alpadesa
  
sabato 19 ottobre 2019
Flash news:   Inchiesta scuole, il sindaco relaziona per quasi un’ora dinanzi al Consiglio di Istituto della “De Amicis-Masi”. La ds Carbone: «Siamo fiduciosi del lavoro svolto dalla Procura e attendiamo gli esiti». FOTO Domani al Parco Avventura percorso di Neuroeducazione ed Educazione Emozionale Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi»

Eccellenza, Città di Atripalda – Calpazio 1-0

Pubblicato in data: 25/4/2012 alle ore:16:03 • Categoria: Sport, CalcioStampa Articolo

Gianluca SavianoTabellino

Città di Atripalda: Caruccio 6, Rupa 6, Sicignano 6, Mesisca 6, Tirri 6.5, Stompanato 6.5, Cerullo s.v. (22′ p.t. Barletta 5.5), Vecchione 6, Nappi 5, D’Acierno 5.5, Saviano 6.5 (24′ s.t. Loasses s.v.).

A disp.: Imparato, Tullio, Modesto, Vacca, Simone.

Allenatore: Amato C. 6.

Calpazio: Vitale 6, Vergadoro 6, Sandrigo 6.5, Montera 6.5, Guarino 6.5, Di Falco 5.5, Gorrasi 5.5, Cestaro 6 (18′ s.t. Barone 6), Santucci 6, D’Angelo 5 (39′ s.t. Sayyev s.v.), Coccaro 5 (18′ s.t. Onnembo 6).

A disp.: Serra, Cotne, Cavallo, Bellizio.

Allenatore: Adinolfi 6.

Arbitro: Lupoli di Frattamaggiore 6.

Marcatori: 9′ s.t. Saviano.

Note: presenti sugli spalti 200 spettatori circa, giornata ventilata, terreno in buone condizioni di gioco.

Cronaca

Il Città di Atripalda brinda alla salvezza battendo la Calpazio col minimo sforzo. Non esaltante la prova dei biancoverdi di Amato, per i quali tuttavia contava fare risultato ed essere aiutati dai risultati provenienti dagli altri campi. Un copione rispettato alla perfezione e che consente, dunque, ai sabatini di festeggiare con un turno di anticipo. Carmine Amato ancora alle prese con l’emergenza in difesa ma recupera capitan Tirri e abbassa nuovamente Rupa sull’esterno difensivo. In avanti Saviano e D’Acierno tornano titolari. Calpazio in formazione tipo con i rientranti Sandrigo, Guarino e Gorrasi. Capaccesi senza stimoli in virtù della salvezza già acquisita e che rischiano di capitolare all’11’ quando Mesisca si avventa su una palla vagante al limite, entra in area ma il suo diagonale termina si un soffio a lato. I ritmi sono bassi: il Calpazio fa densità a centrocampo e chiude tutti gli spazi. Il Città di Atripalda ci prova allora con i lanci lunghi come al 27′: Rupa dalle retrovie innesca Nappi che brucia sullo scatto Guarino, il quale però rinviene sull’avversario con l’azione che sfuma davanti alla porta difesa da Vitale. Un minuto dopo apertura di Nappi per Saviano che lavora un buon pallone sull’out sinistro e mette in mezzo per D’Acierno il cui colpo di testa sottomisura, però, è debole e facilmente neutralizzato da Vitale. Calpazio sorniona e pronta a ripartire appena può. Al 36′ su un lancio lungo Rupa si lascia anticipare da D’Angelo che, però, controlla male a tu per tu con Caruccio graziando l’avversario. A inizio ripresa la svolta. Al 9′ svarione di Di Falco che appoggia male di testa all’indietro, favorendo l’intervento di Saviano che con un pallonetto beffa Vitale in uscita. E’ il gol della liberazione per la formazione di Amato, che legittima in vantaggio nei minuti successivi con una doppia occasione di D’Acierno e porta a casa il risultato senza troppi affanni.

Spogliatoi

Nel clan atripaldese ci si gode la tanto agognata salvezza. Nelle parole di mister Amato c’è tutta la soddisfazione per il raggiungimento di un obiettivo che prima del suo avvento in panchina appariva lontano anni luce: “Non è stata una grande prestazione, ma ciò che conta è aver centrato la salvezza. A questo punto della stagione bisogna guardare soltanto al risultato. Siamo riusciti a sbloccare una gara in cui abbiamo giocato contratti e con l’assillo dei tre punti. Finalmente possiamo festeggiare la conquista della salvezza“. Carmine Amato è pronto per un futuro in riva al Sabato dopo essere riuscito a rivitalizzare una squadra agonizzante: “Ci sono tutti i presupposti per far parte ancora di questo progetto. Ora che i giochi sono fatti si può parlare del futuro e programmare una stagione con ben altri obiettivi. In questi due mesi ho avuto modo di lavorare in una piazza importante e in una società ambiziosa“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *