alpadesa
  
Flash news:   Costituito l’ufficio di progettazione per l’intervento di sistemazione idraulica e idrogeologica del Vallone Testa ad Atripalda: 980mila euro a disposizione Coronavirus, in Irpinia secondo giorno consecutivo a contagio zero. I tamponi effettuati sono stati 298 Us Avellino, completato il passaggio delle quote Coronavirus, risalgono i contagi (+584) e le vittime (+117) in un giorno “Rossi-Doria, il riformatore che amava l’Irpinia”, il ricordo di Luigi Caputo del grande meridionalista Ciclismo, l’A.S.Civitas presenta il veterano Michele Venezia Lavori alla Biblioteca comunale e contrada Fellitto, si ampliano i cantieri ad Atripalda. Foto Coronavirus, nessun caso in Irpinia su 299 tamponi effettuati Coronavirus, quasi raddoppiati i guariti e le vittime in un giorno sono solo 78 Così non va – una fioriera cementata e vuota al posto di un paletto dissuasore in via Appia. Foto

Nuove regole per le attività commerciali, arriva l’ordinanza del sindaco Spagnuolo

Pubblicato in data: 30/8/2012 alle ore:13:15 • Categoria: Attualità, Comune

via-roma-negoziNuova ordinanza del sindaco Paolo Spagnuolo per la disciplina delle attività commerciali ad Atripalda. Anzitutto in materia di liberalizzazione. Infatti, il provvedimento recepisce le disposizioni dell’ordinamento comunitario in materia di tutela della concorrenza e libera circolazione delle merci e dei servizi ed «al fine di garantire la libertà di concorrenza secondo condizioni di pari opportunità ed il corretto ed uniforme funzionamento del mercato, nonché di assicurare ai consumatori finali un livello minimo ed uniforme di condizioni di accessibilità all’acquisto di prodotti e servizio».
In base alla normativa «eventuali limitazioni di orario o aperture differenziate correlate alle tipologie degli esercizi con provvedimenti specifici, possono essere introdotte soltanto per evitare atti di “danno alla sicurezza…e indispensabili per la protezione della salute umana…dell’ambiente, del paesaggio e del patrimonio culturale”, cioè per la tutela di interessi generali della comunità amministrata e non per interessi di alcune categorie economiche».
L’Amministrazione ha preso in considerazione il fatto che numerose iniziative con finalità di svago, intrattenimento e socializzazione per la cittadinanza sono organizzate su aree pubbliche e/o nei locali dei pubblici esercizi. Occorre, da un canto, favorire le iniziative economiche e la realizzazione di attività ricreative, dall’altro garantire la vivibilità urbana, le esigenze di igiene e il valore della quiete pubblica quale interesse collettivo.
Il provvedimento riguarda tutte le attività di commercio al dettaglio in sede fissa, sia del settore alimentare che del settore non alimentare; le attività di somministrazione al pubblico di alimenti e bevande comprese le trattorie, ristoranti, pizzerie, bar, caffè, gelaterie, pasticcerie ed esercizi similari e quelle di di tipo “C” e “D”: sale da gioco, circoli, locali notturni, in cui la somministrazione di alimenti e bevande viene effettuata congiuntamente ad attività di trattenimento e svago.
Ricompresi infine nel provvedimento anche gli esercizi con attività artigianale prevalente che esercitano attività di somministrazione: pizzerie da asporto, rosticcerie, kebab. Queste attività possono essere svolte senza il rispetto degli orari di apertura e chiusura; l’obbligo della chiusura domenicale e festiva, compresi i giorni del Santo Patrono o festività speciali; l’obbligo della mezza giornata di chiusura infrasettimanale.
Resta però obbligatorio segnalare al pubblico mediante cartelli ben visibili anche all’esterno o altri mezzi idonei a tale scopo gli orari scelti e i giorni di effettiva apertura e chiusura, qualora osservati; l’eventuale chiusura infrasettimanale è determinata liberamente dai singoli esercenti.
L’orario scelto può essere variato ed è consentita la scelta di orari differenti nei vari periodi dell’anno o giorni della settimana.
Sono vietate l’apertura anticipata o la chiusura posticipata rispetto a quanto segnalato ad avventori e autorità.
Gli esercizi al dettaglio in sede fissa sono obbligati a interrompere la vendita per asporto di bevande alcoliche e non in contenitori di vetro e in lattine di metallo e di bevande alcoliche e superalcooliche dalle ore 23,00 fino alla chiusura.
I pubblici esercizi di somministrazione sono obbligati a: comunicare preventivamente al Comune -S.U.A.P. – gli orari ed eventuali turni di chiusura effettuati,sia in caso di nuova apertura dell’esercizio che di subingresso o di trasferimento in altra sede. Tale comunicazione deve essere effettuata prima dell’inizio dell’attività.
Inoltre è vietata, la somministrazione di bevande alcooliche e superalcooliche alle ore 03:00 e non possono riprenderla nelle tre ore successive. Tale divieto è esteso anche agli esercizi temporanei di somministrazione di alimenti e bevande in occasione di manifestazioni, sagre, spettacoli, etc.
Infine nell’ordinanza è fatto obbligo di cessare, per motivi di ordine pubblico, la diffusione di musica e canti nel locale, a qualsiasi titolo esercitati, entro le ore 01:00 anche per gli esercizi che protraggono l’orario di chiusura.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Blitz al Comune, il sindaco Spagnuolo sospende i quattro dipendenti indagati con la decurtazione del 50% dello stipendio

Nel giorno dei primi interrogatori degli quattro dipendenti indagati il sindaco Paolo Spagnuolo firma il decreto di sospensione cautelare del Read more

Falò di San Sabino, il sindaco diffonde le prescrizioni da rispettare per l’accensione dei “focaroni”. Meno di una decina le richieste

Falò di San Sabino, il Comune diffonde le prescrizioni da rispettare per l’accensione dei “focaroni” in onore del Santo Patrono. Read more

Stop all’uso irriguo delle acque del Sabato, arriva l’ordinanza sindacale

Il fiume Sabato è inquinato ed il sindaco Paolo Spagnuolo, sulla scorta anche delle risultanze delle analisi effettuate dall'Arpac, ha emesso Read more

Rimozione Giannetta, il Giudice del Lavoro si è riservato di decidere sulla sospensiva: ordinanza in arrivo nei prossimi giorni

Si è riservato di decidere sulla richiesta di sospensiva nei prossimi giorni. Così il Giudice del lavoro del Tribunale di Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *