alpadesa
  
Flash news:   Si completa il restyling di Parco delle Acacie ad Atripalda con un secondo lotto di lavori. Antonacci: «Tempi brevi in vista dell’accorpamento del mercato» Escalation di furti, ladri messi in fuga ad Atripalda: i Carabinieri intercettano e sequestrano auto Sicurezza edifici ad Alvanite, restano le distanze tra Amministrazione e residenti mentre l’opposizione attacca sui ritardi nei progetti già finanziati. Fotoservizio I residenti di Alvanite si incontrano per discutere sullo stato di fatto delle abitazioni e sul degrado della contrada di Atripalda Non si potrà più sostare di giorno e di notte in piazza Tempio Maggiore  ad Atripalda: firmata l’ordinanza del Comando di Polizia municipale Bertolo è un nuovo giocatore dell’Us Avellino “Guardando dentro e fuori di noi” il calendario testamento di Peppino Pennella La Co.Vi.So.C. sblocca il mercato dell’Avellino Calcio Truffa all’Inps, false assunzioni ed evasione: cinque arresti a Benevento. Indagati anche ad Atripalda Omicidio De Cristoforo, Luigi Viesto condannato a dieci anni di reclusione

Venerdì 24 febbraio a “La Via delle Taverne” di Atripalda rivive la Cucina Borbonica

Pubblicato in data: 20/2/2012 alle ore:08:40 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

cucina-borbonica-02Ad Atripalda, poco distante dal Capoluogo irpino, Avellino, un ristorante fuori dal comune propone i piatti della cucina borbonica, fra nobili suggestioni e accostamenti popolari. Il ristorante si chiama La Via delle Taverne e si caratterizza per l’originale scelta di presentare ai buongustai moderni le preparazioni culinarie che nel ‘700 conquistarono i viaggiatori europei giunti alla corte dei Borbone di Napoli, delle quali ci hanno lasciato descrizioni entusiastiche nei loro diari di viaggio. Questi squisiti piatti, capaci di incantare personalità quali Goethe e de Brosses, furono codificati per la prima volta dal cuoco Vincenzo Corrado che nel 1773, scrisse il “Cuoco Galante” definito all’epoca un libro di alta cucina, scritto e ristampato per ordini del principe per ben sei volte e considerato il primo testo scritto per la valorizzazione della cucina regionale italiana. Corrado, in qualità di “Capo dei Servizi di Bocca” del Principe di Francavilla, uno dei nobili napoletani nella cui casa si allestivano i banchetti più sontuosi, coordinava un piccolo esercito di maggiordomi,domestici e paggi, coordinando la preparazione di pranzi o cene in cui si univa la sapiente scelta delle vivande a particolari accorgimenti architettonici ed artistici creando coreografie sontuose e raffinate. Oggi le sue ricette rivivono nell’ambizioso progetto di Francesco Pedace, patron del locale e innamorato dell’antica cucina napoletana che, venerdì 24 febbraio, verrà riproposta in tutto il suo trionfo di sapori e odori in una esclusiva serata di degustazione. Un menù unico nel suo genere che prevede, come delizioso antipasto, una minestra di verza accompagnata da involtini di peperoni farciti con purea di ceci e involtini di melanzane farciti con ricotta e mandorle, seguiti da primi piatti saporiti quali la “granata di fungilli” e il “timpallo di maccheroni” e dall’ “allesso farcito di bue” come secondo. La serata sarà accompagnata, inoltre, dallo spettacolo de “L’anonimonapoletano” che impersonerà l’antica, ma sempre attuale maschera di pulcinella.

Prezzo della degustazione: € 45
Per info: www.laviadelletaverne.it
E-mail: info@laviadelletaverne.it
cucina-borbonica-01locandina-degustazione

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *