- Atripalda News - https://www.atripaldanews.it -

“Fiera del Libro”, il filosofo Masullo al convegno di chiusura: “La libertà non si attende, decidiamo noi di essere liberi. La lettura nasce da stimoli sociali”

masullo-ad-atripaldaAvellino ultima provincia d’Italia per libri acquistati“, se ne è discusso ieri pomeriggio nella sala consiliare del Comune di Atripalda. In aula la voce pacata e autorevole del filosofo Aldo Masullo, l’ex Prefetto di Avellino Raffaele Sbrescia, il sindaco di Mercogliano Massimiliano Carullo con Lucia Sbrescia, consigliere comunale con delega all’Istruzione, e il primo cittadino di Atripalda, Aldo Laurenzano. «Se aspettiamo che la libertà arrivi da fuori, rimaniamo prigionieri di questa attesa tutta la vita e dimentichiamo essere liberi. Come lo si diventa? Decidendo di esserlo», ha spiegato in un passaggio Masullo, «Ci troviamo in una città, non in un paese. Città non vuol dire ammasso incredibile di edifici ma vuol dire comunità di cittadini, se si è veramente cittadini si costituisce la città, non conta il numero di persone ma il rapporto tra di esse». A moderare il dibattito, l’addetto stampa e giornalista Ciro De Pasquale che ha preso spunto per la discussione da un articolo pubblicato su Il Sole 24 ore in cui l’Irpinia è relegata all’ultimo posto per libri acquistati, «non dobbiamo guardare ai libri che si vendono che sono semplicemente quelli che le case editrici decidono di stampare, la cultura è un’altra cosa. Oggi quasi tutti scrivono, parecchi pubblicano, nessuno legge – ha commentato Masullo -. La lettura è una pratica che si acquisisce con il convegno masullo - fiera del librotempo attraverso stimoli sociali. Nelle zone interne come l’Irpinia un tempo gli stimoli erano pochissimi rispetto a grandi città come Torino o Parigi. Oggi, ad esempio, gli stimoli multimediali prevaricano quello della lettura». Poi il discorso è scivolato sull’uomo, sull’essere uomo, «Noi nasciamo come animaletti di genere umano sì, ma siamo molto simili ad animali, diventiamo uomini nel momento in cui ci relazioniamo ad uomini perché nostra madre ce lo insegna. Le Istituzioni sono relazioni tra uomini di buona volontà, se non fossero rivolte agli uomini sarebbero tirannie, per questo occorre rinnovarle quotidianamente per farle vivere. Noi diventiamo uomini giorno dopo giorno in un processo che non può essere interrotto se non dalla morte». Ma come le Istituzioni possono aiutare la cultura? «Sicuramente non regalando libri alle scuole, casomai stimolando gli alunni a fare di un libro una drammatizzazione teatrale. Il Teatro è la vita». Insomma per il filosofo convegno masullo - fiera del libroavellinese le relazioni telematiche rappresentano un pericolo:«I giovani si scambiano continuamente messaggi virtuali, fanno anche l’amore per via informatica, manca solo che si alimentino anche per via informatica – ha commentato -. Sono i segni del degrado della realtà. Tutto cospira per farci perdere l’amore per la lettura, ma noi dobbiamo ribellarci perché per evitare che questa società diventi ammasso di pezzi di una grande macchina».Il filosofo Aldo Masullo e l’ex Prefetto di Avellino e Commissario Straordinario di Atripalda nel 1975, Raffaele Sbrescia hanno così chiuso la I Fiera del Libro ad Atripalda. Oltre cento persone hanno affollato l’aula consiliare per l’ultimo convegno della manifestazione culturale. Riassumere in un comunicato la lectio magistralis di Masullo è opera ardua, quasi impossibile. Il filosofo napoletano, nato ad Avellino, ha mostrato uno spirito e una freschezza intellettuale impressionante: «Il libro ha la stessa radice latina della parola libertà, perché, attraverso la lettura si conquista la libertà che non è garantita da forze e uomini esterni a noi stessi: è, invece, necessario un gesto di azione e reazione alla società circostante. Immaginate la tristezza della vita di un analfabeta, costretto a seguire e a fidarsi

convegno masullo - fiera del libro

esclusivamente delle indicazioni degli altri». “La libertà e le occasioni”, del resto è il suo ultimo saggio filosofico, nel quale l’ex Senatore ha analizzato proprio la necessità per l’uomo di essere fautore del proprio destino. «Non credo alle statistiche, o meglio non le prendo così come sono presentate: se il rapporto di vendita è quello descritto, di sicuro non lo sarò quello dei lettori – ha continuato Masullo – è chiaro che è anche questione di educazione e cultura della lettura. Essere dotti non significa aver letto mille libri, ma modificare il proprio comportamento, le proprie idee sulla base della lettura di un libro». Cartaceo e digitale, altro tema del secondo convegno della Fiera che Masullo ha voluto leggere e comprendere fino in fondo: «Le moderne tecnologie, su tutte le tavolette elettroniche, sono la testimonianza concreta della fluidità della società, per dirla con le parole di Bauman: anche la cultura diventa qualcosa di fluido, che sfugge e si dimentica con velocità crescenti. Siamo, ormai schiavi dell’ignoranza». Prima di Masullo, l’ex Prefetto Raffaele Sbrescia che ha ricordato il suo impegno ad Atripalda e il suo lavoro concreto per salvare la “sabbia rossa” (metafora delle testimonianze dei muri romani scoperti negli anni settanta nell’area della Civita) da Commissario Straordinario. Appassionati e accorati anche gli interventi dei sindaci di Atripalda, Aldo Laurenzano e di Mercogliano, Massimiliano Carullo che ha consegnato una targa al collega della cittadina del Sabato.
convegno masullo - fiera del libroconvegno masullo - fiera del libroconvegno masullo - fiera del libroconvegno masullo - fiera del libro

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli: