alpadesa
  
sabato 20 aprile 2019
Flash news:   Ricatto hard ad un parroco di Atripalda:“Paga o diffondo il video”. Tre a processo L’Avellino batte la Lupa Roma per 2 a 1 e riapre il campionato Via Crucis, grande attesa per la XXIII edizione di domani sera Incedente stradale sul Raccordo ad Atripalda: coinvolte 3 auto, ferito un ragazzo Mercato del giovedì, il sindaco illustra agli operatori commerciali il Piano di accorpamento a parco delle Acacie: ok alla fattibilità con lavori da 100mila euro. Foto “Noi Atripalda” interroga il sindaco sulla proroga del progetto Aurora e sul mancato pagamento dei relativi beneficiari Accorpamento del mercato del giovedì a parco delle Acacie, ambulanti convocati per questo pomeriggio a Palazzo di città. L’assessore Musto: “a disposizione 100mila euro per attrezzare l’area” Un connubio tra cultura e piacere di un caffè per scoprire lo scrittore che è in te Serie B, l’Atripalda Volleyball è sconfitta ma festeggia la salvezza matematica Truffa ai ticket per la sosta a pagamento in città: presentata denuncia in Procura. Giannetta trasferisce ai magistrati i risultati delle verifiche effettuate

E’ salva la dirigenza della scuola media “Masi” di Atripalda. Massimiliano Del Mauro (Pdl): «Grande merito al presidente Sibilia e all’assessore Giaquinto che hanno mostrato grande sensibilità»

Pubblicato in data: 26/1/2012 alle ore:17:02 • Categoria: Attualità, PdlStampa Articolo

scuola-media-masiE’ salva la dirigenza della scuola media «Masi» di Atripalda (foto). La città più tirare finalmente un sospiro di sollievo. Scongiurato così in extremis il rischio accorpamento con l’Ic di Manocalzati.
E’ questa la buona notizia che giunge dalla Provincia di Avellino, dove a breve si riunirà la giunta provinciale guidata dal presidente Cosimo Sibilia e con l’assessore competente all’Istruzione, Girolamo Giaquinto.
Erano già pronte le barricate ma alla fine l’istituto scolastico di via Pianodardine non rientra più nel piano di accorpamenti previsto dalla Provincia di Avellino in virtù del piano di razionalizzazione delle risorse stabilito dal Ministero dell’Istruzione.
Una scelta davvero singolare che avrebbe penalizzato non poco l’istituto atripaldese molto più grande di quello del piccolo paese di Manocalzati, con il quale confina la cittadina del Sabato. La prima stesura del piano di ridimensionamento scolastico infatti prevedeva appunto che la scuola media “Masi” cedesse la dirigenza per essere unita all’Istituto comprensivo di Manocalzati. Una scelta che l’Amministrazione comunale ha giudicato paradossale e che avrebbe provocato non pochi disagi e disservizi alle famiglie atripaldesi.
Si era mosso il sindaco Laurenzano con l’assessore Palladino, ma anche esponenti cittadini dell’Udc e del Pdl. Ora arriva la buona notizia.
«Tutto resta com’è – annuncia l’ex capogruppo consiliare del Pdl, Massimiliano Del MauroNessun accorpamento quindi. Questo è quanto mi hanno comunicato poco fa il presidente della Provincia Sibilia e l’assessore all’Istruzione Giaquinto. Quindì c’è un grosso risultato per la città. In questi venti giorni abbiamo lavorato in silenzio affinché non ci fossero decisioni penalizzanti per Atripalda. Mi consta personalmente che c’è stato l’interessamento del sindaco. Non voglio utilizzare toni trionfalistici, ma con un pizzico d’orgoglio voglio dare merito al presidente Cosimo Sibilia e all’assessore all’Istruzione Girolamo Giaquinto, che hanno mostrato grande sensibilità  sulla vicenda con il sottoscritto e la sezione cittadina del Pdl insieme alla quale c’è stato un lavoro proficuo con la dirigenza provinciale del Popolo della Libertà».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (6 votes, average: 3,67 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *