alpadesa
  
Flash news:   Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano Emergenza Covid, ecco le nuove misure del governo. Palestre e piscine aperte hanno 7 giorni per adeguarsi, strade e piazze chiuse dalle 21 solo se deciso dai sindaci Finisce con la moto contro la parete all’ingresso della galleria del raccordo autostradale: morta 52enne di Avellino Consorzio dei Servizi Sociali A5, dopo l’elezione di Vito Pelosi parla Nancy Palladino: «Non c’era alcun accordo politico tra Pd e Iv, anzi se ci fosse stato io non ne ero a conoscenza» Coronavirus, sono 10.925 i nuovi contagi: mai così tanti dall’inizio della pandemia Coronavirus, il sindaco Spagnuolo tranquillizza i genitori degli alunni della Masi sottoposti a tampone: “i report parziali segnalano una negatività al covid-19”

Rissa di Natale in viale Italia, minore colpisce al volto un coetaneo con un mattone. Grave 17enne atripaldese

Pubblicato in data: 27/12/2011 alle ore:11:10 • Categoria: Cronaca

viale-italia-avellinoNotte di Natale di paura per due minorenni: uno è grave in ospedale, l’altro, arrestato, è ora rinchiuso ai Colli Aminei.
E’ ‘epilogo amaro di una rissa in viale Italia ad Avellino (foto). Tutto è accaduto intorno alle 3.30 quando si è scatenata una furibonda lite tra un gruppo di coetanei. Durante la rissa è volata prima una bottigliata, che ha colpito in faccia un 18enne avellinese. Poi il 17enne finito in manette ha lanciato anche un mattone in tufo contro la testa di un altro 17enne, originiario di Atripalda, ferendolo gravemente: il giovane è ricoverato all’ospedale in prognosi riservata, in neurologia e rischia di perdere l’udito da un orecchio. Futili motivi sarebbero alla base della lite scatenatasi in viale Platani: una lite verbale degenerata subito in aggressione.
L’aggressore, poi arrestato, ha preso prima una bottiglia di birra e ha colpito un primo ragazzo, un 18enne, allo zigomo, causandogli delle lesioni (guaribili in 5 giorni). Dopo pochi minuti con un grosso mattone di tufo, scardinato da uno dei muretti che arredano il viale avellinese, l’ha scagliato contro il capo di un altro ragazzo. Il ragazzo, un 17enne originario di Atripalda, è stramazzato al suolo, mentre l’aggressore è scappato via. Immediatamente è stato lanciato l’allarme ai soccorsi. Giunti sul posto i medici del 118 hanno provveduto al trasportato d’urgenza in ospedale del giovane ferito, dove è stato ricoverato in prognosi riservata presso il reparto di Neurologia. Il giovane, che non versa in pericolo di vita, ha riportato un trauma cranio-facciale con ferite lacerocontuse a tutta la regione destra del volto, rottura del labbro, nonché un’otalgia, che potrebbe causargli una perenne diminuzione dell’udito da un orecchio.
Nel frattempo le indagini dei carabinieri hanno permesso di rintracciare il giovane aggressore. Portato in caserma, il ragazzino ha confermato l’accaduto. Il giovane è già indagato per allagamenti alle scuole di Avellino. La Procura dei Minori di Napoli, immediatamente avvertita dell’accaduto, ha disposto l’accompagnamento del 17enne presso il Centro per minori di Napoli – Colli Aminei.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *