alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, il bollettino di oggi dell’Asl: 89 i positivi, 4 ad Atripalda L’ex sindaco Andrea De Vinco propone la cittadinanza onoraria per l’immunologo americano Anthony Fauci di origini atripaldesi Coronavirus, il cordoglio del sindaco di Atripalda Spagnuolo per il secondo decesso Coronavirus, secondo decesso ad Atripalda: morto un 64enne ricoverato al Moscati Coronavirus, 5 nuovi positivi ad Atripalda e 126 contagiati in Irpinia Coronavirus, scuole chiuse ad Atripalda fino al 7 dicembre Coronavirus, fino al 7 dicembre confermata la didattica a distanza dalla seconda classe della scuola primaria. A breve l’ordinanza della regione “ABC Atripalda Bene Comune” festeggia un anno di attività. Roberto Renzulli: “città nel degrado, l’Amministrazione non ci ascolta” Piantumato l’albero donato al Comune dai giovani di “Idea Atripalda” Il Consorzio A5 a confronto su Donne e Opportunità

Accorpamento scuola media “Raffaele Masi”, la nota di Lello La Sala (Mél)

Pubblicato in data: 18/1/2012 alle ore:22:26 • Categoria: Merito è Libertà, Politica

scuola-masi1Sul temuto accorpamento della Scuola Media “Raffaele Masi” di Atripalda (del quale sindaco e giunta sarebbero venuti a sapere…per caso) sarà il caso almeno di evitare una inopportuna guerra di campanile, riportando la questione alla sua sostanza amministrativa (perché il terreno è scivoloso…e potrebbe pure riservare qualche ‘sorpresa’).
Se negli ultimi quindici anni la scuola ha perso smalto ed allievi si deve ad una serie di concause soggettive ed oggettive sulle quali forse non ci si è interrogati abbastanza, ma che -registrate dalla cronaca- hanno avuto a che fare con un avvertito calo (e non sta a me dire se e quanto reale) di appeal della istituzione. Né evidentemente è stata sufficiente l’nversione di tendenza che pure da ultimo si è manifestata.
Va immediatamente verificata, prima di ogni decisione irrevocabile, la possibilità di un accorpamento della Masi con la primaria o in alternativa con il Liceo “V. De Caprariis”. Peccato che Laurenzano abbia dimenticato di aver voluto artificialmente tenere in vita un Consiglio Comunale ed una Giunta (per quanto assai poco rappresentativa ed autorevole). Un commissario prefettizio – si era detto – non avrebbe garantito gli ‘interessi’ della Città… mi pare che le cose, tra Aldo e compagnucci superstiti, vadano pure peggio.
Mi permetto di segnalare alla saggezza della dirigente scolastica provinciale dottoressa Rosa Grano, dell’assessore Giaquinto e naturalmente del Presidente Sibilia, una questione che va ben oltre il dato numerico e gli obblighi (più o meno presunti) di legge.

Raffaele La Sala
Consigliere Comunale di “Merito è Libertà”

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *