alpadesa
  
domenica 17 gennaio 2021
Flash news:   Manutenzione stradale e parcheggio via Gramsci, sbloccati i fondi dalla Giunta Spagnuolo Arriva la proroga ad Atripalda per la presentazione della domanda per l’accesso ai voucher alimentari Sorveglianza rafforzata: il prefetto Spena blinda Atripalda e Solofra dopo gli attentati intimidatori con le bombe carta Coronavirus, da lunedì 18 gennaio in presenza anche la terza classe della Primaria Attentato intimidatorio, pressing sul sindaco delle opposizioni. Landi: ”il tavolo in Prefettura doveva chiederlo lui” Bomba carta in città, Idea Atripalda: “cultura e comunicazione come antidoto alle violenze” Molestie al prete di Atripalda: condannati gli autori Nuovi parcometri ad Atripalda, l’opposizione “Noi Atripalda” boccia il bando: «un spreco per la città» Coronavirus, un nuovo contagio ad Atripalda Bomba carta alla Formaggeria, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo: “atto vile, bisogna lavorare in sinergia. L’Amministrazione dia vita ad iniziative culturali forti”

Tragedia in contrada San Gregorio a Sorbo Serpico, poliziotto atripaldese si toglie la vita sparandosi con la pistola di ordinanza

Pubblicato in data: 24/5/2012 alle ore:21:53 • Categoria: Cronaca

suicidio-titomanlio-1Tragedia in contrada San Gregorio, poliziotto si toglie la vita sparandosi. 
S.T.
, 49enne atripaldese si è ucciso probabilmente con la pistola d’ordinanza. Secondo indiscrezioni l’uomo ero scomparso dalla mattinata ed i familiari hanno lanciato subito l’allarme. Scattate immediatamente le ricerche da parte degli agenti agli ordini del dirigente provinciale Elio Iannuzzi e coordinati dal vice questore Pasquale Picone che lo hanno ritrovato, con l’ausilio anche di un elicottero, nel tardo pomeriggio nelle campagne di San Gregorio, in territorio del comune di Sorbo Serpico. L’uomo, sposato e padre di due figli, un ragazzo e una ragazza, aveva abbandonato la propria auto, un’utilitaria di colore grigio, tra gli alberi in una stradina in contrada Taverna Nova nel comune di Sorbo Serpico.
Sul posto gli agenti di Polizia con il dottor Iannuzzi, i Carabinieri di Atripalda guidati dal comandante Cucciniello, i Vigili del Fuoco di Avellino, gli uomini del 118 e il medico curante Aldo Laurenzano.
Sul luogo anche il primo cittadino di Atripalda Paolo Spagnuolo. Ancora da accertare le cause dell’estremo gesto probabilmente dovuto a motivi personali. 
Revisore tecnico negli uffici della Questura, era in congedo dal lavoro poichè qualche mese fa ha avuto un brutto infarto dal quale ne era uscito con la forza e la tenacia che lo contraddistingueva e aveva da poco riavuto la pistola d’ordinanza. In corso indagini per chiarire le esatte motivazioni e la dinamica del folle gesto che va ad allungare la triste scia di suicidi avvenuta ad Atripalda.
suicidio-titomanlio-2suicidio-titomanlio-3

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Tragedia in contrada San Gregorio a Sorbo Serpico, poliziotto atripaldese si toglie la vita sparandosi con la pistola di ordinanza”

  1. robin ha detto:

    che peccato !!! praticamente senza parole ci conoscevamo da bambini !! il patreeterno si chiama solo i buoni !! ti ricorderò per sempre, riposa in pace !!

  2. Mary ha detto:

    Un sorriso affabile e gentile.
    Un ragazzo dai modi distinti.
    Un gesto estremo e troppi perchè.
    Mi auguro che in cielo tu possa cancellare i tormenti terreni.
    RIP

  3. tina ha detto:

    ci lasciano sempre i più buoni. Un abbraccio alla famiglia

  4. antonio ha detto:

    caro sabino ti ricorderò con il tuo sorriso di sempre e l’eleganza delle tue parole, nei viaggi sul pulman avellino napoli. ciao sabì e riposa in pace antonio c.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *