alpadesa
  
Flash news:   Accorpamento temporaneo mercato del giovedì a parco Acacie, pubblicata la graduatoria degli operatori commerciali Tentata estorsione aggravata, i Carabinieri arrestano una 28enne atripaldese Atripalda Volley, ecco altri due tasselli: Roberto e Fabio Luciano vestono biancoverde “Giullarte” torna nella sua collocazione temporale originaria, Gambale: “a giugno una straordinaria edizione per il ventennale” Maria Morgante riconfermata all’Asl Avellino e al Moscati arriva Renato Pizzuti Al via l’ampliamento della strada comunale Atripalda–Sorbo Serpico e altri interventi dal centro alla periferia. FOTO Atripalda Volley, tris di giovani per mister Racaniello: Ammirati, Riccio e De Rosa vestono biancoverde Scandone, il grido d’amore degli Original Fans: “Finché il cuore batte qui si combatte“ Gli amici di via Gramsci si ritrovano a cena dopo tanti anni. Foto Venerdì presentazione di “Variazione Madre” libro di poesie di Federico Preziosi

Ipotesi trasferimento Asl, Sel: “Evidente incapacità dell’Amministrazione nel trattare la questione. Atripalda non deve perdere la struttura sanitaria”

Pubblicato in data: 10/9/2012 alle ore:07:35 • Categoria: Attualità, Politica, Sinistra Ecologia e LibertàStampa Articolo

sede-asl

Abbiamo appreso con disappunto della ricerca avviata dal direttore generale dell’Asl AV2 Sergio Florio presso i comuni del distretto di una sede alternativa a quella attuale di via Manfredi per gli uffici amministrativi e sanitari. Il rischio che Atripalda perda l’ASL, pur essendo il comune di gran lunga più popoloso e più importante tra quelli serviti dalla struttura oltre che quello meglio collegato con i restanti, è divenuto oggi purtroppo concreto, grazie soprattutto alla totale incapacità dell’Amministrazione Spagnuolo anche solo di avviare la trattativa per la locazione del Centro Servizi all’Azienda Sanitaria. Un’ incapacità sottolineata dall’ imbarazzante confusione di idee mostrata sul futuro dell’immobile (in campagna elettorale si è detto di non voler né fittare né vendere poi si è detto di voler fittare all’Asl poi si è deciso di vendere a trattativa privata).
Ora dopo quest’uscita del direttore generale Florio, qualunque sarà il destino dell’ASL, il comune ne conseguirà comunque un danno.
Nella migliore delle ipotesi, infatti, se si è trattato di un’uscita furbesca di Florio messa in scena per “farsi correre dietro” dall’attuale amministrazione, non sarà più possibile fittare in maniera congrua il Centro Servizi che potrà solo essere praticamente regalato all’Asl per evitare la minacciata fuga.
Nella peggiore delle ipotesi invece, se realmente l’Asl lascerà Atripalda, sarà un vero smacco per il nostro paese in termini economici e di prestigio ma anche un colpo per gli interessi dei cittadini non solo Atripaldesi ma del distretto, per la maggioranza dei quali Atripalda è sicuramente un punto di riferimento di più facile accesso.
Noi non sappiamo qual è lo scenario reale. Sappiamo solo che , in ogni caso, tutti i cittadini, le forze politiche, le associazioni di consumatori, i sindacati devono opporsi con forza se solo viene adombrata la scellerata ipotesi del trasferimento.
Però ci piacerebbe sapere anche quale livello di coinvolgimento ci sia stato nella struttura sanitaria nel prendere una decisione del genere: Florio ha condiviso questa volontà con i suoi dipendenti? E i sindacati non hanno niente da dire?
Atripalda può offrire più di un’alternativa alle esigenze dell’Asl. La scorsa amministrazione si è molto battuta per evitare che il trasferimento dell’ASL da via Manfredi significasse anche il trasferimento da Atripalda. Si è lavorato sia all’ipotesi Centro Servizi ma anche a quella della ex sede di via Tiratore che, grazie al nostro lavoro, la proprietà INAIL si è convinta a dare in comodato d’uso gratuito.
Insomma le soluzioni ci sono e l’ASL può e deve rimanere ad Atripalda!
Lasciare che Atripalda perda un importante presidio di sanità pubblica a causa dei tagli, mentre la Regione Campania continua a erogare allegramente risorse oltre il necessario per sagre e feste di paese, è inammissibile!
Sembra di essere tornati all’antica Roma: “Panem et circenses“, vale a dire, nel nostro caso, distogliere l’attenzione dei cittadini che, nel frattempo, vengono privati di importanti servizi pubblici!
Così l’Amministrazione Spagnuolo, perfettamente inserita in questo meccanismo, spreca risorse per Giullarte, con la benedizione della grande mamma democristiana, e lascia che l’Asl abbandoni Atripalda!

SEL di Atripalda

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (5 votes, average: 3,40 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

11 risposte a “Ipotesi trasferimento Asl, Sel: “Evidente incapacità dell’Amministrazione nel trattare la questione. Atripalda non deve perdere la struttura sanitaria””

  1. Atripaldese doc ha detto:

    Qualcuno sa dirmi cosa ha fatto questa amministrazione in questi 4 mesi? io ricordo solo la partita di beach volley in p,zza Umberto I.

  2. antonio ò buono ha detto:

    questa amministrazione è stata solo buona a dire che hanno rimasto debiti e ogni giorno davano un numero 3,5 milioni 4 ,5,7,,10 poi non si è capito più nulla! hanno saputo dare molti incarichi poi dicono che non ci sono soldi, hanno fatto la partita di beach volley come ricordava ATRIPALDESE, hanno promesso promesso promesso e poi booh, se c’è un funerale oppure una festa sono i primi a stare in avanti con fasce e pennacchi e spille, e se sadda ammenesta so e più bravi e chi più ne ha più ne metta.

  3. THE CLASH ha detto:

    Per piacere non parliamo di quello che ha combinato la scorsa amministrazione che mi viene il voltastomaco….quali sono i vantaggi in termini economici di avere una ASL nel proprio comune??? Io ci vedo solo dei costi e anche pesanti da sostenere. Atripalda non può permettersi più di avere dei privilegi visto che ogni cosa che è stata fatta si è poi rivelato un magna-magna…siamo seri e non prendiamo posizioni solo per fare campagna elettorale.

  4. Atripaldese doc ha detto:

    il magna magna come dice lei, è ora. vorrei ricordare che nella scorsa amministrazione il dott.Laurenzano chiese collaborazione a sua moglie (a titolo GRATUITO) e tutti gli atripaldesi polemizzavano e criticavano, mentre pochi giorni fa è stata chiesta una collaborazione esterna del costo di € 3500,00 e nessuno dice niente. Se Laurenzano da 1 a 10 valeva 1 questi stanno a -1…….per non parlare delle promesse che hanno fatto agli elettori, della raccolta a porta a porta che doveva già partire entro 15gg dalle elezioni ecc….non so se lei è di Atripalda ma oggi passeggiare vicino ai cassonetti è impossibile (sempre pieni e maleodoranti). Dimenticavo, se qualcuno vuole vedere l’amministrazione, questa sera hanno organizzato un’altra partita di pallavolo a Cda Ischia.

  5. Allei ha detto:

    Ma the clash addo’ vivi scusa? Sai come funziona un distretto dell’ asl e a cosa serve? Secondo me no. Se perdiamo l’ asl oltre a sicuri svantaggi e disagi facimmo una e quelle figure che rimane nella storia

  6. mobi ha detto:

    ma quando scrivete questi documenti la riunione la fate in auto?

  7. THE CLASH ha detto:

    Mamma mia, che demagogia!!! Io sono nato e vivo ad Atripalda e so bene come funziona l’ASL (bocca mia taci….). Secondo me la figura di niente già l’abbiamo fatta nel corso delle passate amministrazioni (devo fare l’elenco???). Per quanto riguarda la collaborazione esterna a titolo Gratuito, che devo dire, mi devo fa solo una risata gigantesca (come si dice: MAGNA CA’ MAGNI RO’ TUO!!!), ricordate anche il famoso addetto stampa pagato in nero. E infine quale differenziata hanno fatto le passate amministrazioni….inoltre sapete l’azienda addetta allo spazzamento e alla raccolta dei rifiuti….si chiama IRPINIAMBIENTE. Quindi io vivo ad Atripalda, ho anche io i miei malcontenti, ma dire che le passate amministrazioni sono state migliori mi fa pensare che siete di Atripalda ma avete le fette di salame davanti agli occhi!!!

  8. ridicolous ha detto:

    dopo questa ho visto tutto, i comunisti che difendono Florio, autore della chiusura di parecchi presidi ospedalieri in alta irpina, colui che ha dalla sera alla mattina ha lasciato senza lavori dieci precari della sanità. Complimenti Berlusconi non potrebbe dfendere meglio l’elite come fare voi. In merito all’incarico a Barile è lui che si è attivato per trovare il contributo per Giullarte e mi sembra normale che riceva un compenso come qualunque cittadino che si adopera in tal senso, poi la sua appartenenza politica non deve cmq essere una penalizzazione.

  9. Antonio ha detto:

    quando si parla di grande organizzatore mi fate ridere ! chi sarebbero sempre quelli che vanno alle sagre è vogliono parcheggiare dove gli pare ? questa gente si deve togliere dai piedi , sono SOLO UNA JATTURA PER QUESTA TERRA ! TUTTI I FALLITI DELLO STIVALE HANNO PORTATO DA QUESTE PARTI ! QUELLO CHE SI DECANTA GRANDE PORTATORE DI TURISMO NEL SUO PASSATO ? E’ SOLO LA SOLITA STORIA DI SPERPERO DI SOLDI PUBBLICI ! CLOWN A RUOTA LIBERA .

  10. atripaldese doc ha detto:

    3500€ per due giorni di organizzazione…..io devo lavorare mattina e sera per 4 mesi…..VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  11. Nappo Carmela ha detto:

    Spero che il direttore dell’ asl Sergio Florio possa far rimanere l’asl in via manfredi, dove è adesso perche la struttura è molto grande c’è anche il parcheggio per auto, si puo andare anche a piedi perche è vicino ok ciao

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *