alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia Vandali di nuovo in azione nel centro storico, imbrattata Piazzetta degli Artisti ad Atripalda: lo sdegno sui social. Foto Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati Finisce in pareggio il derby campano tra Avellino e Juve Stabia La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto

Revoca della sorveglianza speciale per pregiudicato atripaldese

Pubblicato in data: 5/12/2011 alle ore:18:24 • Categoria: Cronaca

tribunale-generica-aula-bunker2L’ottava sezione della Corte di Appello di Napoli ha revocato la sorveglianza speciale per G.L., 35enne pregiudicato atripaldese. Al 35enne, resosi in passato  responsabile di diversi episodi di rapina ed estorsione proprio nella cittadina della valle del Sabato, era stata applicata dal Tribunale di Avellino la misura della sorveglianza speciale con obbligo di dimora nel comune di Atripalda per la durata di anni 2.
La Corte di Appello, a seguito di impugnazione, ha accolto in pieno la tesi sostenuta dagli avv.ti Gaetano Aufiero e Mauro Alvino, legali del giovane atripaldese, revocando la sorveglianza speciale per il 35enne.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *