alpadesa
  
Flash news:   Vincenzo Aquino chiama le Misericordie irpine ad una svolta storica Atripalda Volley, domani presentazione ufficiale nella Sala Consiliare di Atripalda “Ripianti-Amo”, cinque nuovi alberelli in Piazzetta degli Artisti al posto di quello rubato. Foto Oggi pomeriggio la presentazione di mister Eziolino Capuano Le parole di coach De Gennaro alla vigilia della gara con la Virtus Arechi Salerno Eziolino Capuano nuovo tecnico dell’Us Avellino, esonerato Ignoffo Auto contro cisterna del gas lungo la Variante, giovane ferita e traffico in tilt tra Atripalda e Mercogliano Al via la campagna abbonamenti per la Scandone Operazione “Partenio 2.0”, bufera sulla Lega: si autosospende il coordinatore di Avellino Sabino Morano Givova nuovo sponsor tecnico della Scandone

La Destra incalza l’Amministrazione Spagnuolo sulla trasparenza degli atti comunali. Documentazione inviata alla Procura della Corte dei Conti di Napoli

Pubblicato in data: 11/12/2012 alle ore:15:47 • Categoria: Politica, La DestraStampa Articolo

logo-la-destraIl 27 novembre 2012 la Federazione provinciale della Destra ha posto 8 domande al Sig. Sindaco di Atripalda.
Il commissario Federazione provinciale di Avellino
Ermelindo Romano

Ebbene, in data 30 Novembre 2012 ha iniziato a rispondere obtorto collo l’Ufficio Tecnico del comune di Atripalda, pubblicando in un solo giorno, dopo le nostre interrogazioni, in un sol colpo ben 36 determinazioni.
Ne mancano all’appello ancora tante, 20 non pubblicate!
Le sole 36 determinazioni in questione (pubblicate di fretta, vedi errori grossolani ed intere pagine mancanti) riguardano nell’anno 2012 LAVORI AD AFFIDAMENTO DIRETTO AD AZIENDE DI FIDUCIA DI QUESTA AMMINISTRAZIONE PER € 242.680,14 (non vengono considerate le altre 120 pubblicate e le 20 in attesa di pubblicazione).
Riproponiamo le stesse domande, integrandole con le (tristi) notizie che l’albo pretorio del comune di Atripalda inizia a consegnare ai cittadini di Atripalda:
1. Perché vengono rifiutate tutte ed indifferentemente le richieste dei cittadini di atti pubblici in possesso dell’amministrazione, nonostante questa amministrazione pubblica i propri atti anche con 10 mesi di ritardo o non pubblica affatto i propria atti?
2. Perché a seguito delle sconfitte davanti al TAR le difese sono a carico dei cittadini e non dei dirigenti e degli amministratori che hanno negato contra legem l’accesso agli atti dei cittadini o non ultima la difesa di atto politico della nomina monogenere della Giunta?
3. Perché nel 2012 su 176 determinazioni del Terzo settore Ufficio Tecnico, TUTTE SENZA DATA DI CERTIFICAZIONE DI PUBBLICAZIONE, ben 36 di queste determinazioni sono state pubblicate in data 30 novembre 2012, dopo nostra puntuale interrogazione e 20 di esse non hanno visto ANCORA la loro pubblicazione?
4. Tutte queste determinazioni, perché NON sono rispettose del nostro regolamento di affidamento lavori?
5. In queste determinazioni ci sono impegni di spesa di lavori ad affidamento diretto ad aziende di parenti o affini di consiglieri comunali o assessori, in spregio ai vigenti regolamenti economici! Perché è accaduto questo? Una di queste determinazioni la numero 68 del 17 aprile 2012, AD OGGI ANCORA NON PUBBLICATA, riguarda l’affidamento di lavori AD AZIENDA DI FIDUCIA DELL’AMMINISTRAZIONE CON PROCEDURA DIRETTA PER € 87.017,54 ad azienda per ripristino della PUBBLICA ILLUMINAZIONE! Di questa determinazione abbiamo investito denuncia alla competente procura presso la Procura della Corte dei Conti in Napoli. 6. Perché non è previsto un archivio storico digitale degli atti pubblici dell’amministrazione?
7. Il sig Sindaco è distratto sulle questioni o complice?
8. Quali e quanti consiglieri comunali sono disposti a farsi carico di convocare un Consiglio Comunale che abbia come punto all’ordine del giorno la Elezione di una commissione permanente Garanzia e Trasparenza amministrativa per verificare una ricognizione sullo stato dell’arte della gestione?

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (6 votes, average: 3,17 out of 5)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

7 risposte a “La Destra incalza l’Amministrazione Spagnuolo sulla trasparenza degli atti comunali. Documentazione inviata alla Procura della Corte dei Conti di Napoli”

  1. ludovico ha detto:

    FUSSE CHE FUSSE LA VOLTA BONA.
    VAI PROCURA PRESSO LA CORTE DEI CONTI.

  2. Nappo Carmela ha detto:

    Ermelindo ti fai pubblicità per le prossime elezioni? fai finta che t’interessi ma quando eri consigliere comunale non t’interessavi. Adesso si, come mai? Come disse il famoso toto ma mi faccia il piacere

  3. e io pago ha detto:

    FINALMENTE QUALCUNO CHE DICE COME STANNO LE COSE!!!!!!!!!!SPERIAMO SOLO CHE I NOSTRI AMM.TORI…….LO SMENTISCONO…MAH…MAH

  4. Ex atripaldese ha detto:

    Vai Ermelindo speriamo che ste procure vedano le carte e qualche gatto se ne vada a casa per sempre

  5. ridicolo ha detto:

    ma sbaglio o ad aprile, periodo a cui fa riferimento la delibera in questione, amministrava Laurenzano la cui candidatura a Sindaco era sostenuta dal lanciatore di strali tornato a destra dopo incursioni a centro?? Al solito si usa il generale per curarsi il particulare. Meditate gente.

  6. vai fascio ha detto:

    Vai Ermelindo hai un caratteraccio ma sei una persona seria vai avanti.

  7. Antonio ha detto:

    Noto che dall’ultima volta i commenti in positivo sono aumentati. La federezione cresce e con lei il potere del suo integerrimo commissario. Se dovessi scoprire che i commenti sono tutti veri e non scritti dalla stessa persona, incomincerei a credere che i Maya avevano ragione. STA VENENNO A FINE RO MUNNO. MA A STO PUNTO MEGLIO.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *