alpadesa
  
Flash news:   Secondo contagio ad Atripalda, il sindaco: “invito l’intera comunità ad osservare le misure per la prevenzione e il contrasto al covid-19” Coronavirus, contagiato ad Atripalda anche un parente della signora rumena Nuovo caso di Coronavirus ad Atripalda, il sindaco: “la donna straniera sottoposta ad isolamento” Coronavirus, nuovo contagio ad Atripalda: in isolamento persona rientrata dall’estero Sicurezza urbana ad Atripalda, i consiglieri del gruppo “Noi Atripalda” scrivono al prefetto Raccolta differenziata, la nota di Antonio Prezioso (Fdi) “Cinema al Parco”, mercoledì al via la terza edizione estiva a Parco delle Acacie Drive in rosa 2020, ieri in scena la prevenzione e la promozione del territorio nella cornice naturale del Laceno Piazza Umberto I, gruppo di bambini aggrediti: 12enne finisce in ospedale Al via la XXVIII edizione del Festival “I Luoghi della Musica”: stasera si parte dal Chiostro di S. Maria della Purità di Atripalda

Sidigas Avellino in caduta libera, brutta sconfitta a Sassari con il punteggio di 102 a 81. Valli a rischio esonero

Pubblicato in data: 11/11/2012 alle ore:22:44 • Categoria: Avellino Basket

Ritmi molto alti, Sassari e Avellino si affrontano a viso aperto cercando di superarsi a vicenda sin dalle battute iniziali. Quattro triple subito a segno per la formazione di Sacchetti. Il migliore dei lupi è Dragovic. Al primo time out chiamato dal coach irpino Valli il tabellone marca 18 a 9 per i sardi. Gli irpini non riescono a ab reagire all’ottimo gioco prodotto dai sardi che imbrigliano Avellino nella propria manovra. Ebi e Shakur provano a prendere per mano la squadra ma senza riuscirci. Dinamo si porta avanti 24 a 13. E’ un monologo dei padroni di casa che chiudono 30 a 17.
Sassari è una macchina perfetta, Avellino non riesce ad uscire dal guscio e come un pugile suonato subisce una serie di colpi. Il match, sembra ormai segnato. Senza idee e con poco carattere i lupi cadono sotto i colpi dei padroni di casa. Al time out chiamato da Sacchetti il risultato è di 36 a 23. Avellino sembra avere uno scatto d’orgoglio e si porta a meno 11. Ma due triple di Ingerki e Diener riportano i biancoverdi sulla terra: 42-27. Il secondo quarto si chiude 53-36.
Mavraides apre il terzo quarto, ma è solamente un fuoco di paglia. Sassari mette ancora la freccia grazie ad un parziale di 15 a 2. Risultato che va sul 65 a 43. Delusi e ammutoliti i tanti supporters biancoverdi sbarcati in Sardegna. I padroni di casa dilagano con alcuna reazione da parte di Avellino: 79 a 59.
Sassari rallenta, convinta di aver chiuso la pratica. Avellino, non reagisce in alcun modo per provare a rendere il passivo meno umiliante. Lupi senza idee e allo sbando. Valli prova a raddrizzare le cose, mandando sul parquet Crow, Mavraides e Biliga. I padroni di casa restano sempre avanti di venti e chiudono il match con un pesante 102-81.

Print Friendly, PDF & Email
Related Posts
Sidigas Scandone Avellino, ufficializzato lo staff tecnico per la stagione 2018/19

La Sidigas Scandone Avellino è lieta di ufficializzare lo staff tecnico per la stagione 2018/19. Ad affiancare coach Nenad Vucinic Read more

Gara 6 – Sold out al PaladelMauro

La Sidigas Scandone Basket Avellino comunica che sono terminati tutti i tagliandi disponibili per gara 6 della semifinale playoff, in Read more

Sacripanti: “Abbiamo fatto un bel passo avanti per entrare tra le prime quattro”

Pino Sacripanti è soddisfatto, quello a colloquio con la stampa, al termine della gara contro Brindisi: “I nostri avversari hanno fatto Read more

Beko Final Eight 2016 – Si infrange il sogno della Sidigas nella finale contro Milano

Non è riuscita l’impresa alla Sidigas che perde la finale delle Final Eight contro Milano per 76 -82. I lupi Read more

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *