alpadesa
  
Flash news:   Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto Festeggiamenti San Sabino, il vescovo Aiello ai fedeli: “comunità messa a dura prova dall’incendio. Se venerdì scorso avessi preso l’auto per andarmene a mare non sarei stato un buon pastore ma un mercenario”. FOTO Inaugurato il nuovo parcheggio pubblico di via Scandone, il sindaco: “soddisfatti di aver portato a compimento questo intervento”. Foto L’ex comandante della Polizia Municipale di Atripalda Salsano condannato in primo grado dal Tribunale di Avellino Sbanda con l’auto e abbatte una palma. Foto Ignoffo: «Tre punti fondamentali, ma abbiamo sofferto fino alla fine» L’Avellino corsara con il Picerno: terza vittoria consecutiva Nozze Donnarumma-De Maio, auguri Il Circolo Amatori della Bici finalmente a braccia alzate Incendio a Pianodardine, scattano i divieti. Il sindaco di Atripalda firma l’ordinanza

Emergenza neve: ancora ritardi negli interventi, la denuncia di Fli

Pubblicato in data: 27/2/2012 alle ore:15:57 • Categoria: Cronaca, Politica, Futuro e Libertà per l'ItaliaStampa Articolo

emergenza-neve-alberi-abbattutiA distanza di alcune settimane dalla fine dell’emergenza neve, sono tanti i pericoli che persistono nella nostra città. Infatti il peso della neve, ha danneggiato numerosi alberi, su alcuni si è intervenuti con celerità, ma in molti persiste lo stato catatonico da parte dell’ amministrazione comunale. In primis vorrei ricordare i numerosi alberi abbattuti nel parco pubblico di san Gregorio e lungo le strade della contrada, che hanno creato e creano ancora tanti disagi ai residenti e agli automobilisti, ma in tante zone del centro persistono questi grossi disagi: la biblioteca è ancora off limits per ragioni di sicurezza; un grosso pericolo immediato per la gente esiste nella piazzetta adiacente a piazza Garibaldi, dove ( come mostrano le foto) ci sono rami spezzati che da un momento all’altro possono cadere al suolo, senza che la zona sia stata transennata almeno col nastro segnaletico. Capisco le questioni economiche, ma i pericoli vanno eliminati immediatamente, senza dover attendere l’insediamento del prossimo Sindaco. Speriamo nuovo e molto più operativo dell’uscente.

Antonio Prezioso
Capogruppo FLI consiglio comunale Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (2 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Emergenza neve: ancora ritardi negli interventi, la denuncia di Fli”

  1. DUX MEA LUX ha detto:

    Finalmente si è svegliato anche l’esponente di Fli.La foto che vedete è a un tiro di schioppo dal suo esercizio commerciale, al parco San Gregorio il Prezioso non vi è mai andato, forse qualcuno è andato a riferirglelo.Per le strade di Atripallda l’ex pidiellino non si è mai visto e nè si vedrà, o forse appena sarà candidato.
    Per il momento rimane a sonnecchiare.

  2. andrea ha detto:

    AGGIUNGIAMO ANCHE LA VILLA DI PIAZZA ALPINI D’ORTA CHE E’ ANCORA PIENA DI RAMI ROTTI E DUE ENTRATE SONO OSTRUITE DAGLI STESSI!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. deddy ha detto:

    Wee mo ce da preparare la campagna elettorale, figurati se pensano ai rami rotti, mo prendete quei rami rotti, possibilmente quelli un po’ piu’ doppi e conservateli per quando verranno a fine aprile inizi di maggio a chiedere i voti per le nuove elezioni, io gia’ ne tengo conservati un paio belli doppi e nodosi, da suonargleli nella schiena…..

  4. il facinoroso ha detto:

    una giusta osservazione ma il sindaco e impegnato a giocare con i suoi amici per trovare i numeri che si sono smarriti nei corridoi di una politica obsoleta.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *