sabato 12 giugno 2021
Flash news:   Blackout in centro ad Atripalda: manca la corrente da un’ora e mezza. Problemi e disagi per famiglie e negozi Trovato l’accordo tra Comune e impresa costruttrice dell’ex Centro Servizi alle Pmi dopo un contenzioso durato oltre 15 anni in attesa della Cassazione Le associazioni della Valle del Sabato scrivono al governatore De Luca: “Basta veleni nell’ambiente” 108402 Scuola Pascoli, cambia il cronoprogramma e slitta di sei mesi la riapertura dell’istituto L’Azienda ospedaliera “Moscati” potenzia il proprio parco mezzi: consegnate stamattina due ambulanze di tipo A Contrasto ai furti: sorpresi con attrezzi da scasso e denunciati dai Carabinieri Open Day con il vaccino Johnson & Johnson dell’Asl Avellino per sabato 12 giugno: dalle 22 di stasera al via le iscrizioni Coronavirus, scendono a 9 gli attuali positivi ad Atripalda Si amplia il sistema di videosorveglianza ad Atripalda con dieci nuove telecamere che saranno installate dal centro alla periferia

Per la Sidigas Avellino una nuova sconfitta in trasferta: Reggio Emilia doma i biancoverdi 91 a 64

Pubblicato in data: 23/12/2012 alle ore:23:06 • Categoria: Avellino Basket

sidigas-brindisi4Una brutta Scandone perde 91 a 64 senza mai riuscire a reagire. Un risultato più che giusto. Finisce nel peggiore dei modi la trasferta di Reggio Emilia. Adesso, la classifica si fa veramente difficile e occorre subito una sterzata per non rischiare di andare sempre peggio. A preoccupare è soprattutto la non reazione degli uomini di Tucci che non riescono proprio a riprendersi. La Scandone scende in campo con questo quintetto: Hardy, Dragovic, Shakur, Johnson, Dean. Rispondono i padroni di casa con: Jeremic, Taylor, Antonutti, Cervi, Cinciarini. Parte con il freno a mano tirato la Scandone che va subito sotto grazie a Taylor e Cinciarini, ma Shakur e Dragovic fanno capire che Avellino non vuole essere la vittima sacrificale. I Biancoverdi hanno un buon inizio, ma trovano davanti una Trenkwalder in forma che con gli ottimi Taylor e Antonutti trova il primo break importante. 9 a 4 e coach Tucci corre immediatamente ai ripari. Ivanov con una schiacciata fa vedere un po’ del proprio valore. Shakur prova a proseguire la rimonta, frenata da Jeremic che porta a 5 le lunghezze di distanza. Il primo quarto, non di certo spettacolare si chiude 18 a 12 per Reggio Emilia. E’ una Scandone che non ritorna in campo nel secondo quarto, una squadra che non riesce praticamente mai ad imporre il proprio gioco. Grazie a Stanina, James e Cinciarini i padroni di casa dilagano. Sul 25 a 12 Tucci chiama time out. Avellino prova ad abbozzare una reazione con Ivanov e Spinelli, ma senza alcun esito. Hardy non è in partita e Reggio Emilia prende il largo. Il quarto si chiude 41-26. Avellino mai in partita e che si scoglie come neve al sole. Shakur e Dean sbagliano anche i tiri più semplici. Segna Johnson dalla lunetta, ma per i biancoverdi non si riaccende la luce. Cinciarini trova la sesta tripla su 16 tentativi (44 a 28). Figuraccia di Avellino che addirittura va sotto 65-39. Il quarto si chiude 67-43 per i padroni di casa. Johnson e Dragovic cercano lo scatto di orgoglio. Reggio continua a farla da padrone e complice una retroguardia biancoverde in balia dell’avversario riesce ad incrementare il risultato. Il tabellone segna 72 a 48. La Scandone perde 91 a 64 senza mai riuscire ad andare avanti.

Print Friendly, PDF & Email
Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *