alpadesa
  
Flash news:   Coronavirus, sono due i contagiati in Irpinia: sono di Ariano. I contagiati salgono a 532 Coronavirus, forte calo delle vittime registrate nelle 24 ore: 50 in tutto Giovani e Movida, l’appello del governatore De Luca: “Bisogna abituarsi all’idea che nulla tornerà come prima” Stamattina torna il “Farmer Market” e nel pomeriggio flash mob di commercianti e amministrazione in piazza Umberto per rilanciare il settore ad Atripalda Coronavirus, scende il numero di positivi in Campania: solo 5 oggi. Nessun contagio in Irpinia Coronavirus, incremento dei contagi a +669 casi e 119 morti in un giorno Anniversario strage di Capaci, Idea Atripalda: “Sono morti invano? Dipende da noi” Parco delle Acacie, non si spengono le polemiche sulla bitumazione aree interne. IDEA Atripalda: “asfaltare un parco è come asfaltare il mare“. Foto Coronavirus, Santa Rita senza processione nei versi di Gabriele De Masi Coronavirus, il Comune pubblica l’elenco dei beneficiari della seconda tranche dei buoni spesa alimentari

Mense scolastiche: in manette titolare ditta che gestiva il servizio ad Avellino. Fino ad ottobre scorso aveva curato anche la refezione negli istituti atripaldesi

Pubblicato in data: 13/4/2012 alle ore:15:21 • Categoria: Cronaca

mense_scolasticheMinacciava di licenziarli se non avessero firmato buste paga con importi superiori rispetto a quelli effettivamente ricevuti. Per questo motivo è stato arrestato. In manette è finito Ferdinando Parmentola, un imprenditore di Castellammare di Stabia. E’ accusato di estorsione aggravata. La sua azienda cura il servizio mensa in molti istituti scolastici della città di Avellino e della provincia irpina. L’indagine è stata condotta dai carabinieri del reparto operativo del comando provinciale di Avellino in collaborazione con l’ispettorato del lavoro. Tutto è nato dai controlli disposti nel maggio 2011 nei confronti della ditta: non emersero gravi violazioni delle norme vigenti in materia sanitaria ma, dalle verifiche poste in essere dai carabinieri dell’ispettorato del Lavoro, sono state evidenziate situazioni anomale circa il rapporto di lavoro instaurato fra la ditta ed i suoi dipendenti. Dalle indagini sono emersi gravi abusi da parte del titolare: l’uomo a fronte delle cifre dichiarate sulle buste paga dei propri dipendenti, consegnava ai lavoratori una somma di gran lunga inferiore, non corrispondendo altresì le ulteriori indennità maturate. Per garantire il silenzio dei propri dipendenti, l’imprenditore rispondeva alle rimostranze con la minaccia di licenziamento, approfittando del loro stato di bisogno e pertanto costringendo gli operai a tollerare la situazione. Grazie a questo illecito comportamento – dicono gli inquirenti – l’imprenditori riusciva ad ottenere ingenti risparmi sul costo del lavoro in modo da poter partecipare alle gare indette per l’assegnazione degli appalti per la preparazione dei pasti nelle scuole del circondario di Avellino, presentando offerte al ribasso tali da spiazzare le ditte concorrenti, che si vedevano dunque estromesse dal partecipare paritariamente alle gare pubbliche.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Tenta la vendita fittizia di uno smartphone: scoperto e denunciato 30enne atripaldese

L’attività dell’Arma finalizzata alla prevenzione e repressione dell’odioso fenomeno delle truffe, continua in maniera incessante. Grazie anche all’azione di contrasto Read more

Il tenente colonnello Di Pietro nuovo Comandante provinciale dei Carabinieri

Da domani Avellino avrà un nuovo Comandante Provinciale dei Carabinieri. È il Tenente Colonnello Franco Antonio Maria Di Pietro che Read more

Celebrato il 201° anniversario di fondazione dell’Arma dei Carabinieri

Nel pieno rispetto degli indirizzi emanati dall’Autorità di Governo in tema di celebrazione dell’Annuale di Fondazione delle singole Forze Armate, Read more

Rapinarono e picchiarono tabaccaio di via Aversa, si aprono le porte del carcere: 3 anni da scontare per gli autori

I Carabinieri delle Compagnie di Avellino e Baiano, nel corso di un’attività congiunta, hanno tratto in arresto tre uomini, due Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

6 risposte a “Mense scolastiche: in manette titolare ditta che gestiva il servizio ad Avellino. Fino ad ottobre scorso aveva curato anche la refezione negli istituti atripaldesi”

  1. Pensiero stupendo. ha detto:

    He, senza Nancy Palladino mi sa che le nostre scuole avranno di che penare. Grande Nancy, sei una gran signora e lo hai dimostrato fino alla fine!!!

  2. CIAO CIAO BAMBINA... ha detto:

    I NOSTRI FIGLI MANGIANO VELENO, NON SANNO COSA SIGNIFICA MANGIAR SANO ED EQUILIBRATO, MI CHIEDO COSA GLI SUCCEDERA’ DA GRANDI: NON OSO NEANCHE IMMAGINARLO. Ciaoo

  3. x pensiero stupendo ha detto:

    Scusa, ma non è esattamente il contrario? Pensaci.

  4. Lucio ha detto:

    Guarda che la Palladino li diffido’ e poi revoco’ l’affidamento. Sai leggere le carte?

  5. UNA MADRE ha detto:

    L’assassore Palladino si è sempre schierata dalla parte delle mamme per la tutela dei bambini. E’ una grande perdita per il mondo della scuola.

  6. Laura ha detto:

    Questi sono i veri problemi. Bisognerebbe anche indagare sulle coperture politiche e amministrative nella nostra città. Mi pare che questi signori hanno un socio avellinese, vero? Che a sua volta ha molti immobili e candidati nelle liste, vero?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *