domenica 14 luglio 2024
Flash news:   Dolore ad Atripalda per la scomparsa dell’ex consigliere Emilio Moschella: lunedì i funerali Due 30enni atripaldesi accusati di resistenza a pubblico ufficiale in concorso: uno evita il processo  e l’altro viene condannato a 9 mesi di reclusione Maratona dles Dolomite, la prima volta del team Eco Evolution Bike Dal 12 luglio scatta il ritiro nel comune di San Gregorio Magno Comune di Avellino, il discorso d’insediamento del sindaco Laura Nargi: “Sarò al fianco di tutti” 49enne residente ad Atripalda rinviato a giudizio per maltrattamenti nei confronti della moglie e della figlia minore Nuovi rinforzi per la sicurezza dell’Irpinia: 13 Carabinieri assegnati al Comando Provinciale di Avellino L’Us Avellino ingaggia il portiere Antony Iannarilli 45enne di Atripalda acquista un motocoltivatore su internet ma è una truffa  A Mongève Giuseppe Calabrese primo italiano a tagliare il traguardo

Congresso cittadino Udc, il vipresidente della Regione Giuseppe De Mita: “Cambiare atteggiamento dentro le Istituzioni per intercettare le novità dell’attuale contesto”

Pubblicato in data: 15/1/2012 alle ore:18:11 • Categoria: Politica, Udc

congresso-cittadino-udc5Il vicepresidente della giunta regionale della Campania, Giuseppe De Mita, è intervenuto questa mattina al congresso della sezione “Don Luigi Sturzo” dell’Unione di Centro di Atripalda (nella foto il suo intervento). La sua ampia riflessione è partita dalla estrinsecazione di una esigenza, quella di decodificare l’attuale fase politica attraverso la lente della storia, in maniera evolutiva, e ripercorrendo le ragioni che hanno determinato l’attuale condizione.
La ricostruzione delle traiettorie – ha dichiarato il vicepresidente De Mita – ci aiuta a comprendere l’attuale confusione del contesto. Perché questa evoluzione a volta pirotecnica risponde ad elementi di confusione soggettiva, ma anche ad elementi di confusione che sono propri del contesto. In questa condizione, ognuno di noi si è mosso, assumendo come pregiudizio universale la buona fede, cercando di essere coerente ai propri convincimenti. Per noi la coerenza non ha mai coinciso con la convenienza. Nel 2008 assumere la posizione politica che abbiamo assunto non era certo un elemento di convenienza. E non vorrei che oggi, in una fase in cui si registra la ricerca a tutti i costi di un elemento di coerenza, questo possa coincidere con la convenienza. A volte sono sospettoso rispetto alla ricerca spasmodica di rapporti con l’Udc da parte di forze politiche che oggi ci cercano come alleato necessario. Vorrei aiutarli a capire se questa ricerca sia legata a motivi di convenienza oppure no. Anche questo congresso va letto dentro la progressione dei passaggi“.
A seguire il passaggio dedicato al congresso cittadino di Atripalda. “Oggi – ha continuato De Mita – facciamo il partito qui ad Atripalda, ma la cosa a cui tengo di più è individuare uno strumento di ricomposizione della comunità, indipendentemente dalle sigle. Oggi lo strumento è l’Unione di Centro, ma non per forzo l’Unione di Centro rappresenta lo strumento attraverso il quale costruire il processo di cambiamento di questa realtà in particolare e del Paese nello specifico, perché oggi siamo tutti rimessi in discussione. Nel 2008 noi siamo sorti, ponendo una linea di orizzonte profetica, quasi visionaria. Siamo stati quelli che dicevano che il sistema politico fondato sul bipolarismo bipartitico non avrebbe avuto prospettiva. Questa condizione oggi si è realizzata. Allora avevamo il compito di segnalare questa realtà. Nei passaggi elettorali successivi abbiamo optato per coalizioni che erano funzionali alla disarticolazione del sistema. Ora che questa condizione è venuta meno, abbiamo questa prospettiva già alle spalle. Non possiamo continuare ad agire e a porci in funzione di un evento che si è già realizzato, altrimenti la nostra funzione progressivamente si ridurrà. Oggi, invece, dobbiamo individuare qual è la prospettiva di riorganizzazione del sistema politico. Aver anticipato il futuro, per un verso mette in evidenza i pregi della nostra intelligenza, però sta mettendo anche in evidenza anche i nostri limiti. In questo momento, per contingenze storiche, a differenza di quanto detto per diversi anni e cioè che la politica ripartiva dalle realtà locali, il centro è il Parlamento dove si è determinata una condizione straordinaria perché oggi c’è la possibilità di discutere sui vari provvedimenti e definire su ciascuno di essi una organizzazione di posizioni che poi può essere la base per la riorganizzazione del sistema politico, lo strumento di ricomposizione di nuove forze politiche che partono dall’analisi storica delle difficoltà, dalla condivisione di una cultura politica e poi dal successivo sostegno in termini numerici“.
congresso-cittadino-udc1
A seguire l’analisi sulle realtà locali. “Nelle realtà locali – ha continuato De Mita – una riproposizione di questa prospettiva c’è. A livello locale all’interno delle istituzioni bisogna avere un atteggiamento che aiuti questa fase di ricomposizione delle forze politiche. Quello che è venuto meno è il rapporto di rappresentanza tra i cittadini e l’offerta politica. Questo è il senso di quelle che definisco intese istituzionali. Ma non è una proposta che faccio agli altri, innanzitutto la dico a me stesso e a noi. Dobbiamo iniziare ad avere all’interno delle istituzioni questo atteggiamento che non nasce dall’esigenza di costruire un contesto unanimista. E questo è anche il modo per organizzare i prossimi passaggi amministrativi. Il punto di partenza non può essere quello di far riferimento all’attuale condizione, ma deve essere letto dentro un processo storico evoluivo. L’Udc può essere protagonista di questa fase, ma più per le persone e per i gesti di gratuità che inizia a compiere. Dobbiamo interpretare questo tempo nei termini della sfida che si apre alla novità e dobbiamo avere la forza di mollare gli ormeggi, essere meno legati a condizioni di convenienza perché la novità è prossima”.
In conclusione un’indicazione di prospettiva, anche a breve termine.
“Se noi non ci mettiamo su questa posizione –
ha così concluso il vicepresidente De Mita – rischiamo di essere quelli che falsificano il messaggio politico che abbiamo lanciato nel 2008. Oggi non possiamo arroccarci, dobbiamo essere quelli più aperti alla novità. Il passaggio elettorale diventa importante se vissuto così. Su di noi oggi si carica una responsabilità straordinaria. Oggi dobbiamo render chiaro un orizzonte che chiaro ancora non è. E questo è un ruolo storico straordinario che richiede un impegno straordinario di cui, partendo da Atripalda, mi auguro che sapremo esserne capaci“.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *