alpadesa
  
Flash news:   AtripaldaNews augura buona Pasqua a tutti i lettori Cani randagi avvelenati, il sindaco emana un avviso per la presenza di esche e bocconi avvelenati. Appello dell’Aipa per il canile municipale Ricatto hard ad un parroco di Atripalda:“Paga o diffondo il video”. Tre a processo L’Avellino batte la Lupa Roma per 2 a 1 e riapre il campionato Via Crucis, grande attesa per la XXIII edizione di domani sera Incedente stradale sul Raccordo ad Atripalda: coinvolte 3 auto, ferito un ragazzo Mercato del giovedì, il sindaco illustra agli operatori commerciali il Piano di accorpamento a parco delle Acacie: ok alla fattibilità con lavori da 100mila euro. Foto “Noi Atripalda” interroga il sindaco sulla proroga del progetto Aurora e sul mancato pagamento dei relativi beneficiari Accorpamento del mercato del giovedì a parco delle Acacie, ambulanti convocati per questo pomeriggio a Palazzo di città. L’assessore Musto: “a disposizione 100mila euro per attrezzare l’area” Un connubio tra cultura e piacere di un caffè per scoprire lo scrittore che è in te

Ciao Giancarlo, questa mattina nella chiesa di Sant’Ippolisto l’ultimo saluto al vice allenatore della Sidigas

Pubblicato in data: 13/1/2012 alle ore:10:06 • Categoria: CronacaStampa Articolo

ciao_giancarloE’ il giorno del dolore. Questa mattina, alle 10, presso la chiesa di Sant’Ippolisto, ad Atripalda, si svolgerà la cerimonia funebre di Giancarlo Imbimbo (nella foto che compare sul sito della Pallavolo Sidigas Atripalda), secondo allenatore della Pallavolo Atripalda. Il coach è venuto a mancare mercoledì sera, a Teramo, dove era stato ricoverato dopo essere stato colpito da infarto, di ritorno dalla trasferta della sua Sidigas a Loreto. Lascia moglie e due figli.
La salma di Imbimbo ha fatto rientro nel primo pomeriggio di ieri dall’Abruzzo, prima di essere posta in una camera ardente, allestita a Torrette di Mercogliano. A rendere omaggio al compianto tanti atleti, amici, parenti, semplici conoscenti hanno voluto dare l’estremo saluto ad un uomo che ha fatto della pallavolo una ragione di vita.
I primi a giungere sul posto sono stati proprio i giocatori di Atripalda, visibilmente provati emotivamente.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *