alpadesa
  
Flash news:   Us Avellino, esonerato mister Ezio Capuano Furti ad Atripalda, lettera aperta al comandante generale dei Carabinieri della Campania: “perché avete deciso di depotenziare la Caserma Eugenio Losco?” “C’era una volta…“ l’addio al grande compositore Ennio Morricone nei versi di Gabriele De Masi Ripartono dopo mesi i lavori di rinaturalizzazione del fiume Sabato. Foto Coronavirus, tornano i contagi in Irpinia: ben otto nuovi casi nel Serinese Inaugurata ad Atripalda la sede dell’Unione Artigiani Italiani e delle Piccole Medie Imprese Irpinia Rubano nella notte le gomme e lasciano due auto sui mattoni in piazza Cassese: i residenti chiedono la videosorveglianza. Foto Irpiniambiente, riparato il guasto allo Stir: da stasera riprende la raccolta dell’indifferenziato Regionali Campania, presentati i candidati di Europa Verde: per l’Irpinia c’è l’ex vicesindaco Luigi Tuccia Cadono calcinacci ad Alvanite, i giovani del quartiere si recano in Comune dal sindaco: “giornata molto intensa e costruttiva ma siamo stanchi di 40 anni di chiacchiere”

Costi emergenza neve, oltre 64mila euro per spazzaneve e spargisale. Laurenzano: “Pagano i Comuni e quindi i cittadini”

Pubblicato in data: 13/2/2012 alle ore:16:56 • Categoria: Comune, Cronaca

intervento-rimozione-neve-via-roma364mila e cinquecento euro: è questa la somma spesa dall’Amministrazione comunale di Atripalda ad oggi, per gli interventi di sgombero strade dalla neve, effettuati dalle ditte private in via d’urgenza. Si tratta della prima vera stima dei costi dell’emergenza neve, effettuata dall’Ufficio tecnico comunale. Un calcolo aggiornato all’11 febbraio e risultato della somma di 55mila euro per gli interventi veri e propri e 9.500,00 euro per l’acquisto del sale sparso nelle arterie cittadine. Da questo primo conteggio che il sindaco Aldo Laurenzano ha voluto rendere subito pubblico, sono escluse le spese necessarie al taglio e alla rimozione di alberi caduti e rami di alberi che impedivano la libera circolazione veicolare e pedonale. Si è trattato anche di interventi, spesso, indispensabile per consentire i primi interventi di soccorso alle persone rimaste isolate. Restano ancora da stimare i costi relativi ai lavori del 12 febbraio e quelli che si stanno svolgendo in questi giorni per la rimozione dei cumuli di neve rimasti in strada. I costi sono esclusi di Iva. «Tutti gli interventi di rimozione della neve sono stati effettuati tenendo conto anche del bilancio comunale – spiega il sindaco Laurenzano che ha la delega al Bilancio – non dobbiamo dimenticare, infatti, che questa emergenza dovranno pagarla i Comuni e quindi i cittadini con le tasse». A fronte di questa spesa, l’Irpinia ha ottenuto un risarcimento spesa pari a cinquecentomila euro, ovvero circa quattromila euro a comune.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Emergenza neve, bobcat in azione in piazza Umberto. Attenzione alle zone periferiche di contrada San Gregorio e Castello

Sono proseguiti anche sotto la neve, gli interventi di spazzamento della neve in via Roma e piazza Umberto I. L'Amministrazione Read more

Non c’è tregua, strade di nuovo sepolte dalla neve: massima attenzione per automobilisti e pedoni. Fotoservizio

Non dà tregua la neve in Irpinia. Da alcune ora ha ripreso, infatti, a nevicare abbondantemente. Le strade sono di Read more

Città di Atripalda, ripresa degli allenamenti a Mugnano del Cardinale

Il Città di Atripalda intravede uno spiraglio nell'emergenza neve, che da circa dieci giorni ne sta scombussolando i piani. Il team Read more

Telecontrollo, telesoccorso e monitoraggio continuo: le azioni del CSS/A6 per l’emergenza neve

Proseguono gli interventi posti in essere dal Consorzio dei Servizi Sociali A6 in occasione della straordinaria ondata di maltempo che ha Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *