alpadesa
  
sabato 19 ottobre 2019
Flash news:   Mazzette per pilotare sentenze: arrestato il giudice tributario Mauriello e Casimiro Lieto L’amministratore unico Santoli ringrazia i tifosi Atripalda Volley, grande entusiasmo per la presentazione. Il sindaco Giuseppe Spagnuolo: “vanto per la città”. Foto Pena ridotta in Appello per l’ex assessore comunale Scuole cittadine a rischio, dopo gli avvisi di garanzia non chiuderanno l’”Adamo” e la “Masi”. Il sindaco oggi relaziona al Consiglio d’Istituto straordinario: «Assolutamente nessun rischio chiusura, non c’è elemento nuovo che possa portare a qualcosa di diverso» Al via la stesura del libro sulla XI Edizione del “Torneo Calcistico Stracittadino” del 2011 Scandone sconfitta nel derby casalingo con la Virtus Salerno. Foto Mister Eziolino Capuano si presenta: «Sogno la Serie B con i lupi» Incidente lungo l’Ofantina, auto sbanda e si ribalta Scuola a rischio, nota del sindaco e del delegato ai lavori pubblici: «La doverosa iniziativa della Procura non ci sorprende né ci preoccupa ma stimolo sull’impegno intrapreso»

CSS/A6, pronto il progetto “Noi in Albania” per la formazione di 52 assistenti familiari

Pubblicato in data: 18/12/2012 alle ore:15:00 • Categoria: Attualità, SocialeStampa Articolo

noi-in-albaniaIl Consorzio dei Servizi Sociali Ambito A6 ha avuto approvato il progetto denominato “Noi in Albania”, dal Ministero del Lavoro e delle Politiche Sociali, con il Fondo di Rotazione per la formazione professionale e l’accesso al Fondo Sociale Europeo. Il progetto ha previsto la formazione professionale di “Assistente familiare – badante”, per n. 52 cittadini albanesi, che è stata realizzata in Albania. La formazione è stata svolta nella città di Tirana, presso il centro Drejtoria Rejonale e Formimit Profesional Publik nr. 4· Bulevardi “Bajram Curri” – Tirane. L’impegno del Consorzio dei Servizi Sociali A6 è stato quello di favorire, dopo la formazione, l’ingresso in Italia di almeno il 50% degli allievi. Attualmente è stato già individuato un elenco di n. 27 allieve, con diritto di prelazione per l’inserimento lavorativo in Italia, che hanno partecipato ad un corso accelerato per Assistente familiare di 15 giorni, per le quali il Consorzio di cooperative sociali “Icaro” sta già provvedendo alle richiesta di nullaosta. Alla fine del percorso formativo, il Consorzio dei Servizi Sociali A6 ha ritenuto utile promuovere un incontro con le Istituzioni, alla presenza degli organi di informazione, per illustrare l’iniziativa svolta e i risultati raggiunti. L’appuntamento potrà diventare un’occasione di confronto sulle pratiche di scambio e di collaborazione istituzionale se Lei volesse assicurare la Sua partecipazione ed il Suo intervento. La tavola rotonda si terrà il giorno 20 dicembre 2012, alle ore 10.30, presso l’ International Hotel Tirana.
E’ prevista la partecipazione di:
– Susanna Shlein

Console ambasciata italiana a Tirana

– Silva Banushi
Direttrice DG Immigrazione Ministero Politiche Sociali albanese

– Carmine De Blasio
Direttore generale Consorzio dei Servizi Sociali A6

– Antonio Fantasia
Referente UCL Ministero del Lavoro e Politiche Sociali italiano

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

2 risposte a “CSS/A6, pronto il progetto “Noi in Albania” per la formazione di 52 assistenti familiari”

  1. Senza Vergogna ha detto:

    WEEKEND TUTTO PAGATO PER BALDI GIOVANI IN UNA CAPITALE EUROPEA
    MENTRE INTERE FAMIGLIE DORMONO (E VIVONO) IN MACCHINA!!!

  2. Elvira ha detto:

    Che vergogna: questo carrozzone politico ha pure la faccia tosta di pubblicizzare questa ennesima porcheria? Bisogna arginare e chiudere questi consorzi che hanno prodotto solo consulenze per gli operatori sociali

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *