alpadesa
  
sabato 20 aprile 2019
Flash news:   Ricatto hard ad un parroco di Atripalda:“Paga o diffondo il video”. Tre a processo L’Avellino batte la Lupa Roma per 2 a 1 e riapre il campionato Via Crucis, grande attesa per la XXIII edizione di domani sera Incedente stradale sul Raccordo ad Atripalda: coinvolte 3 auto, ferito un ragazzo Mercato del giovedì, il sindaco illustra agli operatori commerciali il Piano di accorpamento a parco delle Acacie: ok alla fattibilità con lavori da 100mila euro. Foto “Noi Atripalda” interroga il sindaco sulla proroga del progetto Aurora e sul mancato pagamento dei relativi beneficiari Accorpamento del mercato del giovedì a parco delle Acacie, ambulanti convocati per questo pomeriggio a Palazzo di città. L’assessore Musto: “a disposizione 100mila euro per attrezzare l’area” Un connubio tra cultura e piacere di un caffè per scoprire lo scrittore che è in te Serie B, l’Atripalda Volleyball è sconfitta ma festeggia la salvezza matematica Truffa ai ticket per la sosta a pagamento in città: presentata denuncia in Procura. Giannetta trasferisce ai magistrati i risultati delle verifiche effettuate

Grande affluenza per la posa della prima pietra del nuovo complesso parrocchiale S.Maria del Carmine in via De Curtis. Guarda lo Speciale Video

Pubblicato in data: 25/4/2012 alle ore:20:32 • Categoria: Attualità, Video intervisteStampa Articolo

img_2428posa-pietra chiesaGrande affluenza per la posa della prima pietra per il nuovo complesso parrocchiale Santa Maria del Carmelo in via De Curtis (ex Contrada Spagnola). A fare gli onori di casa il giovane parroco della chiesa del Carmine, Don Ranieri Picone insieme a Don Enzo De Stefano e Padre Jean Claude. A presiedere la celebrazione il Vescovo di Avellino Monsignor Francesco Marino. A partecipare all’evento Monsignor Giuseppe Russo, delegato edilizia di culto della CEI, Don Battista Marello, progettista delle opere d’arte che si troveranno nella struttura, un rappresentante dello studio di architettura che ha progettato la struttura. Presenti il sindaco Aldo Laurenzano, il Comandante provinciale dei Carabinieri, colonnello Giovanni Adinolfi accompagnato dal Comandante della locale stazione Costantino Cucciniello, il comandante della Polizia Municipale Sabino Parziale, il presidente della Pro Loco Lello Labate ed il presidente del Comitato San Sabino Giovanni D’Agostino. A presenziare tra il pubblico anche i tre sfidanti di Laurenzano: Paolo Spagnuolo, Emilio Moschella e Raffaele La Sala. img_2285Grande è stata la partecipazione della comunità atripaldese che ha capito l’importanza dell’evento.img_2322Il suolo di via De Curtis, donato dal Comune, è stato scelto dalla CEI tra tutte le diocesi del Meridione. I lavori, che saranno realizzati dall’impresa di Summonte di Carmine De Lucia, inizieranno a breve e avranno la durata massima di tre anni. La CEI, tramite l’otto per mille, finanzierà buona parte del progetto per circa tre milioni di euro. Mentre l’ultima parte del progetto dovrà sostenersi sulle offerte dei fedeli e della comunità atripaldese. Grande commozione da parte di tutti e soprattutto del parroco Don Ranieri che avrà il compito di portare avanti il progetto.

[flv width=”250″ height=”200″ image=”https://www.atripaldanews.it/video/Posa prima pietra chiesa del carmine 25 aprile 2011.jpg”]https://www.atripaldanews.it/video/Posa prima pietra chiesa del carmine 25 aprile 2011.flv[/flv]

benedizione chiesa c.da spagnola
benedizione chiesa c.da spagnolabenedizione chiesa c.da spagnolabenedizione chiesa c.da spagnola
chiesa c.da spagnolachiesa c.da spagnola
spagnuolo-vescovodsc_0046dsc_0047

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *