alpadesa
  
Flash news:   Operazione “Partenio 2.0”, bufera sulla Lega: si autosospende il coordinatore di Avellino Sabino Morano Givova nuovo sponsor tecnico della Scandone Lutto des Loges, il cordoglio di AtripaldaNews per la perdita del papà della collega e presidente Francesca Operazione “Partenio 2.0”, ecco nel comunicato stampa dei Carabinieri i nomi dei 23 arrestati e le intercettazioni shock Scacco al clan “Partenio 2.0”: 23 arresti nell’operazione della D.D.A. della Procura della Repubblica di Napoli contro i clan camorristici Atripalda Volley, visita e benedizione al Santuario di Montevergine Scandone sconfitta dalla Palestrina per 87-50 Lupi ancora sconfitti, contro la Paganese finisce 3-1 Vincenzo Aquino eletto nuovo coordinatore delle Misericordie della provincia di Avellino Atti vandalici ai danni dell’ex scuola Primaria “Mazzetti” di via Manfredi

Fissata il 22 novembre l’udienza del ricorso al Tar presentato da Emilio Moschella (lista Api-Alleanza per Atripalda)

Pubblicato in data: 21/6/2012 alle ore:19:16 • Categoria: Politica, Comune, Lista "ApI - Alleanza per Atripalda"Stampa Articolo

comune-4Fissata per il 22 novembre l’udienza per il ricorso al Tar di Salerno presentato dal candidato sindaco di “Api – Alleanza per AtripaldaEmilio Moschella per presunte irregolarità nella presentazione della lista “Patto Civico per Atripalda” guidata dal sindaco uscente Aldo Laurenzano.
Atripalda rischia, quindi, di poter tornare a votare. Secondo Moschella, assistito dall’avvocato Lorenzo Lentini, le irregolarità  nella presentazione della lista alle amministrative di maggio scorso, avrebbero condizionato l’esito elettorale dato che con una lista in meno gli elettori avrebbe potuto scegliere diversamente. Insomma se i giudici del Tribunale amministrativo regionale dovessero dar ragione ai ricorrenti gli esponenti della lista “Patto Civico per AtripaldaMassimiliano Del Mauro, Vincenzo Moschella, Gianna Parziale e Massimiliano Strumolo sarebbero sostituiti da Emilio Moschella e Luca Sarno secondo i calcoli effettuati dalla segreteria dell’Api e da Nunzia Battista Antonio Candella per la lista “Piazza Grande“. Nei prossimi giorni è attesa la notifica del ricorso ai candidati a sindaco per costituirsi eventualmente in giudizio. Gli esponenti della lista “Patto Civico per Atripalda” scomparsa dal consiglio con la formazione del gruppo del Pdl, si sarebbero già rivolti all’avvocato Enzo Maria Marenghi.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

5 risposte a “Fissata il 22 novembre l’udienza del ricorso al Tar presentato da Emilio Moschella (lista Api-Alleanza per Atripalda)”

  1. errico ha detto:

    Emilio, se davvero vuoi fare giustizia, ricandidati fra 5 anni, quando l’amministrazione Spagnuolo sarà fallita come quella di Laurenzano: magari con una lista fatta di almento 4-5 persone esperte, sicuramente otterrai almeno un seggio di consigliere. E poi che ti pensi, che i voti di Laurenzano sarebbero andati a te? Ma non prendiamoci in giro. Lascia perdere, non farti ridicolizzare dagli Atripaldesi…

  2. franco ha detto:

    la legge è uguale x tutti. complimenti a moschella che ha sempre dimostrato con i fatti di avere le pal……..

  3. errico ha detto:

    vai emilio…. mandali a casa questi del pdl insieme a berlusconi che ha rovinato l’italia.

  4. CIAO CIAO BAMBINA... ha detto:

    speriamo bbene

  5. […] sono abbattute infatti sulla nuova Amministrazione della città del Sabato. Prima l’escluso Moschella e poi il consigliere Pacia (eletto in maggioranza, ma subito pentitosi) si sono rivolti al Tar per […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *