alpadesa
  
sabato 29 febbraio 2020
Flash news:   Rubano capi di abbigliamento al “Centro Commerciale Appia” di Atripalda, tre extracomunitari denunciati dai Carabinieri Us Avellino, controlli Covisoc: esito positivo Questione Falò di San Sabino e scontro tra genitori e dirigente scolastica, l’ex sindaco Paolo Spagnuolo attacca: «evidenziano la disgregazione della nostra comunità. Amministrazione in silenzio e travolta dagli eventi, non c’è capacità di guidare i processi» “Torneo Calcistico Stracittadino” di Atripalda: pronto il regolamento della tredicesima edizione Coronavirus, negativi i primi diciotto tamponi in Irpinia Regolamento per le misure di contrasto all’evasione e morosità dei tributi locali: scontro sulle sanzioni in Consiglio, l’opposizione incalza la maggioranza Scuole chiuse in Campania, il sindaco di Atripalda recepisce l’ordinanza del governatore De Luca Coronavirus, il governatore De Luca chiude scuole e università fino a sabato in Campania Coronavirus, tampone positivo in Campania L’Avellino vince il derby con la Paganese

Pro Loco, venerdì convegno “Diritto e politica nel ‘700 borbonico” nel 250° anniversario della morte di Francesco Rapolla

Pubblicato in data: 10/12/2012 alle ore:16:13 • Categoria: AttualitàStampa Articolo

rapolla-pro-locoRicorre quest’anno il 250° anniversario della morte di Francesco Rapolla (Atripalda 1701 – Napoli 1762), uno dei grandi giuristi del XVIII secolo, una delle glorie di Atripalda. L’Associazione “Piazza Grande”, la “Pro Loco Atripaldese” e la rivista “Nuovo Meridionalismo, nell’occasione promuovono un convegno di studio sul tema:
Francesco Rapolla. Diritto e politica nel ‘700 borbonico
L’iniziativa, alla quale hanno dato la loro adesione esponenti della cultura storico-giuridica e che si avvale del patrocinio del Comune di Atripalda e dell’Ordine Forense di Avellino, si terrà il prossimo venerdì 14 dicembre 2012, presso la sala consiliare del Palazzo Civico di Atripalda.
Dopo i saluti istituzionali del sindaco di Atripalda avv. Paolo Spagnolo, dell’ avv. Fabio Benigni, presidente Ordine Forense di Avellino, di Raffaele Labate, presidente associazione Pro Loco, della dr.ssa Nunzia Battista, presidente associazione “Piazza Grande”, dell’avv. Generoso Benigni, direttore di “Nuovo Meridionalismo”, seguiranno le relazioni del prof. Raffaele La Sala e dell’avv. Teodoro Russo. Le conclusioni del convegno sono affidate al prof. Francesco Barra, Ordinario di Storia Moderna presso l’Università di Salerno.

Francesco Rapolla (Atripalda 1701-Napoli 1762)
Docente di istituzioni canoniche, diritto romano e diritto feudale nell’università di Napoli, poi magistrato, Giudice della Vicaria, Segretario della R. Camera di S. Chiara, Presidente della R. Camera della Sommaria, Consigliere Supremo del Tribunale Misto, Francesco Rapolla fu anche governatore di Pozzuoli, Taranto ed Ariano. Carlo III dovendosi istituire a Napoli un primo tribunale di commercio “lo scelse a far parte della commissione che ne doveva descrivere e i riti e le leggi”.
Appena venticinquenne pubblicò De iureconsulto, sive de ratione discendi interpretandique iuris civilis libri II, 1726 un breve trattato sulla formazione del giurista, un ‘classico’, recentemente (nel 2006) ripubblicato da Il Mulino nella prestigiosa collana di Storia dell’Avvocatura in Italia.
Alcuni anni più tardi diede alle stampe una Difesa della giurisprudenza, 1744 (in polemica con i Difetti della giurisprudenza di L. A. Muratori) e nel 1746 4 volumi di Commentaria de iure regni Neapolitani.
Opere che ancora oggi sono oggetto di riflessione critica e di attenzione scientifica. Si legga, per esempio Italo Birocchi, uno dei massimi studiosi di Rapolla che nel saggio Giurisprudenza umanistica e diritto patrio in Francesco Rapolla scrive che il De juriconsulto «rientrava nel programma dei primi esponenti neoculti che, predicando il rifiuto del principio d’autorità e il ritorno alle fonti, si erano dati alla ricostruzione storica e all’analisi dei testi romani, sul presupposto che la loro utilizzazione per la società del presente fosse necessaria per conoscere i fondamenti razionali del diritto contro le ‘deformazioni’ (ritenute arbitrarie ed interessate) dei prammatici. L’acquisizione storica e sistematica del diritto romano era ritenuta perciò il requisito basilare dell’educazione del giurista». in Iuris vincula, Studi in onore di Mario Talamanca, p. 247.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (6 votes, average: 5,00 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *