alpadesa
  
Flash news:   Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano Emergenza Covid, ecco le nuove misure del governo. Palestre e piscine aperte hanno 7 giorni per adeguarsi, strade e piazze chiuse dalle 21 solo se deciso dai sindaci Finisce con la moto contro la parete all’ingresso della galleria del raccordo autostradale: morta 52enne di Avellino Consorzio dei Servizi Sociali A5, dopo l’elezione di Vito Pelosi parla Nancy Palladino: «Non c’era alcun accordo politico tra Pd e Iv, anzi se ci fosse stato io non ne ero a conoscenza» Coronavirus, sono 10.925 i nuovi contagi: mai così tanti dall’inizio della pandemia Coronavirus, il sindaco Spagnuolo tranquillizza i genitori degli alunni della Masi sottoposti a tampone: “i report parziali segnalano una negatività al covid-19” Coronavirus, dipendenti comunali sottoposti a test sierologico: tutti negativi

Cfs Edilizia, costruttori e ingegneri a confronto domani su piano casa e green building

Pubblicato in data: 1/12/2011 alle ore:08:22 • Categoria: Attualità

scuola-edile-cfsPiano casa e bioedilizia. Se ne discute nell’incontro in programma domani venerdì 2 dicembre, alle ore 10, al Centro per la Formazione e la Sicurezza in Edilizia della provincia di Avellino con sede ad Atripalda. Al workshop partecipano Michele Di Giacomo ed Antonio Famiglietti rispettivamente presidente e vicepresidente del Cfs irpino. Seguono le relazioni degli ingegneri Antonio Iannuzzi e Michele Famiglietti su “Analisi delle opportunità del Piano Casa e implementazione del protocollo Itaca” e su “Criticità nel rapporto tra la Pubblica Amministrazione e l’intervento del Privato“. Le conclusioni sono affidate ad Angelo D’Agostino, presidente dell’Associazione costruttori edili della provincia di Avellino. L’incontro, dal titolo “Piano casa e protocollo Itaca: nuove opportunità di business per l’impresa“, apre una finestra informativa sui vantaggi offerti dal piano nazionale di edilizia abitativa: strumento che dà la possibilità al singolo cittadino di effettuare interventi di ampliamento e ricostruzione della propria abitazione, unitamente ad operazioni per la riqualificazione urbana. Al centro del dibattito anche i principali nodi che hanno ostacolato la mancata e completa applicazione del Piano Casa e del protocollo Itaca in ambito regionale. Un sistema di valutazione della qualità ambientale per gli edifici residenziali le cui linee guida sono state approvate di recente da Palazzo Santa Lucia. Il protocollo nasce dal gruppo di lavoro sulla bioedilizia di Itaca (Associazione federale delle regioni italiane) che a sua volta ha adottato il sistema di certificazione sviluppato dal Green Building Challenge (Gbc), cui partecipano 20 nazioni. È un sistema a “punteggio” che consente di valutare e certificare il livello di sostenibilità degli interventi edilizi, nonché di stabilire le soglie minime al di sotto delle quali non è consentito il rilascio delle certificazioni. L’utilizzo di questo strumento fornisce, dunque, ai tecnici progettisti, alle amministrazioni comunali e agli imprenditori i mezzi per attuare le politiche energetico-ambientali a livello locale, garantendo la sostenibilità ambientale “Oggi – spiega il presidente Di Giacomo – per costruire un edificio in maniera corretta, è necessario tenere in considerazione una progettazione attenta alla prestazione energetica dell’immobile. Ciò significa valutare quanto la realizzazione del manufatto e la sua successiva fase di esercizio contribuiranno al prelievo di risorse dal nostro ecosistema. Questo incontro vuole fare il punto sullo stato di attuazione del Piano Casa su scala provinciale, sulle norme che lo disciplinano, chiarendo gli aspetti ancora controversi ed illustrando le direttrici per la sostenibilità energetica ed ambientale degli edifici che dovranno essere seguite nel settore delle costruzioni“.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *