alpadesa
  
sabato 24 ottobre 2020
Flash news:   L’ex consigliere di Atripalda Ulderico Pacia assolto dall’accusa di diffamazione: a denunciarlo l’ex comandante della Polizia municipale Vincenzo Salsano Spaccio di marijuana: salta il confronto in Tribunale tra due imputati atripaldesi e testimoni per difetto di notifica Incidente sulla Variante ad Atripalda tra due auto e un camion: due feriti trasportati al Moscati. Foto Coronavirus, i contagi in Irpinia crescono di 91: si registra un altro caso ad Atripalda Coronavirus, il governatore De Luca: “indispensabile decidere subito il Lockdown” Le aule dell’ex liceo scientifico di via Appia da dicembre utilizzate per la didattica dell’Istituto Comprensivo di Atripalda L’Avellino corsara a Foggia vince 1-2 Sono 16.079 i nuovi contagi in Italia. Ad Atripalda i casi totali finora sono 16 Ordinanza coprifuoco Campania: operativa da venerdì 23 ottobre Coronavirus, 47 nuovi contagi in Irpinia

I commercialisti contestano l’Imu, il presidente nazionale Siciliotti ad Avellino:«Tassa senza equità. Per far crescere il Paese bisogna tagliare la spesa pubblica»

Pubblicato in data: 23/5/2012 alle ore:21:43 • Categoria: Attualità

siciliotti-ad-avellino«Mi rendo conto che per fare cassa bisognava ricorrere a qualcosa di certo sulla casa. Però è mancata l’equità pur di avere un gettito sicuro. Nell’applicare la norma alcune disuguaglianze emergono e forse possono avere delle conseguenze da non sottovalutare come non c’è nessuna differenza tra chi ha la seconda casa e chi ha la diciassettesima casa mentre forse qualche differenza ce l’ha. Non si è tenuto pi conto di alcune situazioni particolari come disabili ed anziani. Perciò quando si chiedono sacrifici bisogna stare attenti anche al criterio dell’equità che non va d’accordo con il criterio della fretta. E poi ci sono degli aspetti ridicoli come la maggiore rateizzazione per cui a settembre si pagherà i 2/3 dell’imposta e non il 50%». A contestare anche da Avellino la nuova Imu è Claudio Siciliotti, presidente del Consiglio nazionale dei Dottori Commercialisti ed Esperti Contabili, intervenuto ieri pomeriggio ad un convegno promosso dall’ordine provinciale, guidato da Maria Gabriella Cogliani, sul tema della «Riforma delle Professioni e Tutela della Categoria». Per Siciliotti l’Italia ha bisogno di crescere «e questo lo si fa solo tagliando la spesa pubblica che è cresciuta in maniera abnorme anche nel periodo di lacrime e sangue. Se il paese Italia non avanza, o meglio retrocede, il paese non si può limitare a non avanzare ma bisogna dimagrire anche lo stato altrimenti moriamo soffocati di tasse». Sull’ondata di suicidi di molti imprenditori in difficoltà invece per Siciliotti si tratta «di suicidi per crediti non riscossi, più che per debiti, che impedisce di onorare i propri debiti. E molto spesso il debitore è lo Stato che non paga che per non fare debito e così soffoca l’economia».
Sul tema della tutela delle professioni invece il presidente nazionale conclude: «Di riforma se ne perla da oltre 15 anni senza aver risolto un bel nulla. tutti i passi in avanti sono stati spesso fatti in direzione sbagliata e su modelli di riforma non garantiscono la qualità».
siciliotti-e-coglianiA seguire gli interventi di Achille Coppola, presidente dell’Odcec di Napoli e di Giampiero Guarnerio dell’Odcec di Milano che sull’evasione fiscale puntualizza: «La società sembra chiederci di dover lavorare per combattere l’evasione fiscale e quindi per fare gli interessi dello Stato. Mi chiedo ad un avvocato penalista gli è stato mai chiesto di fare la lotta alla criminalità? Perché il ruolo del commercialista viene visto come consigliere dell’evasore mentre il ruolo del penalista non viene visto come consigliere del ladro o camorrista? C’è questa distorsione purtroppo nella società. Gli accertamenti sui redditi dell’Agenzia delle Entrate il più delle volte sono sbagliati, come dimostrano le statistiche sui contenzioni dove perde il 48% delle liti di merito. In questo circolo vizioso la vittima è il contribuente onesto che spesso viene spinto all’esasperazione».
In apertura dei lavori i saluti di Maria Gabriella Cogliani, presidente dell’Odcec di Avellino per la quale: «Siamo molto soddisfatti della presenza del presidente nazionale Siciliotti, per la prima volta ad Avellino, ad un convegno su un tema molto importante ed attuale per il futuro della nostra categoria».
siciliotti-ad-avellino2

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Una replica a “I commercialisti contestano l’Imu, il presidente nazionale Siciliotti ad Avellino:«Tassa senza equità. Per far crescere il Paese bisogna tagliare la spesa pubblica»”

  1. Antonio ha detto:

    E basta con ‘sta spesa pubblica! Per rilanciare il Paese bisogna azzerare l’evasione fiscale, le tangenti ai politici, l’esportazione dei capitali all’estero e soprattutto debellare la criminalità organizzata che è un tumore che mangia quasi la metà della ricchezza dell’Italia! Capisco la riduzione delle auto blu, dei parlamentari ecc, ma quello che deve essere eliminato in questo Paese è ben altro!!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *