alpadesa
  
Flash news:   Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi» Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso»

La Casa di Cura Santa Rita accoglie in stage i giovani irpini impegnati nei corsi OSS e OSA

Pubblicato in data: 15/5/2012 alle ore:09:29 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

clinica-santa-ritaUna nutrita pattuglia di giovani stagisti è stata accolta dalla prof. Virginia Mazzon, responsabile del personale e della qualità della Casa di Cura Santa Rita, all’inizio del momento formativo che li vedrà cimentarsi all’interno dei vari reparti della struttura atripaldese. L’età media spazia dai venti ai venticinque anni circa, sono equamente divisi tra uomini e donne e sono accomunati dal desiderio di imparare una professione che ha ancora qualche spiraglio verso l’occupazione, anche se forse non nelle nostre realtà. “Quello nella sanità non è un lavoro come un altro – esordisce la prof. Mazzon a suo agio davanti alla classe essendo stata lei stessa una docente – non tutti sono portati a prendersi cura di persone ammalate. Guardate bene dentro voi stessi, perché è un lavoro che è possibile solo se c’è passione; noi saremo al vostro fianco per insegnarvi tutto quello che possiamo e guidarvi nella vostra formazione pratica“. La clinica, inoltre, ha convenzioni anche con strutture universitarie come il Suor Orsola Benincasa; proprio da quest’ateneo, sempre in questi, giorni sono arrivate due studentesse del Master in risorse umane. I giovani sono corsisti OSS e OSA presso l’ente formativo avellinese EDP che ha una lunga consuetudine di stage con la Casa di Cura Santa Rita, come spiega il responsabile, dott. Armerini: “Gli esami si svolgono presso una struttura accreditata presso la Regione Emilia Romagna, le attività formative si svolgono ad Avellino e in clinica. Posso dire di averla vista crescere questa clinica, qui i ragazzi sono messi alla prova e valutati dai loro responsabili; qui, loro hanno una grandissima accoglienza, si crea un rapporto tra il personale interno e i tirocinanti“. La formazione professionale è, nella gestione del Presidente Walter Taccone, un elemento di fondamentale importanza. Oltre a prestare assistenza a questi e a tanti altri stagisti, infatti, la Casa di Cura Santa Rita ha, negli ultimi tre anni, attuato numerose iniziative formative destinate al personale sanitario e ai medici. Ricordiamo, ad esempio, il convegno che presentava il “Centro Pelvi” con illustri relatori ed il primo “Corso di Chirurgia endoscopica rino-sinusale e rinosettoplastica” il cui successo, grazie alla presenza dei massimi esperti nazionali del settore, è stato tale da indurre la Santa Rita a programmarne la seconda edizione, in ottobre, sempre con il coordinamento del dott. Nicola Bianco.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *