alpadesa
  
domenica 25 agosto 2019
Flash news:   Nozze Valentino-De Vinco, auguri Oggi inaugura il “Pettirosso”, primo Parco Avventura della cittadina del Sabato Esplosione al Palazzo Vescovile di Avellino, solidarietà del sindaco Spagnuolo e dell’Amministrazione comunale di Atripalda Children’s Day 2019, causa maltempo la manifestazione slitta al 7 e 8 settembre Scarichi di acque reflue industriali nel fiume Sabato, i Carabinieri Forestali denunciano il titolare di un’azienda Campagna Abbonamenti 2018/19: Uniti Si Vince Accorpamento temporaneo mercato del giovedì a parco Acacie, pubblicata la graduatoria degli operatori commerciali Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale”

Imprenditore nella vita ma accusato di “pizzo”: arrestato a Modena 36enne atripaldese

Pubblicato in data: 20/4/2012 alle ore:10:05 • Categoria: CronacaStampa Articolo

arresto-carabinieriImprenditori nella vita ma con appartenenza al clan dei casalesi. Una indagine della compagnia dei Carabinieri di Sassuolo ha indotto il gip di Bologna a firmare 9 ordinanze di custodia cautelare su richiesta del sostituto procuratore della Enrico Cieri. Le ipotesi di reato, vanno dall’estorsione e la rapina aggravate dall’uso delle minacce, delle armi e del metodo mafioso. Otto gli arrestati (mentre uno dei destinatari del provvedimento si è reso latitante), tutti di origine campana ma trapiantati da anni in Emilia, dove hanno operato per lo più nel settore dell’edilizia all’interno del comprensorio della ceramica. Tra loro c’è Angelo Lanno, 36 anni, originario di Atripalda ma residente da anni a Novi di Modena. Alcuni si dichiaravano uomini di “Sandokan” Schiavone. A loro si sarebbe risaliti dopo una prima denuncia presentata la scorsa estate da un piccolo imprenditore nato sempre in Campania, ma che vive in zona da molto tempo. In base alle dichiarazioni affidate agli inquirenti, sarebbe stato oggetto di pressioni sempre più pesanti per la restituzione di un debito che doveva essere recuperato da alcuni dagli arrestati. I quali, per intimidirlo e per indurlo a pagare senza colpo ferire, gli avrebbero fornito un pedigree camorristico pesante: l’affiliazione al clan dei casalesi.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *