alpadesa
  
Flash news:   Ordigno bellico ritrovato ad Avellino: la bomba verrà fatta brillare in una cava di Atripalda L’Area Dem del Pd a confronto ad Atripalda in vista delle Regionali 2020, Nancy Palladino: «per noi il nome del governatore De Luca è imprescindibile e va sostenuto». FOTO Messa in ricordo di Alessandro Lazzerini sabato presso la Chiesa del Carmine Niente più sosta in piazza Tempio Maggiore per valorizzare la chiesa madre di Sant’Ippolisto Martire Avellino-Catania, Daspo a quattro tifosi biancoverdi Il Potenza affonda l’Avellino Uccise la moglie con arnese da falegname, si impicca in cella a Torino 64enne originario di Atripalda Trova uno smartphone e chiede 30 euro per la restituzione: denunciato per tentata estorsione 60enne di Atripalda Sconfitta con il Geko Psa Sant’Antimo: parla coach De Gennaro Laurea in Tecniche di Radiologia Medica: auguri alla dottoressa Angela Penza

Violenta aggressione al bar, denunciati 3 pluripregiudicati per lesioni e 2 baristi per omissione di soccorso. Locale a rischio chiusura

Pubblicato in data: 30/11/2012 alle ore:13:20 • Categoria: CronacaStampa Articolo

carabinieriNella mattinata di oggi, i carabinieri della Stazione di Aiello del Sabato (AV) hanno terminato le attività d’indagine sull’aggressione che, nella notte dello scorso 23 novembre, era occorsa all’interno di un noto bar e locale notturno ubicato in contrada San Lorenzo ad Atripalda. Ricevute le querele delle vittime, entrambe residenti nella valle del Sabato, i militari dell’Arma avellinese hanno infatti avviato una specifica attività d’indagine volta a chiarire la reale portata degli accadimenti e le responsabilità penali dei soggetti coinvolti. Acquisite le immagini immortalate dalle telecamere a circuito chiuso del locale, i carabinieri hanno constatato che scorrevano scene al limite dell’inverosimile. Si è infatti potuto ricostruire che l’intera vicenda è nata a causa di un noto pluripregiudicato (già coinvolto e arrestato per precedenti risse) che, assolutamente alterato dall’uso di alcol e forse altro, stava litigando con un altro avventore del bar. Di lì, la prima delle due vittime dell’aggressione, un 56enne della valle del Sabato che stava seduto con la figlia 30enne al tavolino a fianco, si è interessato all’evento con la chiara intenzione di pacificare gli animi, ma non ha fatto in tempo nemmeno a girarsi verso il pregiudicato, che quello lo ha aggredito, buttato a terra, gli è montato addosso e, con la testa incastrata tra braccio e sterno, gli ha iniziato a tirare ripetuti cazzotti e pugni al volto. La figlia 30enne, presa dal panico, ha provato a cercare il cellulare per chiamare i soccorsi, ma nemmeno ha fatto in tempo ad estrarlo dalla tasca, che un altro pregiudicato avellinese l’ha scaraventata con una violenza inaudita contro il muro, facendola cadere con tutto il tavolino e la sedia. In tutto questo, un terzo pregiudicato del posto ha dato manforte al primo che ancora si stava accanendo contro il 56enne. Il tutto è peraltro avvenuto sotto gli occhi dei due baristi, che hanno continuato a lavare le tazzine da caffè senza curarsi minimamente di ciò che stava accadendo e omettendo tanto di chiamare il 118 quanto i carabinieri. In più, quando i due baristi sono stati ascoltati dai carabinieri, hanno riferito di non aver visto nulla, di non essersi nemmeno accorti dell’aggressione in corso, quando i filmati delle telecamere testimoniano che, con la lite a non più di due metri da loro, con tavoli e sedie che volavano e scene degne delle peggiori resse animali, i due hanno tranquillamente continuato a sistemare il bancone. Al termine delle attività d’indagine, i tre pregiudicati sono stati deferiti in stato di libertà alla Procura della Repubblica di Avellino per concorso nel reato di lesioni personali, aggravate dall’aver agito in più persone.
Per i due baristi, invece, è scattata la denuncia a piede libero per i reati di omissione di soccorso e favoreggiamento personale, avendo appunto dichiarato il falso ai carabinieri, per coprire i 3 pregiudicati. Vista l’assoluta gravità degli accadimenti, sommati a quelli già successi in passato e in cui anche due carabinieri furono picchiati a sangue, nonché ai numerosi controlli a persone pregiudicate eseguiti dai militari proprio in quel bar, i carabinieri di Avellino stanno preparando una proposta di chiusura dell’esercizio pubblico, a mente del dettato normativo del Testo Unico delle leggi di Pubblica Sicurezza, nella considerazione che quel bar è un pericolo per l’incolumità e la tranquillità delle persone.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

12 risposte a “Violenta aggressione al bar, denunciati 3 pluripregiudicati per lesioni e 2 baristi per omissione di soccorso. Locale a rischio chiusura”

  1. Indignato ha detto:

    Spero vivamente che chiuda, mi farebbe specie solo prendere un caffè dai quei baristi…

  2. default ha detto:

    Ogni sabato stesso locale stesse delinquenze ma ancora aperto.. vergongnatevi ..

  3. default ha detto:

    Cioe’ i 2 baristi denunciati e i tre criminali in stato di libertà……

  4. che zeza ha detto:

    Le forze dell’ordine se devono perseguire le persone perbene, sono molto determinate e veloci.
    Se devono contrastare il malaffare, quello serio, restano molto prudenti.
    Se contiamo il numero di risse in quel locale, o il numero di furti nelle case, o il numero di atti vandalici, possiamo condividere che non si fa niente per contrastare i delinquenti.

  5. Antonio ha detto:

    Cioè….è proprio vero che in Italia i delinquenti sono tutelati e i cittadini onesti perseguiti! Come il commerciante che spara ad un rapinatore armato: il rapinatore è la vittima e il commerciante viene messo in galera… Ma in che mondo viviamo?

  6. jeko ha detto:

    Chiudete quello che non ha nulla a che vedere con atripalda e gli atripaldesi!!!

  7. INDIGNATO ha detto:

    Questa la giustizia in Italia, se ha ancora un senso chiamarla Giustizia…i due baristi denunciati ed i pregiudicati i stato di libertá liberi appunto di fare risse dovunque ad Avellino e Provincia. VERGOGNA

  8. VVOICE ha detto:

    Sempre le stesse cose, il locale deve essere chiuso! è inaccettabile!

  9. PAOLO ha detto:

    NEMMENO IL MARESCIALLO CUCCINIELLO E’ RIUSCITO A FARE QUALCOSA VUOL DIRE CHE C’E’ DA PREOCCUPARSI.

  10. carlo ha detto:

    Ma quando si provvede a chiudere quel bar??? non e’ la prima volta che succede, sicuramente i baristi hanno le loro colpe speriamo almeno che i pregiudicati li schiaffano dentro!!! ma poco ci credo, comunque in precedente rissa la peggio l’hanno avuta le forze dell’ordine, I CARABINIERI FACESSERO CHIAREZZA MA DEFINITIVAMENTE!!!! VISTO CHE ANCHE QUALCHE LORO COLLEGA NE HA FATTO LE SPESE!!!!!!! CHE VERGOGNA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!PER TUTTI NOI CITTADINI, PE RLA CITTA’ DI ATRIPALDA ED ANCHE PER L’ARMA!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!

  11. maradona ha detto:

    posto pericoloso. allora giusto chiuderlo.

  12. ciao ha detto:

    Se quei delinquenti sn ancora liberi di andare in giro nn è certo per colpa dei carabinieri, ma dei giudici che fanno orecchie da mercante…..inoltre nn riesco proprio a capire a chi vi riferite quando parlate di persone per bene!!!!
    Nn hanno mosso un dito per aiutare una persona in difficoltà…
    Per me il locale andrebbe chiuso, quei delinquenti arrestati e per i baristi purtroppo nn ci sn parole…anzi no una parola mi è venuta….VERGOGNATEVI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *