alpadesa
  
domenica 25 ottobre 2020
Flash news:   Coronavirus, aumentano i contagi in Irpinia: 91 i nuovi casi. Ad Atripalda 3 i positivi Coronavirus, Conte firma il nuovo Dpcm: da lunedì 26 ottobre bar e ristoranti chiusi dalle 18 ma aperti domenica e festivi Coronavirus, cresce la paura ad Atripalda per i nuovi casi: parla il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “contagio alunni non c’è motivo di allarme” L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlo l’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano Spaccio di marijuana: salta il confronto in Tribunale tra due imputati atripaldesi e testimoni per difetto di notifica Incidente sulla Variante ad Atripalda tra due auto e un camion: due feriti trasportati al Moscati. Foto Coronavirus, i contagi in Irpinia crescono di 91: si registra un altro caso ad Atripalda Coronavirus, il governatore De Luca: “indispensabile decidere subito il Lockdown” Le aule dell’ex liceo scientifico di via Appia da dicembre utilizzate per la didattica dell’Istituto Comprensivo di Atripalda L’Avellino corsara a Foggia vince 1-2

Restauro Monumento ai Caduti di piazza Umberto, firmata la convenzione tra Comune e Soprintendenza. A febbraio il via ai lavori

Pubblicato in data: 16/12/2011 alle ore:10:37 • Categoria: Attualità

firma-protocollo-statua-sovrintendenzaIl Monumento ai Caduti di piazza Umberto I ritornerà al suo vecchio splendore: questa mattina, nel Municipio di Atripalda, infatti, è stata firmata la convenzione tra il Comune di Atripalda e la Soprintendenza per i Beni Storico, Artistici ed Etnoantropologici per le province di Salerno e Avellino per il restauro della statua. Alla presenza della Segretaria comunale, la dott.ssa Clara Curto, il Sindaco Aldo Laurenzano e il responsabile della Soprintendenza Giuseppe Muollo hanno firmato il documento con cui si potranno avviare i lavori di restauro già a partire dal mese di febbraio prossimo. «Abbiamo firmato questa convenzione per la realizzazione di un progetto di restauro elaborato da me e dal geometra Lucio Marseglia – ha spiegato Muollo – la dott.ssa Curto avrà il compito di espletare le incombenze burocratiche per la pubblicazione della gara di appalto dei lavori che saranno diretti dalla Soprintendenza». Un paio di mesi al massimo per l’inizio dei lavori, giusto il tempo per indire un bando a invito diretto alle società di restauro che dovranno avere precisi requisiti tecnici e organizzativi. «Sarà necessario aspettare solo i tempi tecnici per espletare la gara con metodo semplificato, giacchè l’importo è minimo – ha spiegato la Curto – è verosimile pensare che tutto comincerà a fine febbraio, anche se bisognerà poi attendere le condizioni climatiche migliori per allestire il cantiere». L’intervento dovrebbe avere una durata di centoventi giorni. «La difficoltà maggiore di questo intervento è il restauro dei bronzi – continua Muollo – che comporterà un tempo maggiore, ma abbiamo interesse e stimoli a chiudere nel minor tempo possibile e restituire alla città un simbolo della sua identità». Il monumento ai caduti di Atripalda è stato anche catalogato dalla Direzione Regionale del Ministero per i Beni e le Attività Culturali. «Nella convenzione, la dott.ssa Curto è stata così attenta da inserire anche la possibilità di una pubblicazione con l’intervento di restauro e uno studio sul monumento – conclude Muollo – se ci sarà anche la disponibilità economica, consegneremo lo studio con una introduzione del Sindaco». Grande soddisfazione anche del Sindaco Laurenzano: «Ringrazio Muollo e la Soprintendente Maura Picciau, finalmente dopo molti giorni e tante battaglie, potremo recuperare uno dei nostri simboli e per questo non posso non ringraziare la Sidigas, il cui contributo sarà fondamentale».

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *