alpadesa
  
Flash news:   Incendio a Pianodardine, Sinistra Italiana Atripalda: “altra ferita per il nostro ambiente” Avellino ko in casa col Bisceglie Amarezza di Gioso Tirone alla presentazione del libro sul decennale del “Torneo Calcistico Stracittadino di Atripalda”. Foto Us Avellino, formalizzato l’accordo con Evangelista Amministrazione sotto attacco, il sindaco replica duramente: «L’ex assessore Landi non sa di cosa parla ma è arrivato il momento di replicare a queste continue provocazioni. Noi la giunta della concretezza. Parla di mancato incoraggiamento al libero pensiero ma poi querela le testate locali» Festeggiamenti San Sabino: stasera PFM in concerto in piazza Umberto, domani processione del Patrono Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi

Verso le Amministrative, tensioni ed urla al Comune stasera tra Laurenzano e i tre assessori del Pd. Domani Sel incontra il gruppo “Centrosinistra” e dice no alle primarie del Pd

Pubblicato in data: 28/2/2012 alle ore:23:30 • Categoria: Politica, Partito DemocraticoStampa Articolo

nuova-giunta-pd-al-comuneVerso le Amministrative ad Atripalda, tensioni tra il sindaco Laurenzano ed i tre esponenti di giunta del Partito Democratico. Questa sera al Comune, subito dopo la presentazione della nuova cartina turista della Proloco nella sala consiliare, è andato in scena un lungo chiarimento tra il primo cittadino ed i tre assessori del Pd rimastigli fedeli: Nancy Palladino, Maurizio De Vinco e Andrea Montuori. Proprio quest’ultimi avevano richiesto l’incontro chiarificatore dopo le dichiarazioni di Laurenzano di voler prendere le distanze dal Partito Democratico e correre con una lista civica.
Un lungo faccia a faccia, nella sala giunta, in cui non sono mancate urla tra Palladino e Laurenzano, durante il quale il primo cittadino avrebbe ribadito la sua forte delusione rispetto al silenzio dei vertici provinciali su quello che ritiene l’ennesimo strappo compiuto dal circolo cittadino del Pd di aver fissato la data per le primarie. Un silenzio che Laurenzano definisce assordante ed indicativo della poca tutela nei suoi confronti da parte dei vertici provinciali di via Tagliamento nonostante le rassicurazioni ricevute in privato. Da qui l’accelerazione nel voler organizzare l’incontro con De Magistris e di valutare a questo punto la possibilità di una candidatura alla guida di una lista civica. Tutti gli esponenti dell’esecutivo, che solo due mesi fa hanno preso le difese del sindaco fino al punto da spaccare il gruppo consiliare non dimettendosi dal Consiglio comunale, si ritrovano così in notevole difficoltà nel tentativo di ricomporre l’alleanza di centrosinistra. Perplessità non sono solo circoscritte alla giunta e al Pd, ma che investono anche gli altri partiti che finora hanno sorretto l’Amministrazione Laurenzano: sia l’associazione Cives che l’Api, hanno avuto un incontro con la delegazione dell’Udc.
E per domani sera è previsto un incontro tra Sel dell’assessore Luigi Adamo con il gruppo «Centrosinistra per Atripalda» di Tony Troisi, Giacomo Foschi, Elio Di Pietro e Gioacchino Guerriero. «Incominciamo a ragionare per porre le basi – spiega Luigi Adamoper un nuovo centrosinistra rinnovato che prenda atto degli errori del passato». Entrambi i gruppi, che in questi burrascosi mesi di dimissioni, hanno garantito un appoggio esterno al sindaco, sembrano intenzionati a voler verificare la possibilità di un’alternativa al primo cittadino. Sel tra l’altro chiarisce anche il no alla primarie indette dal Pd atripaldese: «Quelle delle primarie di Alvino (Federico, segretario cittadino del Pd ndr.) non sono primarie. Si è ragionato in modo molto autoreferenziale senza concordarle con le altre forze politiche che ora dovrebbero aderirvi? Una cosa mal fatta visto che in questo modo vi è una diminuzione della loro importanza e peso».
L’Udc del segretario Michele Mastroberardino invece dovrebbe tenere un direttivo tra domani e dopodomani per fare un bilancio di questi nuovi incontri e decidere cosa fare dopo che è tramontata l’ipotesi di un listone targato Pd-Udc-Pdl.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (1 votes, average: 1,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a “Verso le Amministrative, tensioni ed urla al Comune stasera tra Laurenzano e i tre assessori del Pd. Domani Sel incontra il gruppo “Centrosinistra” e dice no alle primarie del Pd”

  1. Luigi ha detto:

    Le alleanze si faranno per “sigla” non per programma. Il problema è che le” sigle”, nessuna esclusa, sono in totale dissolvimento e i programmi non si vedono per ora: si potranno leggere almeno dopo le votazioni? Le uniche amare certezze sono i visi, non sempre gradevoli, dei soliti noti avvezzi più a distruggere che a costruire. Peccato si è persa una buona occasione per rinnovare.

  2. DINO ha detto:

    ANDATEVENE A CASA NON VI VOTERA’ PIU’ NESSUNO!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  3. Annibale ha detto:

    Questo Laurenzano è proprio una comica, riesce a combinarne sempre una nuova!

  4. luciano ha detto:

    cara nenzi,
    che ti pensavi
    c’achera?

    traduzione:
    cara Palladino (Nancy)
    cosa pensavi che fosse la convivenza con Laurenzano?
    Kaos, Solo e sempre Kaos

  5. cantautore ha detto:

    forse si è perso qualche passaggio nel testo…il nuovo centrosinistra..e il nuovo qual’è? il paese si è sciolto sotto la neve non ve ne siete accorti? dopo il magnifico paesaggio avvolto dalla neve è uscito fuori il suo vero volto..un paese abbandonato a se stesso…brutto..sporco e cattivo….la cosa migliore sarebbe un’astensione totale dal voto da parte dei cittadini come a dire: votatevi da soli, i vostri parenti, i vostri amici e qualche altro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *