alpadesa
  
domenica 18 agosto 2019
Flash news:   Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi Nozze d’oro Nappa-Santella, auguri

Conferenza stampa sul Puc dell’assessore all’Urbanistica Luigi Tuccia pronto a rassegnare le dimissioni mentre attacca Cives: “Sconsiderato bocciare il Piano”

Pubblicato in data: 6/12/2011 alle ore:18:13 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

luigi-tucciaE’ fissata per domani mattina, alle ore 11, presso la sala giunta del Comune, una conferenza stampa sul Puc convocata dall’assessore all’Urbanistica Luigi Tuccia (Pd). Proprio il Piano urbanistico comunale ha rapresentato il grande scoglio sul quale il sindaco ha incassato due settimane fa il voto di sfiducia del consiglio comunale chiamato a votare le linee programmatiche di fine consiliatura.
Il Pd ed il Sindaco infatti avevano inserito tale punto nel documento politico presentandolo all’aula, ma il gruppo «Centrosinistra per Atripalda» aveva criticato la scelta, votando poi contro e sfiduciando nei fatti Laurenzano.
Tuccia perciò bacchetta “Cives” ed il gruppo “Centrosinistra per Atripalda” affermando:”Bocciando il Puc, i consiglieri comunali appartenenti al gruppo Cives hanno deliberatamente deciso di sacrificare sull’altare di un miope tornaconto politico gli interessi della comunità atripaldese. Il Piano urbanistico comunale, in altri termini – afferma l’amministratore – ha rappresentato l’occasione perfetta per portare l’ultimo e letale affondo a questa Amministrazione ed in particolare al sindaco Laurenzano. Un attacco evidentemente pianificato da tempo che non trova alcuna legittimazione nelle risibili argomentazioni a cui i rappresentanti di Cives ricorrono per dar conto alla pubblica opinione di quanto avvenuto. Sostenere che è stato pianificato un Puc funzionale non si sa bene a quali interessi particolari per “mettere le mani sulla città”, è semplicemente ridicolo. Attacchi figli di viltà e povertà morale ai quali è necessario, tuttavia, reagire con fermezza. Come è noto, i progettisti sono ancora impegnati in un prezioso lavoro di analisi e di ascolto con i cittadini e le associazioni proprio per la definizione di un Piano urbanistico comunale condiviso e socializzato. Con il voto contrario, in realtà, i consiglieri Cives hanno impedito all’Amministrazione di continuare nel percorso di confronto e di comprensione delle istanze della comunità per il buon governo del territorio. Un attacco politico, come detto, congeniato strumentalmente per creare le condizioni necessarie ad aprire la crisi dell’Amministrazione. E’necessario che gli atripladesi sappiano esattamente cosa è avvenuto nel corso dell’ultimo Consiglio comunale ed è per tale ragione che mercoledì 07/12/2011, alle ore 11 presso la sala della Giunta del Comune di Atripalda, è convocata una conferenza stampa aperta alla partecipazione di tutti i cittadini“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 2,33 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *