alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, contagio ancora in crescita: 39 i positivi in Irpinia su 760 tamponi effettuati La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva il Bilancio di previsione 2020-2022: ok al piano per ridurre i debiti Emergenza Coronavirus, da domani stop all’accesso dei visitatori alla Città ospedaliera e al plesso “Landolfi” Coronavirus, da venerdì scatta il coprifuoco alle 23. Lunedì riaprono le elementari Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda dei 28 casi irpini Alfredo Cucciniello è il nuovo presidente provinciale delle Acli di Avellino Contrada Giacchi, il gruppo consiliare Noi Atripalda denuncia lo stato disastroso delle strade e la presenza di una discarica. Foto Coronavirus, il sindaco:”dallo screening fatto agli alunni della Masi altri due contagiati” Coronavirus, sei nuovi casi di contagio ad Atripalda La Giunta del sindaco Giuseppe Spagnuolo approva l’aggiornamento del Documento Unico di Programmazione per l’esercizio 2020-2022: lavori pubblici e personale in primo piano

L’Azione Cattolica promuove un convegno sul bene comune, Grassi: “La Famiglia ha un ruolo centrale. Tutti parlano della crisi economica, pochi prestano attenzione alla crisi della famiglia”

Pubblicato in data: 29/3/2012 alle ore:13:35 • Categoria: Attualità, Cultura

convegno-bene-comuneUna Dogana stracolma di persone ha ospitato il convegno Famiglia e bene comune organizzato dall’Azione Cattolica della diocesi di Avellino. Presenti al convegno il sindaco di Atripalda Aldo Laurenzano, il comandante dei carabinieri Costantino Cucciniello, l’assessore Nancy Palladino, e molta moltissima gente che ha voluto dare il suo contributo per questa tema molto attuale e poco affrontato. Tutti parlano della crisi economica, pochi prestano attenzione alla crisi della famiglia”. convegno-bene-comune-2Con queste significative parole diRiccardo Grassi, docente di Sociologia della comunicazione presso l’Istituto di Scienze religiose di Novara, si è aperto domenica scorsa il convegno. convegno-bene-comune-5Il professore Grassi, introdotto dai saluti del Vescovo, Francesco Marino, e del Presidente diocesano di Ac, Nicola La Sala, ha sottolineato come la famiglia “abbia ormai perso il ruolo di importante agenzia educativa che rivestiva in passato. Le cause? Molteplici ed eterogenee: negli ultimi trent’anni siamo stati investiti dal cambiamento della struttura demografica, l’avvento delle tecnologie digitali, la globalizzazione della produzione industriale, senza dimenticare i sempre più frequenti fenomeni migratori con cui abbiamo a che fare”.Ecco perché, oggi, la famiglia (ammesso e non concesso che si possa ancora utilizzare il singolare, vista la pluralità di modelli esistenti) è sotto scacco, “schiacciata dal dominio della soggettività e dalle numerose sfide della complessità in cui siamo invischiati”. Ecco perché tutti noi, nessuno escluso, “abbiamo una responsabilità educativa nei confronti dei nostri nuclei familiari e, soprattutto, dei giovani: quella di rimettere la famiglia al suo posto, ovvero al centro del bene comune, trasformandola in un’esperienza totale e non più in una condizione transitoria”. convegno-bene-comune-4Ecco la missione che ci aspetta, tanto difficile quanto affascinante.“Se è vero che il bene comune è un qualcosa in cui si costruiscono relazioni, allora è fondamentale che tali relazioni nascano proprio in famiglia” – ha concluso Grassi – “E’ da questo contesto, infatti, che debbono partire i processi di educazione e formazione delle nuove generazioni, favorendo così la condivisione di valori concreti, non soltanto teorici, da vivere tutti insieme guardando il mondo circostante con occhi fiduciosi, nel futuro e nel Signore”. convegno-bene-comune-3

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *