alpadesa
  
domenica 17 febbraio 2019
Flash news:   I lupi cadono a Sassari Valle del Sabato, presentato dalle associazioni il dossier sull’inquinamento: “dati preoccupanti” Festa nel pub di Solofra con Fabrizio Corona: blitz di Carabinieri e Finanza Il Pd riparte ad Atripalda, l’assessore Palladino: «Stasera abbiamo dimostrato che non siamo pochi quelli che hanno a cuore la rinascita». FOTO Atto vandalico allla targa degli Scout, Antonio Evangelista: «Ci auguriamo che sia l’azione di uno sciocco, ma quella frase scritta fa male» Atto vandalico alla targa del Gruppo Scout Agesci Atripalda 1: ricoperta da scritte offensive Lutto Picone, addio al papà del vice comandante dei vigili Sabino Cinema Ideal, sul futuro restano le distanze tra eredi e Comune. Il sindaco: «proviamo insieme se c’è la volontà di collaborazione a dar vita ad un polo culturale. Io non accantonerei la legge Franceschini» Brutto incidente sulla Variante: centauro in gravi condizioni Vucinic: “amareggiati e dispiaciuti ma fare tesoro degli aspetti positivi”

Per la Sidigas Avellino una nuova sconfitta in trasferta: Reggio Emilia doma i biancoverdi 91 a 64

Pubblicato in data: 23/12/2012 alle ore:23:06 • Categoria: Avellino BasketStampa Articolo

sidigas-brindisi4Una brutta Scandone perde 91 a 64 senza mai riuscire a reagire. Un risultato più che giusto. Finisce nel peggiore dei modi la trasferta di Reggio Emilia. Adesso, la classifica si fa veramente difficile e occorre subito una sterzata per non rischiare di andare sempre peggio. A preoccupare è soprattutto la non reazione degli uomini di Tucci che non riescono proprio a riprendersi. La Scandone scende in campo con questo quintetto: Hardy, Dragovic, Shakur, Johnson, Dean. Rispondono i padroni di casa con: Jeremic, Taylor, Antonutti, Cervi, Cinciarini. Parte con il freno a mano tirato la Scandone che va subito sotto grazie a Taylor e Cinciarini, ma Shakur e Dragovic fanno capire che Avellino non vuole essere la vittima sacrificale. I Biancoverdi hanno un buon inizio, ma trovano davanti una Trenkwalder in forma che con gli ottimi Taylor e Antonutti trova il primo break importante. 9 a 4 e coach Tucci corre immediatamente ai ripari. Ivanov con una schiacciata fa vedere un po’ del proprio valore. Shakur prova a proseguire la rimonta, frenata da Jeremic che porta a 5 le lunghezze di distanza. Il primo quarto, non di certo spettacolare si chiude 18 a 12 per Reggio Emilia. E’ una Scandone che non ritorna in campo nel secondo quarto, una squadra che non riesce praticamente mai ad imporre il proprio gioco. Grazie a Stanina, James e Cinciarini i padroni di casa dilagano. Sul 25 a 12 Tucci chiama time out. Avellino prova ad abbozzare una reazione con Ivanov e Spinelli, ma senza alcun esito. Hardy non è in partita e Reggio Emilia prende il largo. Il quarto si chiude 41-26. Avellino mai in partita e che si scoglie come neve al sole. Shakur e Dean sbagliano anche i tiri più semplici. Segna Johnson dalla lunetta, ma per i biancoverdi non si riaccende la luce. Cinciarini trova la sesta tripla su 16 tentativi (44 a 28). Figuraccia di Avellino che addirittura va sotto 65-39. Il quarto si chiude 67-43 per i padroni di casa. Johnson e Dragovic cercano lo scatto di orgoglio. Reggio continua a farla da padrone e complice una retroguardia biancoverde in balia dell’avversario riesce ad incrementare il risultato. Il tabellone segna 72 a 48. La Scandone perde 91 a 64 senza mai riuscire ad andare avanti.

Print Friendly, PDF & Email

Potrebbero interessarti anche questi articoli:

Ti È piaciuto questo articolo? Votalo adesso!
1 Star2 Stars3 Stars4 Stars5 Stars (No Ratings Yet)
Loading...


Non saranno pubblicati commenti offensivi, diffamanti o lesivi della dignità umana e professionale di amministratori, politici o semplici cittadini. La redazione di AtripaldaNews si riserva la possibilità di pubblicare solo parte del contenuto, procedendo a tagliare le frasi offensive. Invitiamo i nostri lettori, nel rispetto delle regole di una società civile, a firmare con nome e cognome i propri commenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *