alpadesa
  
sabato 15 agosto 2020
Flash news:   Casi covid ad Atripalda, dopo le polemiche sui social parla il sindaco: “gli organi competenti stanno provvedendo a verificare se si siano verificati comportamenti censurabili in riferimento al presunto mancato rispetto delle misure di isolamento imposte dall’Asl” Consuntivo 2019 e disavanzo al Comune, il gruppo “Noi Atripalda” attacca con l’ex sindaco: «ci avviciniamo inevitabilmente al Pre-dissesto, decretando la morte della Città» Il Consiglio comunale di Atripalda dà il via libera al Consuntivo 2019: disavanzo di amministrazione di – 6.056.343,61 euro. L’opposizione “Noi Atripalda” attacca e vota contro Casi Covid ad Atripalda, le precisazioni dell’avvocato Paolo Spagnuolo sulla vicenda: “commenti feroci e gravemente infamanti sui social, pronti alle querele” Secondo contagio ad Atripalda, il sindaco: “invito l’intera comunità ad osservare le misure per la prevenzione e il contrasto al covid-19” Coronavirus, contagiato ad Atripalda anche un parente della signora romena Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi)

Raccolta rifiuti, IrpiniAmbiente annuncia il pugno di ferro contro i comuni morosi. De Luca (direttore generale): “Non si faranno sconti a nessuno”

Pubblicato in data: 11/6/2012 alle ore:16:10 • Categoria: Attualità

incontro-provincia-irpiniambienteNon si faranno sconti a nessuno, ridurremo i servizi per i Comuni inadempienti”, il direttore generale di IrpiniAmbiente Felice De Luca annuncia il pugno di ferro contro i comuni morosi che subiranno una riduzione dei servizi nei limiti dell’igiene pubblica. Nella lista nera anche Atripalda con una situazione debitoria pari a 2 milioni e 700 mila euro che rischia quindi di vedere ridotti i servizi di raccolta. “Saranno mantenuti in ogni caso i servizi minimi per la sicurezza della salute pubblica“, continua De Luca che precisa poi sulla gestione dei dipendenti: “Nessun carrozzone, la società si muove sul principio della produttività, nessuno dei 539 dipendenti è stato assunto direttamente ma sono tutti provenienti dai vecchi consorzi“, ha dichiarato in merito alle accuse rivolte nei giorni scorso alla società che gestisce la raccolta rifiuti nell’Ato irpino. Il servizio di gestione rifiuti è per legge di competenza provinciale e non comunale, il Consiglio di Stato ha accolto il ricorso del comune di Lauro, come si legge nella sentenza del Tar di Salerno datata 5 giugno, senza entrare nel merito della questione sulla base dell’imminente scadenza del servizio al 30 giugno. A fare il punto della questione con l’avvocato Viglione e il direttore generale di Irpinia Ambiente De Luca, l’assessore provinciale all’ambiente Domenico Gambacorta, in conferenza stampa presso gli uffici provinciali dell’ex Caserma Litto.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Raccolta rifiuti, la comunicazione di Irpiniambiente per le festività natalizie

Irpiniambiente comunica la sospensione del servizio per i giorni 25 dicembre 2019 e 1° gennaio 2020. Per i giorni 26 Read more

Raccolta rifiuti, approvato lo schema di contratto con Irpiniambiente: ecco costi e servizi

Approvato lo schema di contratto per la gestione integrata dei rifiuti urbani comprensiva dell’attività di spazzamento e servizi accessori con Read more

Raccolta porta a porta, Sel Atripalda elogia i cittadini ed attacca l’Amministrazione Spagnuolo: “ha lasciato da solo il commissario ad acta”

Ad un mese dall’avvio del nuovo servizio di raccolta differenziata in città, la sezione cittadina di Sel Atripalda con un Read more

Raccolta rifiuti, l’interrogazione in consiglio comunale del gruppo Pdl

Di seguito l'interrogazione presentata in Consiglio Comunale dal Gruppo Consiliare Pdl. Atripalda 22/01/2013 n. int. 10 del 2012 INTERROGAZIONE PREMESSO Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

4 risposte a “Raccolta rifiuti, IrpiniAmbiente annuncia il pugno di ferro contro i comuni morosi. De Luca (direttore generale): “Non si faranno sconti a nessuno””

  1. NERO NERO ha detto:

    Cominciate a farvi dare i soldi che noi tutti cittadini abbiamo pagato per la spazzatura e che il comune ha dirottato altrove, credo che questa volta ci saranno delle denunce cumulative dei cittadini che sono in regola con i pagamenti nei confronti di chi non ha assolto in fase successiva a versare gli importi ad irpinia ambiente utilizzandoli pe raltri scopi. ne vedremo delle belle gia’ ci siamo informati presso dei legali quindi il nuovo sindaco si dia da fare visto che e’ anche lui un avvocato. e non ci rompa le scatole con i suoi proclami

  2. Antonio ha detto:

    QUESTA GENTE CHE ADESSO Fà LA VOCE GROSSA , DOVE STAVA E XCHè HANNO FATTO ARRIVARE IL DEBITO A QUEL LIVELLO ? BISOGNA FINIRLA CON IL DIRE CHE LE COLPE SONO SEMPRE E SOLO DEGLI ALTRI ! ADESSO LE PERSONE SERIE SI SIEDONO AD UN TAVOLO E SI CERCA DI RATEIZZARE IN MODO SERIO QUESTA SITUAZIONE ! BASTA A QUESTI POLITICANTI DEL FARE SOLO DANNI! A GAMBACORTA DICO: CERTO CHE DOPO I PROBLEMI AD ARIANO SE NE SENTIVA PROPRIO IL BISOGNO DI AVERE UN INCARICO DEL GENERE? BASTA

  3. hipus ha detto:

    ma l’ufficio tributi non sarebbe meglio trasferirlo presso il sito del comune!!!!!!????

  4. luigi ha detto:

    certo adesso bisogna trovare una soluzione, pero’ per onesta’ bisogna dire che questo e uno dei tantissimi debiti lasciati da laurenzano e soci, concordo pure con l’amico che dice noi i soldi li abbiamo cacciati adesso caro Sindaco Avv. trova tu i responsabili se ci sono e stabiliamo almeno un po di verità

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *