e porto abusivo di arma bianca. E’ quanto deciso ieri durante il processo per direttissima dai giudici del Tribunale di Avellino chiamati a pronunciarsi sull’arresto del netturbino atripaldese sfrattato che la scorsa settimana, armato di due coltelli, si era recato al Comune aggredendo dipendenti e vigili.
F.R., classe 1965 del posto, pregiudicato, operatore ecologico, coniugato con 4 figli e con una storia famigliare decisamente travagliata e triste, per opporsi ad uno sfratto e richiedere l’assegnazione di un alloggio comunale si era portato in Municipio. Qui nelle stanze comunali l’uomo è andato in escandescenza, ingaggiando una colluttazione con vari dipendenti comunali e con i vigili urbani accorsi sul posto. Sono volate sedie, carte e suppellettili, tra le urla delle dipendenti comunali e le minacce esplicite dell’uomo, rivolte contro il Sindaco e tutta l’amministrazione comunale.
L’uomo, poi bloccato era stato arrestato dal Comandante della Stazione Carabinieri di Atripalda, Costantino Cucciniello.
A difendere il netturbino gli avvocati Paolo Spagnuolo e Luca Penna.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *