alpadesa
  
Flash news:   Amarezza di Gioso Tirone alla presentazione del libro sul decennale del “Torneo Calcistico Stracittadino di Atripalda”. Foto Amministrazione sotto attacco, il sindaco replica duramente: «L’ex assessore Landi non sa di cosa parla ma è arrivato il momento di replicare a queste continue provocazioni. Noi la giunta della concretezza. Parla di mancato incoraggiamento al libero pensiero ma poi querela le testate locali» Festeggiamenti San Sabino: stasera PFM in concerto in piazza Umberto, domani processione del Patrono Rogo all’Ics di Pianodardine, l’Arpac: “livelli di diossina sotto la soglia di pericolo già sabato” L’ex assessore Mimmo Landi all’attacco: “solo autocelebrazioni dall’Amministrazione mentre il fallimento è sotto gli occhi di tutti” Idea Atripalda chiede al Comune di aderire a WiFi4EU per promuove il libero accesso alla connettività Wi-Fi Avellino calcio, info biglietti per le prossime gare dei lupi Green Volley, la Piscina Comunale di Mercogliano ospita la preparazione delle atlete atripaldesi Gestione Centro Informagiovani della Dogana, il Comune affida il servizio per il prossimo triennio alla Misericordia di Atripalda Al via i lavori di rifacimento stradale di via Manfredi e via Pianodardine. Foto

Raccolta rifiuti sospesa, il sindaco Spagnuolo:«Non agisce così una società pubblica. Con la vendita del Centro Pmi risaneremo i conti. Pronti a stipulare con IrpiniAmbiente un piano di rientro»

Pubblicato in data: 5/12/2012 alle ore:13:32 • Categoria: Attualità, ComuneStampa Articolo

spagnuolo1Al tavolo convocato in Prefettura ieri mattina per l’interruzione del servizio di raccolta rifiuti nei comuni morosi c’era anche il sindaco di Atripalda Paolo Spagnuolo. IrpiniAmbiente, ad oggi, vanta infatti nei confronti del comune del Sabato un credito di 2 milioni e 889 mila euro. Atripalda risulta così il comune di gran lunga più moroso. Tra l’ente di Piazza Municipio e la società provinciale è inoltre in atto un braccio di ferro dopo la decisione assunta dall’Amministrazione Spagnuolo di conferire l’incarico all’ingegnere capo dell’Utc di redigere un Piano per la gestione del servizio di raccolta porta a porta, in modo da gestirlo in piena autonomia da «IrpiniAmbiente Spa».
«E’ paradossale che si faccia un’interruzione di un servizio da parte di una società pubblica – commenta il sindaco Paolo Spagnuolo – Così si crea non solo un conflitto tra enti, in questo caso provincia e comuni morosi, ma anche si crea un disagio ai cittadini che fanno parte della provincia. Il prefetto Guidato con il dottor Amabile, e li ringrazio pubblicamente di questo, ha richiesto alla società provinciale di revocare l’interruzione del servizio. Come comune ho chiesto ad IrpiniAmbiente un incontro bilaterale in modo da sottoscrivere un piano di rientro del debito che riconosciamo, avendolo appostato in bilancio tanto da far chiudere il rendiconto 2011 con un forte disavanzo. Attendiamo ora che ci convochi». L’Amministrazione appare decisa infatti ad onorare i debiti con la società provinciale visto che a breve potrebbe andare in porto la vendita all’asta del Centro Servizi di via San Lorenzo ad un prezzo di circa 2 milioni e 650mila euro. Ieri mattina infatti la «Xenus Srl», azienda farmaceutica di ricerca in biotecnologie ha protocollato offerta d’acquisto dell’immobile comunale. «Una notizia che ci riempie di entusiasmo – prosegue il sindaco – visto che con la vendita della struttura, che mi auguro si possa concludere prima dell’Epifania, riusciremo a portare a termine in questi primi sei mesi il Piano di risanamento dell’ente e così potremo affrontare altre questioni, come il debito con IrpiniAmbiente senza più con l’acqua alla gola. Non fa infatti certo piacere ed onore per Atripalda essere additata al tavolo in prefettura di questa mattina (ieri ndr) come il comune più moroso. L’obiettivo è perciò riuscire ad uscire da questo girone».
Un piano di rientro da sottoscrivere con IrpiniAmbiente con la quale tuttavia restano posizioni distanti: «Nella riunione ho diffidato e contestato delle inadempienze contrattuali da parte della società provinciale – conclude Spagnuolo – come lo spazzamento, la pulizia del fiume, il lavaggio dei cassonetti ed il diserbo e pulizia delle caditoie».

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

19 risposte a “Raccolta rifiuti sospesa, il sindaco Spagnuolo:«Non agisce così una società pubblica. Con la vendita del Centro Pmi risaneremo i conti. Pronti a stipulare con IrpiniAmbiente un piano di rientro»”

  1. CARLETTO ha detto:

    Vergognatevi con i soldi nostri avete costruito il centro poi lo vendete per risanare i debiti che avete contratto voi o i vostri predecessori, ma noi cittadini le rate della tarsu l’abbiamo sempre pagata, e’ inutile che girate l’ostacolo, dovete dire sti soldi dove sono finiti, chi li ha sottratti e per fare cosa???Sindaco sei un bel furbo a cambiare le carte in tavola !!!!!!!!!!!!!scova i signori che hanno utilizzato i soldi della tarsu per altri scopi e mandali a Bellizzi per natale se tieni gli attributi

  2. atripaldese ha detto:

    Proprio il Sindaco attuale non ha colpe se non sono stati effettuati i pagamenti relativi agli anni 2010 e 2011. Dovrebbe chiarire Laurenzano. Riflettete prima di scagliare accuse. CErto un bel esposto in procura farebbe bene alla salute dell’ente.

  3. Antonio ha detto:

    RIPETO :QUà SI PARLA TROPPO MA DI FATTI NEMMENO L’OMBRA! CI STA UN DEBITO DA 3.7MLN DI EURO DA RIPIANARE è SI FANNO LE BALLATE SOLO PER UNA MANIFESTAZIONE DI INTERESSE DA PARTE DI UNA SOCIETA’ DI RICERCA ? SINDACO SPAGNUOLO SIAMO SERI , LASCIAMO PERDERE LE CHIACCHIERE E LE BUONE INTENZIONI ! I SOLDI CI VOGLIONO PER RATTOPPARE I DEBITI , BASTA PROMESSE FUMOSE ! LA SERIETA’ RICHIEDEREBBE UN CHIARIMENTO UNIVOCO SUI FONDI TARSU VERSATI DAI CITTADINI è NON RISULTANO GIRATI A IRPINIAMBIENTE ?! ATTENZIONE CHE SENZA MOTIVAZIONI PLAUSIBILI E IN REGOLA DI LEGGE ? SI FINISCE A BELLIZZI !

  4. Alberto Alvino ha detto:

    La disinformazione fà dire cose errate. Per quello che mi risulta, l’Amministrazione da quando si è insediata ha regolarmente pagato gli oneri contrattuali. a fronte di un servizio pessimo, questo dovuto proprio alla supponenza dell’IRPINIA AMBIENTE, perchè creditrice di debiti fatti da altri. Una cosa và detta : questa amministrazione, nel rimodulare il debito deve tener conto di tutti i servizi non eseguiti. I cittadini si augurano che ,finalmente , parta questa benedetta gara d’appalto. solo così potremo avere un servizio efficiente ad un prezzo equo. Oggi paghiamo due milioni di € all’anno per dare lo stipendio ai tanti seduti dietro le scrivanie di IRPINIA AMBIENTE senza aver fatto nessun concorso.

    Alberto Alvino

  5. clamorosoalcibali ha detto:

    avverto un’incongruenza: perchè ora il Sindaco parla di piano di rientro quando appena qualche giorno fa l’Assessore delegato ai rifiuti aveva affermato di avere un piano rivoluzionario che avrebbe portato Atripalda fuori dalle grinfie di Irpinia Ambiente? secondo me si naviga a vista: ci vogliono spalle larghe non petti in fuori come si strillava dai palchi elettorali…….
    al sign. Alvino invece vorrei ricordare che i debiti, seppur contratti da altri sono pur sempre debiti del Comune di Atripalda, e dei contribuenti atripaldesi…non è che con la storia del passato uno se ne lava le mani o magicamente si azzerano i debiti……
    saluti

  6. Antonio ha detto:

    ALVINO : IL COMUNE DI ATRIPALDA SONO ANNI CHE NON VINCE UNA CAUSA CONTRO CHICCHESSIA ! ADESSO SI SVENTOLA AI 7 VENTI QUESTA GARA D’APPALTO PER LA RACCOLTA PORTA A PORTA ? MA SE NON SONO CAPACI DI METTERE UN BIDONE PER L’UMIDO DA 1 ANNO PROPRIO DI FRONTE AL COMUNE ! I FATTI STANNO A ZERO E’ SONO GIA’ 6 MESI CHE SI SONO INSEDIATI !!!!

  7. chicco ha detto:

    bravo Alberto.

  8. azz ha detto:

    spagnuolo si inizia ad intravedere la tua azione amministrativa: la munnezza per strada! Tu, prezioso e tuccia siete come bassolino.

  9. munnezzadi natale ha detto:

    i cittadini tutti sono indignati e mortificati e devo dire a malincuore “indifferenti”.
    comunque grazie a “tutti “, al SINDACO, all’OPPOSIZIONE ed anche ad IRPINIA AMBIENTE per averci regalato anche quest’anno una MUNNEZZA DI NATALE…
    P.S.: UNA VOLTA NON SI DICEVA CHE ATRIPALDA ERA LA PICCOLA SVIZZERA?
    ——————————————————-VERGOGNATEVI ATRIPALDESI———————————————————-
    purtroppo ci sono finito per forza in questo paese di munnezza!!!

  10. atripaldese ha detto:

    PER IL POST NUMERO 9
    PERCHE’ NON TE NE VAI DA ATRIPALDA?

  11. Nappo Carmela ha detto:

    Prima poi il comune deve pagare irpiniaambiente però non bisogna usare i soldi solo per fare feste

  12. azz ha detto:

    premessa nappo carmela è un mito! ma< quando arriva la nuova pianta organica dei dipendenti comunali?

  13. munnezzadinatale ha detto:

    PER ATRIPALDESE: FORTUNA CHE CI DORMO SOLAMENTE IN QST PAESE, PERCHE’ INCONTRARE GENTE COME TE E’ UNA OFFESA ALLA MIA INTELLIGENZA. COMUNQUE SEI ORGOGLIOSO DI UNA REALTA’ CHE NON ESISTE FATTA DI CAFONI CHE AMANO IL MERCATO SETTIMANALE E NON SI PREOCCUPANO DEI REALI PROBLEMI CHE HA IL PAESE…XCHE’ QST SIETE…UN PAESE!!!
    P.S. SPERO DI ANDARMENE AL PIU’ PRESTO CAFONE ATRIPALDESE!!!

  14. munnezzadinatale ha detto:

    CAFONE ATRIPALDESE CAMMINA PER LE STRADE PIENE DI MUNNEZZA…VANNE FIERO!!!

  15. Michela ha detto:

    Non mi interessa chi ha le colpe. Rivoglio il mio paese. Ripulite Atripalda.

  16. atripaldese ha detto:

    figurati come stai inguiato se sei costretto a vivere in un posto che schifi……………mi fai solo pena………….

  17. mastrolindo ha detto:

    come è bello risanare vendendo il centro servizi. Giustamente quella è proprietà del
    sindaco e dei suoi cari amici amministratori.
    Vergognatevi, non siete capaci a nulla.

  18. Spagna ha detto:

    non penso che i debiti con irpinia ambiente siano frutto di pochi mesi della nuova gestione, solo chi è di parte può politicizzare la cosa.
    Andiamo a qualche anno fa, il povero Aldo tirato per i capelli a fare il sindaco e gli hanno fatto trovare ” a tavola apparata”
    Io sono atripaldese doc…spero che la nuova gestione possa portare a dei miglioramenti , se così non fosse, tutti hanno il potere di andare e votare altre persone, ma purtroppo gira e rigira ad atripalda ci sono sempre le stesse facce che puntualmente si ripresentano ad ogni elezione.
    Voglio rivolgermi a quella persona che ad atripalda ci dorme solo per sua fortuna, e sente offesa la sua intelligenza….spero tu sia di bolzano, trento o trieste, e ti dico che gente come te invece offendono la ns intelligenza.Dimostraci di essere in regola con il pagamento di tutti i tributi comunali, dimostraci di condurre una vita civile senza sbavature, dimostraci perchè ti senti offeso, dimostraci…………….da quale parte del mondo vieni che tutto funziona a meraviglia………………….perchè altrimenti ci sentiamo offensi noi atripaldesi della tua presenza nel ns umile paese.
    Ripeto sono atripaldese doc “nato a nanz o municipio ” e ti rispondo alla Cetto la Qualunque ” affattamente e propositatamente ma atripalda chi tà fatta venì”

  19. Nappo Carmela ha detto:

    Grazzie per il mito pero ti dico devi dire al comune quando arriva la nuova pianta organica? ok ciao capito come ti firmi tu o come ti chiami tu nella vita reale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *