alpadesa
  
Flash news:   A Parco delle Acacie domenica convegno per dire “No” alla violenza sulle donne “World Philosofy Day 2019“, gli studenti del liceo “De Caprariis” di Atripalda a confronto con il vescovo Aiello. Foto Davide Rondoni stasera e domani ad Atripalda omaggia Giacomo Leopardi per i 200 anni de “L’Infinito” La Casertana piega l’Avellino: quarta sconfitta in campionato Sesta sconfitta per la Scandone: ko anche a Nardò (73-64) Maltempo, rimosse dai Vigili del Fuoco lamiere pericolanti dal tetto del campanile della chiesa di Santa Maria delle Grazie. Foto Natale 2019, aggiudicata la gara per le luminarie installate dal Comune ma i commercianti restano divisi. L’assessore Musto:«Uno sforzo non da poco per l’Amministrazione» Progetto “risanamento ambientale dei corpi iderici superficiali delle aree interne”, riunione all’Utc per gli interventi a contrada Fellitto e piazza Sparavigna Bando di vendita del Centro Servizi alle Pmi di Atripalda: lunedì la pubblicazione con prezzo a base d’asta di 2.715.000 euro. Gara il 20 dicembre Al via il cronoprogramma per l’accorpamento del mercato settimanale di Atripalda a parco delle Acacie: si assegnano le postazioni

Il peso delle neve fa cedere parte del tetto e gli alberi di Palazzo Caracciolo. Lesionata parete esterna a rischio crollo. Fotoservizio

Pubblicato in data: 12/2/2012 alle ore:21:00 • Categoria: CronacaStampa Articolo

palazzo-caracciolo-la-neve-piega-il-tettoIl peso della neve provoca ingenti danni in città dove è ceduto parte del tetto dell’antico Palazzo Caracciolo, che ora è a rischio crollo. L’episodio si è verificato nella notte in via Saltia Palazzo,a pochi pasi dal Municipio. A cedere è stato una parte el tetto dell’edificio seicentesco. Ingenti i danni. Il peso della neve ha causato anche una lesione alla parete esterna dello storico palazzo tanto che si teme che possa crollare da un momento all’altro.
Sul posto i Vigili del Fuoco che hanno messo in sicurezza la zona e chiusa la strada al traffico.I caschi rossi di Avellino infatti hanno dovuto disporre la chiusura della strada adiacente al fabbricato mentre i vigili urbani per il transennamento della zona e i tecnici comunali per i provvedimenti del caso.
La neve ha anche provocato ingenti danni all’interno del giardino, spezzando i rami di molti alberi.
Appartenuto alla nobile famiglia dei Caracciolo prima, ed ora di proprietà degli eredi del cavalier Alvino, il palazzo sembra abbandonato a se stesso.
L’antico dimora ducale, ora circondata da rovi ed erbacce, si erge alle spalle della casa comunale, lungo la strada provinciale per Serino. Fu edificato nella seconda metà del secolo XVI dalla nobile famiglia dei Caracciolo, Principi di Avellino e Duchi di Atripalda. Un vasto parco con piante rare, fontane e giochi d’acqua si sviluppava sul retro del palazzo, con la settecentesca disposizione dei viali a croce greca. Qui arricchivano il tutto una grande fontana centrale barocca, una statua marmorea cinquecentesca e reperti archeologici dell’Antica Abellinum. Fu saccheggiato nel 1799 ed alienato a privati dopo l’abolizione della feudalità (1806), così dopo due secoli di splendore iniziò un lunghissimo periodo di decadenza, abbandono e rovina. Neanche la dichiarazione di momumento nazionale, avvenuta con decreto del 30 aprile del 1912, ha contribuito a ridargli il fasto di un volta. Anzi con il passare del tempo lo stato di degrado ed abbandono è aumentato.
Una ferita ancora aperta nel cuore del centro storico che stenta a rimarginarsi.
palazzo-caracciolo-la-neve-piega-il-tetto11palazzo-caracciolo-strada-chiusapalazzo-caracciolo-danni-agli-alberi
palazzo-caracciolo-neve-piega-il-tetto2

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *