alpadesa
  
Flash news:   “Uno stadio in Rosa” per la gara dei lupi con il Monterosi Blitz di Alto Calore e Carabinieri a contrada Alvanite: scoperti 8 casi di furti d’acqua Sosta a pagamento, la selezione per i quattro ausiliari al traffico accende lo scontro politico È la notte della Super Luna Piena “La crisi del Pd e del Centrosinistra”, dibattito pubblico nella chiesa di San Nicola sabato pomeriggio Lo Stadio Partenio-Lombardi si rifà il look in vista delle Universiadi Progetto “#inacinque”, giovedì al Comune l’assessore regionale alle Politiche sociali Lucia Fortini Raccolta differenziata, Primavera Irpinia incalza: «un opuscolo non basta: troppi cinque carrellati consegnati ad ogni condominio. Per questo siamo scesi al 61,14%» Premio San Valentino 2019, conclusioni e ringraziamenti Bucaro: “non meritavamo la sconfitta”

La Sidigas Pallavolo Atripalda compie una straordinaria rimonta e batte Ortona per 3 a 2

Pubblicato in data: 28/10/2012 alle ore:02:14 • Categoria: Sport, Pallavolo Atripalda, PallavoloStampa Articolo

sidigas-ortonaLa partita più lunga della storia del Paladelmauro Atripalda la vince 3-2. Onore al merito ad Ortona. Grande reazione della Sidigas che sotto 0-2 ribalta e vince. Il nubifragio pre-partita abbattutosi sull’irpinia condiziona l’avvio del match. Fischio d’inizio rinviato per la presenze di gocce d’acqua in mezzo al campo. Dopo un’attenta analisi e il summit tra le due società e gli arbitri entrano in azione gli uomini del presidente Guerrera: grazie ad una struttura messa a disposizione in tempo reale dall’azienda Aierbit dell’imprenditore Aniello Iervolino e montata in tempo record, gli operai della Edil Metal Project riescono a raggiungere il soffitto a dieci metri d’altezza, individuano il problema e mettendo in sicurezza il rettangolo di gioco. Il match può avere inizio. Ortona viaggia a gonfie vele reduce da tre successi, la Sidigas annaspa ed è costretta rincorrere sempre. Il risultato è il vantaggio degli uomini di Lanci. Ferita nell’orgoglio la squadra di Totire reagisce compatta nel terzo set. Aveva già mostrato grande smalto, si è confermato dal 2-1 in poi protagonista assoluto Antonio De Paola. Ricezione, attacco e muro, il martello laziale fa impazzire gli avversari. Atripalda ci crede, anche nel quarto set la battuta è più pungente, la gran difesa di Ortona inizia a mostrare piccole crepe. La gara è combattutissima, Lanci e soci annullano una palla set, Atripalda non spreca la seconda a sua disposizione. Si va sul 2-2 e i rossoblù accusano il colpo dal punto di vista mentale. Atripalda è un crescendo, a fine partita festa grande. Con questa vittoria e i 2 punti incamerati la Sidigas si porta a quota 8. Giovedì biancoverdi di nuovo in campo a Padova per il turno infrasettimanale, tra sette giorni sfida casalinga contro Loreto. Al bicchiere mezzo pieno della rimonta, Atripalda fa intravedere anche quello mezzo vuoto di un approccio gara e set da rivedere, ma i margini di crescita sono ampi e il lavoro in palestra la via maestra da seguire per nuovi successi.

sidigas-ortona-azione

Sidigas Atripalda Sieco Service Ortona 3 – 2 (23-25, 21-25, 25-17, 26-24, 15-7)

SIDIGAS ATRIPALDA: Cazzaniga 19, Candellaro 11, Di Marco 6, Cortina (L), Scappaticcio, De Paola 23, Izzo 1, Libraro 19. Non entrati Gabriele, Cavaccini, D’angelo, Bassi. All. Totire.
SIECO SERVICE ORTONA: Cetrullo 21, Simoni 8, Guidone 2, Lapacciana, Muagututia 28, Sborgia 6, Di Meo 1, Lanci 1, Lipparini 6, Zito (L). Non entrati Scìo, Pappadà, Orsini. All. Lanci. ARBITRI: Valeriani, Talento. NOTE – durata set: 29′, 29′, 24′, 32′, 17′; tot: 131′.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *