alpadesa
  
Flash news:   AtripaldaNews augura buona Pasqua a tutti i lettori Cani randagi avvelenati, il sindaco emana un avviso per la presenza di esche e bocconi avvelenati. Appello dell’Aipa per il canile municipale Ricatto hard ad un parroco di Atripalda:“Paga o diffondo il video”. Tre a processo L’Avellino batte la Lupa Roma per 2 a 1 e riapre il campionato Via Crucis, grande attesa per la XXIII edizione di domani sera Incedente stradale sul Raccordo ad Atripalda: coinvolte 3 auto, ferito un ragazzo Mercato del giovedì, il sindaco illustra agli operatori commerciali il Piano di accorpamento a parco delle Acacie: ok alla fattibilità con lavori da 100mila euro. Foto “Noi Atripalda” interroga il sindaco sulla proroga del progetto Aurora e sul mancato pagamento dei relativi beneficiari Accorpamento del mercato del giovedì a parco delle Acacie, ambulanti convocati per questo pomeriggio a Palazzo di città. L’assessore Musto: “a disposizione 100mila euro per attrezzare l’area” Un connubio tra cultura e piacere di un caffè per scoprire lo scrittore che è in te

Verso il voto, il vicesindaco De Vinco replica sulla richiesta di espulsione: “Metodi da Gestapo della sezione cittadina del Pd”

Pubblicato in data: 20/4/2012 alle ore:08:39 • Categoria: Politica, Lista "Patto Civico per Atripalda", Partito DemocraticoStampa Articolo

de-vinco-curtoLa Commissione di garanzia del Partito Democratico, presieduta da Emma Lallone, a giorni dovrà riunirsi per decidere se espellere o meno il sindaco Aldo Laurenzano ed il vicesindaco Maurizio De Vinco, così come richiesto dalla sezione atripaldese dei democratici. Per il circolo territoriale di piazza Garibaldi infatti entrambi gli iscritti sono colpevoli di essersi candidati con la lista  “Patto civico per Atripalda”, in competizione con la compagine sostenuta dal Pd cittadino “Uniti per Atripalda”.
Mentre il sindaco Laurenzano preferisce non commentare la richiesta di espulsione, il vicesindaco Maurizio De Vinco (nella foto con il segretario comunale Curto) attacca la sezione cittadina del Pd: «Non c’è margine di discussione con loro visto che è una sezione Gestapo. Io continuo a riconoscermi nel Pd, e penso anche il sindaco, ma con queste persone che hanno commesso questo atto di immoralità politica non ho niente da dire. Fino alla settimana scorsa ho versato le quote al partito. Dal palco spiegherò all’opinione pubblica perché siamo stati trattati così. Il Pd ad Atripalda fino a pochi mesi fa teneva la maggioranza assoluta in consiglio e giunta più un sindaco, mentre oggi è andata ad elemosinare in altri luoghi, dando la candidatura a sindaco all’Udc e mettendo in lista candidature deboli che però seguono il loro pensiero d’agire. Da oggi per noi inizia una battaglia di democrazia e libertà politica nei confronti di personaggi storici che a tutti costi la vogliono vinta ma che la cittadina saprà bocciare».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (3 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a “Verso il voto, il vicesindaco De Vinco replica sulla richiesta di espulsione: “Metodi da Gestapo della sezione cittadina del Pd””

  1. CARMINE P. ha detto:

    vergognati de de vinco. siete passati dal PD al PDL e poi vi siete messi con DEL MAURO che vi faceva come la monnezza con i manifesti. Non te lo ricordi questo?.. Mo state tutti insieme. Ma fammi il piacere! che volete spiegare. Ora penso che state nel posto giusto. Cioè con il PDL.
    bene fa il partito a cacciarvi fuori.

  2. ops ha detto:

    carmine p. e tu stai co’ i fascisti…..sì meglio tu?

  3. Pensiero ha detto:

    L’attuale direttivo PD è riuscito a disintegrare un partito! Il segretario avrebbe dovuto fare un passo indietro, visto che i problemi principali sorgevano a causa sua, e consentire una riunificazione.

    In questo caso nella migliore delle ipotesi il PD si ritroverà con qualche assessore… direi che è un bottino un pò amaro per un partito che ha governato per decenni…

  4. dignità ZERO ha detto:

    MAURI’ PARLI PROPIO TU, SIA TU CHE IL SINDACO AVETE ELEMOSINATO PER ENTRARE NELLA LISTA UDC, MA AVETE TROVATO LA PORTA CHIUSA, IL PDL HA FATTO LA STESSA COSA, E ORA CHE STATE INSIEME LA COPPIA E’ PERFETTA, MA NON DIRE CHE SEI DEL PD SIA TU CHE IL SINDACO, ALTRIMENTI AFFERMI CHE TENETE O’ BRUGLIO NCAPO: PRIMA DITE NO AI PARTITI E POI SEI DEL Pd

  5. robin ha detto:

    de vinco te le ricordi le piantine costate 6000 euro ??? io si . e l’unico ricordo che o di te !!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *