alpadesa
  
sabato 30 maggio 2020
Flash news:   «Atripalda riparte, riparti da Atripalda»: questa mattina al Comune conferenza stampa per rilanciare il Commercio in città Coronavirus, due i positivi di oggi in Irpinia: Avellino e Gesualdo Coronavirus, in Campania niente alcolici da asporto dopo le 22: bar chiusi all’una Coronavirus, sono 87 le vittime registrate nelle ultime 24 ore: Lombardia maglia nera per i contagi Il Covid Hospital del “Moscati” si svuota: resta solo un paziente positivo ricoverato in Malattie Infettive Fontana, strade, tomba funeraria romana nel degrado ad Atripalda: scatta la denuncia sui social. Foto Coronavirus, nuovo positivo in Irpinia: è di Contrada Coronavirus, calano i morti (+70) e aumentano i guariti (+3.503) ma i contagi restano +593 Screening sierologico ad Ariano: sono 60 i positivi al tampone Costituito l’ufficio di progettazione per l’intervento di sistemazione idraulica e idrogeologica del Vallone Testa ad Atripalda: 980mila euro a disposizione

Verso il voto, il candidato sindaco Raffaele La Sala spiega: “Il Centro Servizi, i sindaci e la viltà”

Pubblicato in data: 20/4/2012 alle ore:17:22 • Categoria: Lista "Piazza Grande", Politica

la sala raffaeleTra mezze bugie e mezze verità, si sta consumando l’ennesima speculazione politica (dopo la stupefancente avventura delle aste mancate e delle quotazioni a picco -fino a circa la metà delle stime iniziali) alle spalle del Centro Servizi di via San Lorenzo (e degli incolpevoli cittadini). Una storiaccia più volte denunciata in Consiglio Comunale e sulla stampa e che oggi, nella estemporaneità di dichiarazioni e repliche, non si sa se suggerite più dalla fretta o dalla malafede, rischia di condizionare pesantemente la vita finnaziaria e pubblica della nostra Atripalda. Insomma due candidati (che credono di aver già vinto prima di giocare la partita, immagino invocando nomination demitiane e disinvolte filiere istituzionali) si azzuffano di santa ragione e discettano di aria fritta. Laurenzano sa bene (o dovrebbe sapere, o almeno qualcuno glielo spiegherà) che non c’è ad oggi nessun atto formale, a parte una occasionale e non più ribadita dichiarazione del dr. Florio, come è costretto a precisare in una arruffata ed imbarazzata replica scritta chissà da chi… (non sarà mica il solito cidép?). Nella quale liquida il contenzioso certo con i proprietari dell’immobile attualmente occupato dall’Asl, in via Manfredi, con una stupefacente dichiarazione (“…pur comprendendo..” ecc. ecc.); così come appare di assoluta gravità (fino alla turbativa d’asta eventuale) l’affermazione che il Comune non sarebbe interessato al “quantum” del fitto, ma solo a sgravarsi delle spese e sarebbe perciò avvantaggiato in una procedura a farsi.
Ma se questo è (al solito “plasticamente”) Laurenzano e con lui qualche ineffabile comunicatore, non meno stupefacenti e gravi sono le dichiarizioni in replica di Spagnuolo (Paolo). Il quale, … fosse eletto sindaco… gliela farà vedere all’Asl…, la aspetterà al varco e minacciosamente conclude…”Vedremo se l’Asl accetterà…”. Ma persino più insidiosa è l’affermazione finale. Se i cittadini non lo vorranno sindaco, tornerà -dice- alla sua amata professione “anche perché -cito testualmente- in caso di elezione di Laurenzano sarà meglio rimanere a casa piuttoste che vivere nella sua -dice proprio così: sua- desolata Atripalda”.
No, Paolo, non ci siamo. Le tue dichiarazioni – pure nella concitazione di una campagna elettorale- manifestano esplicitamente un pericoloso retropensiero e tradiscono la stessa visione miope della Città e dell’amministrazione pubblica. Chi si candida (chi si candida a guidare una Città) si impegna -eletto o non eletto- ad essere al servizio dei cittadini. Perché Atripalda non sarebbe di Laurenzano (se fosse sciaguratamente riconfermato… grazie alle filiere…, ieri di sinistra ed oggi di destra), come non sarebbe tua. Ma sempre dei cittadini, di tutti quelli che la vivono, della gente normale, di tutti. E’ questo che, con umiltà e proposte concrete (certo alcune anche di Andrea De Vinco, talvolta giudicate con sufficienza, ma sempre in anticipo sui tempi) testimonia “Piazza Grande”. E sarei veramente lieto se qualcuna delle sue intuizioni, potesse trovare, grazie alla professionalità ed all’entusiasmo dei nostri candida ti, il consenso e le risorse per essere realizzata.
Un ultima considerazione. Per Laurenzano e Spagnuolo (a leggere i loro comunicati) i ‘giochi’ sembrerebbero già fatti. Ho la chiara sensazione che non sia proprio così e che gli elettori sapranno valutare anche queste loro implicite ed esplicite supponenze. Perché false e risibili indignazioni (come quella messa in scena sulla tragedia di Abellinum della quale nessuno sembra rendersi conto della reale portata trastullandosi su ipotesi di ‘sviluppo’ tutte da definire), così come replichette astute, non cancellano i gravi conflitti nè sanano le lacerazioni di due schieramenti raccolti all’ultim’ora nella presunzione di una vittoria… a tavolino. (E nel caso di Laurenzano anche con grave e certo pregiudizio del rispetto della legge… una deplorevole vicenda solo rinviata).
“Piazza Grande” si affida, invece, serenamente al giudizio maturo e consapevole della gente normale, che in questa faida tra tirannelli di paese e finti leader di partito, scrive una delle pagine peggiori della politica cittadina e fa rimpiangere, pur con i loro errori, le storie dei grandi partiti di massa. Sappiamo che nella drammatica congiuntura di oggi e nel disastro finanziario che Laurenzano ed i suoi ex compagni contro, consegnano alla nostra Città (altro che le annunciate demagogie di promessi risanamenti) sarà già tanto se si potrà assicurare, una ordinata, dignitosa e rigorosa amministrazione del quotidiano (ma senza rinunziare ad indicare prospettive ed indicare traguardi). E’ questa la funzione alta che la politica dovrà ritrovare, anche nelle torbide e turbolente angustie dell’oggi e nello scontro (niente affatto titanico) tra burocrazie di partito e confusi pensieri. Ripartiamo dalla politica delle cose e dei bisogni, magari da quelle necessità che non hanno forza e voce per farsi sentire. Per esempio dalla riqualificazione di piazza Vittorio Veneto, dalla pedonalizzazione di piazza del Tempio Maggiore, dalla riqualificazione di aree residuali e di sedime nel centro storico, dallo snellimento delle procedure burocratiche e degli adeguamenti tariffari d’ufficio, in presenza di intervenute variazioni anagrafiche, dall’ampliamento del marciapiede antistante alla chiesa del Carmine (almeno per ragioni di sicurezza, oltre che di ‘decoro’), dalla riqualificazione delle piste ciclabili, anche in un nuoco contesto e con nuove funzioni, dala risistemazione della villa comunale (anche con l’intervento di privati), dalla fruizione del Parco Pubblico (non ancora intitolato, ma non c’era una clausola nella cessione?) affidandolo ai residenti ed alle associazioni (come “La verde Collina” che, a costo di gravi sacrifici, assicurano comunque una visibilità all’int era area); dal rilancio nel centro storico, attraverso interventi sulle superfici minime e micro incentivi, di attività artigianali e d’arte, e del piccolo commercio tradizionale e di qualità. Sono solo alcuni esempi della politica delle cose che “Piazza Grande” si impegna a realizzare senza promesse fantasiose, patteggiamenti oscuri, o -non sia mai- ricatti. Augurandosi che altri possano dire e fare altrettanto.
E’ su questi temi che appare non più rinviabile un confronto pubblico tra i candidati sindaci. Perché il silenzio o la fuga, a questo punto, sarebbe solo un atto di viltà.

Raffaele La Sala
candidato sindaco lista n. 1 “Piazza Grande

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Elezioni, giornata di riflessione per i 9.878 votanti atripaldesi

A mezzanotte è scattato il silenzio per le quattro liste in campo per l'elezione del Sindaco e del Consiglio comunale Read more

Esito delle elezioni comunali, aggiornamenti in tempo reale sul sito di Atripaldanews

In occasione delle elezioni amministrative del prossimo week-end, a partire dal primo pomeriggio di lunedì 7 maggio, subito dopo la Read more

Elezioni, il voto degli indecisi sulle sorti della città

L'astensionismo potrebbe battere tutti in questa tornata elettorale. In tutta Italia cresce, infatti, l'antipolitica, cittadini che hanno perso ormai la Read more

Verso il voto, Patto Civico per Atripalda incontra gli abitanti di via Appia: “Fare la scelta giusta per continuare ad essere atripaldesi”

"Fare la scelta giusta per continuare ad essere atripaldesi". Questo il messaggio che ha lanciato agli elettori la lista Patto Civico Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

8 risposte a “Verso il voto, il candidato sindaco Raffaele La Sala spiega: “Il Centro Servizi, i sindaci e la viltà””

  1. Ghino di Tacco ha detto:

    Ma vi rendete conto? In questo contesto e con questi candidati il Professor La Sala rischia di fare addirittura una bella figura!

  2. ops ha detto:

    sarebbe bello crederle…ma ahimè nulla di ciò che dice avrebbe riscontro dopo un’eventuale sua elezione, lei è uno che ormai corre da solo, non ha il senso della squadra…..lei parla bene, vuole apparire diverso ma anche lei come molti al tavolo della politica locale, è seduto lì da anni e forse è giunto il momento di lasciare davvero spazio ad una nuova generazione. e su questo nemmeno lei è stato capace di dare un segno…….i suoi occhi dicono più di quello che dice la bocca………ops

  3. Picchio ha detto:

    Solo per amore di verità. La Sala, Lei che accusa tutti per tutto, si ricorda in quale periodo fu idato e costruito il Centro Servizi? Sindaco Capaldo e Assessore La Sala? Un progetto, a perdere, per buttare via i soldi della comunità. ONESTA’, DIGNITA’ e UMILTA’ SONO IL PANE DEL VIVERE SOCIALE.

  4. Picchio ha detto:

    Tante bugie le dici tu. Perchè non dici che il “centro servizi” nacque con sindaco Capaldo e assessore La Sala? Perchè non dici che tutti insieme negli anni non avete saputo fare altro che vederlo ammuffire? Sii onesto e ammetti che i soldi spesi dalla comunità per un manufatto senza futuro sevivano per fare felici alcuni costruttori e architetti.

  5. raffaele la sala ha detto:

    La nostra lista “Piazza Grande”, signor ops (ma è sempre lo stesso?), è quella che più di tutte ha rinnovato uomini e metodi. Su! Se ne va convincendo anche Ghino di Tacco. Faccia il bravo… non metta i dito nella piaga… in fotografia vengo proprio maluccio. E lei?

  6. Laura ha detto:

    Professore, lei resta il migliore candidato sindaco. Peccato che la lotta è ormai chiaramente ristretta tra Aldo e Paolo. La sua vittoria sarebbe qualificante e ci eviterebbe le altre figuracce che saremo costretti a fare, ma ormai questi due autoreferenziati hanno più seguito.
    Quasi quasi mi appello al non voto….

  7. Cittadino Atripaldese ha detto:

    Concordo con Laura che il professore è il miglior candidato a sindaco , ma sulla`astenersi non sono d’accordo, il voto è un diritto e un dovere !

  8. Picchio ha detto:

    O siete troppo giovani o non avete memoria storica (6) e (7) . Il prof. La Sala già ha “onorato ” Atripalda facendo il sindaco per circa un anno. Fu invitato a dimettersi dalla sua stessa maggioranza. SOLO PER ONORE DI VERITA’ GIOVANI VIRGULTI POCO AGGIORNATI.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *