alpadesa
  
Flash news:   Giornata della Memoria: per non dimenticare la tragedia della Shoah Passerella ciclopedonale sul fiume Sabato, al via da ieri i lavori conclusivi. Parlano sindaco e delegato: «Un ponte che aiuta a riqualificare il centro urbano di Atripalda». Foto Coronavirus, sono 28 i positivi in Irpinia di oggi su 311 tamponi effettuati Sicurezza cittadina, a 3 settimane dalla bomba carta ad un esercizio commerciale nota di “Idea Atripalda” Furti nei garages di via San Giacomo e altre zone di Atripalda: al via il processo Coronavirus, 38 i positivi oggi su 577 tamponi effettuati in Irpinia Video sorveglianza non ancora attiva ad Atripalda, l’affondo dell’ex assessore Ulderico Pacia: “la giunta riveli i costi e perché sono spente” Vandali ancora in azione, danneggiati due alloggi popolari ad Atripalda Coronavirus, 3 casi positivi ad Atripalda nel bollettino ASL: 91 i contagiati in Irpinia Messa in sicurezza del parcheggio pubblico di via Gramsci ad Atripalda: impegno di spesa per l’affidamento della prestazione del rilievo topografico

Anomalie contabili, la Corte dei Conti avvisa il Comune di Atripalda. Criticità sui Rendiconti 2009 e 2010, i magistrati: “ci siano misure correttive”

Pubblicato in data: 23/7/2012 alle ore:10:10 • Categoria: Attualità, Comune

corte-dei-contiLa Sezione Regionale di Controllo della Corte dei Conti della Campania «avvisa» il Comune.
Il collegio presieduto dal dottor Lomazzi, all’esito dell’istruttoria chiusa l’undici luglio scorso, ha «segnalato» all’amministrazione comunale guidata da Paolo Spagnuolo « le gravi irregolarità rilevate, i comportamenti difformi dalla sana gestione finanziaria, la persistenza nell’esercizio oggetto dell’analisi di una grave difficoltà finanziaria».
L’istruttoria seguita dal magistrato Rossella De Corato, che ha interessato i rendiconti 2009-2010, quelli redatti dall’amministrazione guidata da Aldo Laurenzano, finiti nel mirino della magistratura contabile. Chiare leprescrizioni imposte dai giudici all’Ente: «correggere le situazioni che indirizzano l’ente verso condizioni di difficoltà strutturale e ad adottare le idonee misure correttive negli esercizi finanziari successivi utili a prevenire qualsiasi compromissione degli equilibri di bilancio».
In particolare, segnala quale prevalentemente critica l’attuale mancata alienazione del “Centro Servizi di via San Lorenzo”, i cui proventi avrebbero dovuto garantire il programmato finanziamento del piano di rientro e di recupero dei disavanzi degli anni 2008 – 2009, nonché la copertura dei debiti fuori bilancio con conseguente reiterato ricorso alle anticipazioni di tesoreria; ebbene, l’eventuale perdurare della situazione suindicata deve indurre l’Ente a porre in essere, improrogabilmente, misure di gestione volte a ridurre in modo drastico le spese e conseguentemente ad assicurare la formazione di un avanzo di amministrazione finanziato “non quasi esclusivamente” da residui attivi di dubbia ed incerta esigibilità, così come appare dalle evidenze contabili oggetto delle relazioni ai Rendiconti 2009 e 2010. In particolare, l’amministrazione comunale è tenuta a comunicare tempestivamente, con Relazione trimestrale, le misure correttive adottate a questa Sezione per l’esercizio del potere-dovere di vigilanza.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

7 risposte a “Anomalie contabili, la Corte dei Conti avvisa il Comune di Atripalda. Criticità sui Rendiconti 2009 e 2010, i magistrati: “ci siano misure correttive””

  1. mo che dice Landi? ha detto:

    che non è colpa sua…!

  2. Alberto Alvino ha detto:

    Non credo che si possa commentare questo articolo. C’è solo da prenderne atto, AMARAMENTE !
    Quelli che dovrebbero prenderne atto sono i soliti detrattori, che ingiustamente criticano l’operato di questa Amministrazione.

    Alberto Alvino

  3. Peppo e napoli ha detto:

    Alberto Alvino per chiarimenti citofonare Aquino chiedere di Enzo! Sarebbero i Compagni!!! Quelli con cui avete fatto l’alleanza!!! Per interpretazioni autentiche chiedere di Federico Alvino! Per quello che porta la cera dietro la processione puoi domandare a tuo nipote invece!

  4. mimmo ha detto:

    ecco a voi la “GRANDE EREDITA'” laurenzano ………….complimenti a quanti lo hanno sostenuto nell’ultima competizione elettorale…………e il PDL CHE DICEVA CHE ERA IL MIGLIOR SINDACO POSSIBILE………….

  5. Antonio ha detto:

    onestamente la situazione non solo del comune di atripalda la può affrontare solo gente preparata e di alto “profile” lavorativ! QUESTI SON SOLO ALLO SBARAGLIO !

  6. x mimmo ha detto:

    Mimmo quindi i debiti li ha fatti laurenzano, e la colpa dei debiti e del PDL che era con Laurenzano?

  7. Che cozzerà ha detto:

    Caro Alberto e’ in pensabile criticare appena due mesi di amministrazione ma e’ un dato di fatto che di questa amministrazione faccia parte anche il PD che per oltre dieci anni ha fatto parte del governo della città, e’ quindi corresponsabile dei debiti della nostra città. Per quanto attiene meramente alla gestione amministrativa e quindi alle corresponsabilità dei funzionari comunali mi sembra che nulla abbia fatto quest’amministrazione o peggio molto ha fatto riconfermando in toto i capisettori e la segretaria comunale dando come unico segnale la continuità con la precedente amministrazione del dott. Laurenzano.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *