alpadesa
  
Flash news:   Murata e bonificata l’ex scuola elementare di rampa San Pasquale dopo gli atti vandalici. FOTO Seconda edizione estiva del “Cinema in Piazzetta” Nancy Palladino eletta presidente del Consorzio dei Servizi Sociali A5: «coronamento di un impegno nelle politiche sociali che dura da venticinque anni» Sidigas, il Gip sequestra solo 8 milioni di euro Prima buca le ruote e poi deruba automobilisti anche in città, arrestato dai Carabinieri 30enne napoletano “1992-Le loro idee sono ancora vive”, venerdì convegno organizzato da Idea Atripalda Giardini di Palazzo Caracciolo, venerdì sera visita guidata della Pro Loco di Atripalda Istituto comprensivo “De Amicis-Masi”, il nuovo dirigente scolastico è Amalia Carbone Festa in onore di Maria SS.ma del Carmelo: processione, fuochi pirotecnici e notte bianca con artisti di strada “16 luglio 1969 – 16 luglio 2019”: dalla Terra alla Luna, sotto il cielo di Atripalda.

Terremoto politico al Comune, nota del Circolo Futuro e Libertà “F. Cecchin” di Atripalda

Pubblicato in data: 17/12/2011 alle ore:13:05 • Categoria: Politica, Futuro e Libertà per l'ItaliaStampa Articolo

simbolo-futuro-e-libertaL’articolo 141 del TUEL riporta tra i motivi di scioglimento del consiglio comunale, cessazione dalla carica per dimissioni contestuali, ovvero rese anche con atti separati purché contemporaneamente presentati al protocollo dell’ente, della metà più uno dei
membri assegnati. Ieri mattina 4 consiglieri del PD hanno protocollato le proprie dimissioni da consigliere comunale, come atto finale di uno scontro col Sindaco che si protrae ormai da un anno. Nell’arco della stessa mattinata sono state protocollate le dimissioni dei tre consiglieri dell’ UDC. Nel conteggio siamo a sette. Quindi insufficienti a determinare lo scioglimento del consiglio comunale. Le dimissioni del nostro consigliere comunale, non sarebbero servite a raggiungere lo scopo, in quanto il conteggio che deve arrivare a 11, si sarebbe fermato a 8 non trascurando la mancanza del requisito della CONTEMPORANEITA’.
Sulle dimissioni degli altri due consiglieri, che quasi venivano spedite con piccione viaggiatore o tramite segnali di fumo, stendiamo un velo pietoso. Quindi stando cosi le cose, il Sindaco entro dieci giorni può procedere alla surroga dei consiglieri dimissionari, facendo salva la propria poltrona. Questa premessa è doverosa per fare chiarezza ai cittadini che seguono sui media questi tecnicismi, senza peraltro capirci tanto. Ma serve anche per chiarire agli altri attori politici in campo che decisioni improvvisate, non concertate e soprattutto velleitarie non servono proprio a nessuno. La politica non si pratica sulle spinte dei ragionamenti da bar o per dare una risposta al compagno di bevute che critica l’attività consiliare. Intraprendere qualche iniziativa tanto per fare qualcosa, non serve. L’obiettivo è mandare a casa il Sindaco Laurenzano, visto che non si riesce con le strade indicate dal TUEL allora lo si deve ottenere coi ragionamenti ed i passaggi politici. Per questo Futuro e Libertà di Atripalda ritiene che le dimissioni dei 4 consiglieri- assessori del PD siano per ovvie l’atto finale di questa maggioranza. Su questo punto bisogna incalzare il sindaco spiegargli che ormai è abbandonato dalla sua stessa maggioranza e pertanto deve prendere atto che le sue dimissioni non sono più rinviabili: per il bene della città, stremata da un interminabile braccio di ferro e cosa non di secondo piano, per amor proprio. Poi siamo certi che il commissario prefettizio potrebbe solo far bene ad un comune come il nostro, dove la trasparenza non è mai stata di casa.

Il direttivo di FLI Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *