- Atripalda News - https://www.atripaldanews.it -

Chirurgia, alla Clinica “Santa Rita” nuovo microscopio operatorio di ultima generazione

microscopio-operatorio-santa-ritaIn tempi di ristrettezze e crisi nella sanità sia pubblica che privata, la Casa di Cura Santa Rita di Atripalda risponde alla sfida del momento storico con investimenti finalizzati all’incremento della qualità delle prestazioni. E’ di questi giorni, infatti, l’arrivo ad Atripalda di Vario 700 OPMI, il microscopio operatorio prodotto dalla celeberrima azienda tedesca Zeiss e dalle caratteristiche veramente eccezionali. Innanzitutto le ottiche, dalle caratteristiche straordinarie quanto a chiarezza e definizione di visione, montate in modo tale che il microscopio possa essere utilizzato simultaneamente da due operatori; l’illuminazione poi è assicurata dal sistema Superlux con luce allo xeno che illumina fin nelle parti più profonde del campo operatorio; tutto ciò, infine, è integrato in un sistema video che proietta quanto vedono i chirurghi in un monitor ad alta definizione, che può essere visualizzato dagli altri presenti in sala operatoria o dagli eventuali discenti di eventi formativi.
Il microscopio chirurgico dalle alte prestazioni è anche versatile e si presta a essere utilizzato nella chirurgia della spina dorsale, nella chirurgia otorinolaringoiatrica, in quella plastica e ricostruttiva e nella chirurgia craniale; insomma uno strumento veramente potente che va a rafforzare la dotazione tecnologica della Casa di Cura Santa Rita. “Sono da sempre convinto – dice il Presidente, prof. Walter Tacconeche, soprattutto in tempo di crisi, è con gli investimenti in qualità che possiamo superare questo stato di cose e affermare il ruolo dell’Irpinia come luogo di eccellenza nella sanità campana. Questo microscopio dalle altissime prestazioni sarà un valido aiuto ai nostri chirurghi, come ad esempio il prof. Luigi Catani che opera le deformità della colonna vertebrale. Non è finita qui però, presto ci saranno altre importanti innovazioni che andranno a potenziare la dotazione tecnologica della Casa di Cura Santa Rita offrendo un servizio sempre più valido a tutti i pazienti della Campania e oltre“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli: