alpadesa
  
Flash news:   Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Laurea in Tecniche di Radiologia Medica: auguri alla dottoressa Angela Penza Natale 2019, Amministrazione in campo per le luminarie in centro città Via Melfi ad Atripalda chiude al traffico per un mese a causa di lavori urgenti sulle facciate laterali di Palazzo Del Gaudio Al via la vendita dei biglietti per Avellino-Potenza Domani 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino Si è sciolto il Direttivo della Curva Sud Avellino

Sant’Agnello – Atripalda, l’analisi del match dai due volti del tecnico Carmine Amato e del ds Walter Iannaccone

Pubblicato in data: 5/11/2012 alle ore:09:21 • Categoria: Sport, CalcioStampa Articolo

iannaccone amatoVittoria e sofferenza è un binomio del quale l’Atripalda non può proprio fare a meno. La formazione biancoverde lo ha dimostrato per la terza volta nella trionfale trasferta sul campo del Sant’Agnello, dominato in lungo e in largo per più di un tempo per poi essere temuto nella seconda parte di gara. Prendere o lasciare, è questa l’Atripalda che ha spazzato via l’amarezza del derby. Ne è consapevole anche Carmine Amato, sagace timoniere sbarcato sulla penisola con non pochi problemi di formazione, ma per nulla intenzionato a sconfessare le proprie idee di gioco. Il trainer mariglianese analizza l’ennesimo successo dai due volti: “Abbiamo dominato per una buona ora di gioco praticando un ottimo calcio e costringendo nella propria metà campo una squadra che veniva da un risultato importante. Ho visto la mia squadra giocare palla a terra con sicurezza fin dal primo minuto. Sul 3-0 abbiamo commesso l’errore di specchiarci troppo in noi stessi, perdendo diverse occasioni per dilagare. Improvvisamente poi ci siamo rilassati e l’avversario è potuto tornare in partita. Perdere la concentrazione in circostanze del genere è un nostro limite. E’ anche vero, però, che la squadra ha dimostrato di saper soffrire pur sotto la crescente pressione avversaria nel finale“. Una consapevolezza non da poco per una squadra giovane, in grado di mettere a tacere con i fatti le critiche piovute dopo il derby, parentesi che lo stesso Amato archivia definitivamente: “Con un risultato ed una prova del genere possiamo dire di esserci messi alle spalle la delusione di una settimana fa. La squadra ha subito reagito ed ora dovrà confermarsi nel prossimo impegno. La partita con la Virtus Scafatese non ammette cali di tensione. Si tratta di un avversario che si trova particolarmente a suo agio in trasferta. Dovremo soltanto rimanere concentrati e vivere alla giornata. Il campionato finora ci ha insegnato che non esistono partite facili e che bisogna vivere alla giornata. La classifica si è accorciata ulteriormente dal basso. Guardarla ora non ha senso“. Gli fa eco il diesse Walter Iannaccone, che può nuovamente gioire: “Ci siamo espressi su ottimi livelli. Ho apprezzato molto la qualità di gioco della prima parte, un po’ meno l’atteggiamento avuto dopo il 3-0 quando abbiamo tirato i remi in barca. Cercheremo di lavorare su questo aspetto per evitare di soffrire in futuro. Nel complesso, però, c’è soddisfazione per il risultato ottenuto e per i nervi saldi mostrati nel finale. Se riuscissimo a migliorare la tenuta mentale saremmo al top. Ora, però, è importante non montarsi la testa e proseguire sulla strada intrapresa“.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *