alpadesa
  
Flash news:   Il Consiglio d’Istituto del Comprensivo “De Amicis-Masi” di Atripalda elegge presidente Roberto Savarese ribaltando l’esito delle elezioni suppletive. Due genitori allontanati dai Vigili Laurea con lode di Francesca Bellizzi, auguri L’imprenditore atripaldese Marco Romano premia l’ex capitano della Roma Francesco Totti Us Avellino: Carlo Musa sollevato dall’incarico In marcia per la pace questo pomeriggio ad Atripalda L’ala piccola Lorenzo De Blasi si aggrega alla prima squadra della Scandone Avellino Via Melfi chiude di nuovo al traffico per lavori straordinari alle facciate laterali di Palazzo Del Gaudio Parte l’intervento di regimentazione delle acque a contrada Fellitto ad Atripalda. Foto Coniugi atripaldesi citano in giudizio Tour Operator per danno da vacanza rovinata Avellino–Cavese, disposizioni a seguito della chiusura della Tribuna Terminio

Uccise la moglie, rinviato a giudizio Michele Naccarelli. La sentenza, con rito abbreviato, il prossimo 13 febbraio. I familiari non si costituiscono parte civile

Pubblicato in data: 20/12/2012 alle ore:10:25 • Categoria: CronacaStampa Articolo

tribunale-av-ingressoRinviato a giudizio per l’omicidio della moglie, i familiari non si costituiscono parte civile. Michele Naccarelli uccise, al termine di una lite, la moglie, Fabiola Speranza. Il delitto lo scorso 9 gennaio davanti all’abitazione dei coniugi in contrada Pettirossi ad Atripalda. L’uomo fece fuoco con una pistola contro la consorte. La sentenza con rito abbreviato, a seguito della richiesta dell’avvocato difensore Alfonso Maria Chieffo, sarà emessa il prossimo 13 febbraio.
Nonostante fosse stato chiesto il rinvio dell’udienza preliminare, in quanto mancavano le notifiche alle parti civili, i familiari di Fabiola Speranza, il Gup Giuseppe Riccardi ha comunque aperto il dibattimento preliminare e deciso che il prossimo 13 febbraio ci sarà la discussione in aula, quella a questo punto riservata esclusivamente alla pm che ha condotto le indagini, la dottoressa Teresa Venezia e quella del legale difensore dell’ex custode dei Feudi, il penalista Alfonso Chieffo. Ed in quella data, probabilmente, sarà anche emessa la sentenza di primo grado per il delitto di Contrada Pettirosso. Ovviamente su tutto pesano anche le valutazioni del perito nominato dal Tribunale.  Capacità di intendere e di volere grandemente scemata per il Naccarelli che avrebbe agito in preda ad un raptus. Queste le condizioni in cui avvenne l’uxoricidio di Contrada Pettirosso ad Atripalda, quello in cui Michele Luigi Naccarelli uccise la coniuge Fabiola Speranza. A giungere alla conclusione, che parzialmente conferma come il quarantenne non fosse nel pieno delle sue facoltà mentali, il perito nominato dal Gip del Tribunale di Avellino Giovanfrancesco Fiore, Il professor Antonello Crisci dell’Università di Salerno era stato nominato dal Gip del Tribunale di Avellino.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *