alpadesa
  
Flash news:   Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto L’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Salsano condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Nozze Donnarumma-De Maio, auguri Il Circolo Amatori della Bici finalmente a braccia alzate Incendio a Pianodardine, scattano i divieti. Il sindaco di Atripalda firma l’ordinanza

Venerdì 24 febbraio a “La Via delle Taverne” di Atripalda rivive la Cucina Borbonica

Pubblicato in data: 20/2/2012 alle ore:08:40 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

cucina-borbonica-02Ad Atripalda, poco distante dal Capoluogo irpino, Avellino, un ristorante fuori dal comune propone i piatti della cucina borbonica, fra nobili suggestioni e accostamenti popolari. Il ristorante si chiama La Via delle Taverne e si caratterizza per l’originale scelta di presentare ai buongustai moderni le preparazioni culinarie che nel ‘700 conquistarono i viaggiatori europei giunti alla corte dei Borbone di Napoli, delle quali ci hanno lasciato descrizioni entusiastiche nei loro diari di viaggio. Questi squisiti piatti, capaci di incantare personalità quali Goethe e de Brosses, furono codificati per la prima volta dal cuoco Vincenzo Corrado che nel 1773, scrisse il “Cuoco Galante” definito all’epoca un libro di alta cucina, scritto e ristampato per ordini del principe per ben sei volte e considerato il primo testo scritto per la valorizzazione della cucina regionale italiana. Corrado, in qualità di “Capo dei Servizi di Bocca” del Principe di Francavilla, uno dei nobili napoletani nella cui casa si allestivano i banchetti più sontuosi, coordinava un piccolo esercito di maggiordomi,domestici e paggi, coordinando la preparazione di pranzi o cene in cui si univa la sapiente scelta delle vivande a particolari accorgimenti architettonici ed artistici creando coreografie sontuose e raffinate. Oggi le sue ricette rivivono nell’ambizioso progetto di Francesco Pedace, patron del locale e innamorato dell’antica cucina napoletana che, venerdì 24 febbraio, verrà riproposta in tutto il suo trionfo di sapori e odori in una esclusiva serata di degustazione. Un menù unico nel suo genere che prevede, come delizioso antipasto, una minestra di verza accompagnata da involtini di peperoni farciti con purea di ceci e involtini di melanzane farciti con ricotta e mandorle, seguiti da primi piatti saporiti quali la “granata di fungilli” e il “timpallo di maccheroni” e dall’ “allesso farcito di bue” come secondo. La serata sarà accompagnata, inoltre, dallo spettacolo de “L’anonimonapoletano” che impersonerà l’antica, ma sempre attuale maschera di pulcinella.

Prezzo della degustazione: € 45
Per info: www.laviadelletaverne.it
E-mail: info@laviadelletaverne.it
cucina-borbonica-01locandina-degustazione

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *